Sara Tommasi, nuova vita: «Sono scesa all’inferno e sono viva per miracolo. Potevano propormi di tutto, non sapevo cosa facevo»

“A 27 anni qualcosa nella mia testa ha cominciato a non funzionare. È avvenuto tutto molto lentamente, senza veri e propri segnali forti che potessero mettermi in allarme”. Sara Tommasi ripercorre un periodo difficile che oggi ha superato grazie all’ausilio dei dottori e alla vicinanza della famiglia: “Una lunga discesa che mi ha portato diritta all’inferno – ha fatto sapere a “Vero” – Oggi tutto questo per me ha un nome: ho scoperto di essere affetta da una forma di bipolarismo che ha una carattere genetico”.

sara-tommasi-nuova-vita_27123356

Momenti difficili (“non sapevo quello che facevo. Potevano propormi di tutto, tanto io non avevo minimamente la forza di reagire e ragionare. Ci sono state delle volte che sono stata letteralmente raccolta per strada, in stato confusionale, e portata all’ospedale con l’ambulanza. Credetemi, è un miracolo se sono ancora viva”) in cui la madre le è stata a fianco: “Il merito e stato tutto di mia madre. Non mi ha mai abbandonata, anche quando sparivo nel nulla per giorni e giorni: ha consultato diversi ospedali italiani e, grazie alla sua tenacia, ho iniziato le prime cure”.

I ricoveri sono stati diversi: “Ho subito sei ricoveri coatti. Sono stata negli ospedali Sant’Andrea e Villa Santa Maria di Roma” Una anche nella clinica Le Betulle vicino Como, oltre al Santa Maria di Terni. Un calvario, ma oggi sono ancora qui, viva. E pronta a ricominciare da capo. Anche se non è facile”.
Ora vorrebbe aprire una studio da commercialista ed avere una famiglia e intanto al suo fianco c’è una persona speciale: “c’è un uomo che mi è vicino e che mi vuole molto bene. L’ho conosciuto tre anni fa, facendo la spesa al supermercato, e abbiamo stretto una bella amicizia. Però non sono ancora pronta per avere una relazione importante perché sono molto concentrata su me stessa, anche se io vorrei tanto. La verità è che sogno una vita normale”.

Sesso e donne , ecco i 5 segnali per capire che lui non è quello giusto per fare l’amore

Quando fare l’amore si rivela un flop. Il sesso è visto dalla maggior parte delle donne come il momento più romantico e appagante del rapporto a due. Ma in realtà le cose non vanno sempre per il verso giusto. Dopo aver fatto sesso una donna può sentirsi triste e insoddisfatta. E questo capita quando il partner non è quello giusto.   Ecco quindi cinque segnali che fanno capire al gentil sesso che è ora di cambiare “lui”.

pellegimg-8190-778401_650x0-e13335222898311) Dopo aver fatto l’amore non si fa sentire. Sarebbe naturale condividere le emozioni provate in quel momento, ma lui sparisce. Forse è meglio chiedersi perché.

2) Quando fai sesso con lui, non provi piacere e simuli l’orgasmo? Questo è sicuramente il segnale che manca sintonia ed è meglio correre ai ripari.

3) Non andate d’accordo sulla dinamica del rapporto. Tu preferiresti un momento romantico, lui un incontro mordi e fuggi. Ecco un altro campanello di allarme.

4) Vorresti gridare ai quattro venti della vostra notte d’amore e lui non vuole? Ha qualcosa da nascondere, gatta ci cova.

5) Ti spinge a fare sesso anche quando non ti senti bene, facendo leva sul tuo senso di colpa? Vuol dire che desidera solo un rapporto fisico, scappa a gambe levate.