Esordio hot per Stefano De Martino all’Isola dei Famosi

Bello, spigliato e sexy. L’esordio di Stefano de Martino all’Isola dei Famosi è già un successo.
L’ex ballerino di Amici e nuovo inviato dell’Isola in onda su Canale 5 si è collegato con lo studio direttamente dall’elicottero e prima di tuffarsi ha dedicato anche un pensiero al figlio avuto con Belen: “Ciao Santi papà ti ama tanto”

3500467_2202_stefanodemartino_isola_3 (1).Poi toglie la maglietta e mette in mostra tutti i suoi tuatuaggi, neanche a dirlo, social in delirio per il fisico da urlo di De Martino.
Il nuovo inviato, a differenza dei suoi predecessori mostrerà ai naufraghi tutte le prove mostrandole in prima persona. Raggiunta l’Isola a nuoto la Marcuzzi gli chiede: “Vuoui fare qualche dichiarazione?”, “De Martino: “no ne ho fatte abbastanza”, e sorride.

Aida Yespica e Geppy Lama di nuovo insieme dopo il GfVip: “Siamo maturi, non cancelliamo il bello”

Si sono lasciati dopo il Grande Fratello Vip, ma Aida Yespica e Geppy Lama continuano a vedersi ancora.

1511358777_geppy-lama-aida-yespica

I due erano fidanzati da quattro mesi quando Aida è entrata nel reality Mediaset dove ha avuto una grande simpatia per Jeremias Rodriguez, provocando le ire del fidanzato rimasto a casa.
Dopo la reclusione televisiva Aida ha messo fino alla love story ma i due sono stati sorpresi di nuovo insieme a Napoli: “Tra noi la storia è chiusa – ha spiegato la showgirl alla rivista – ma siamo maturi, non c’è bisogno di cancellare il bello che c’è stato. Il vero uomo della mia vita è mio figlio Aaron”.

“Chi ingrassa non è più bello”, bufera sul sequel di Biancaneve

Una polemica globale per un film che si ispira chiaramente al classico Disney ‘Biancaneve e i sette nani’ e realizzato dalla casa di produzione sudcoreana Locus. Il motivo è molto semplice: secondo i suoi detrattori, influenzerebbe i bambini invitandoli a discriminare le persone grasse. Si chiama ‘Red Shoes and the 7 Dwarfs’ (‘Scarpette rosse e i 7 nani’) ed è la storia di una ragazza che da un giorno all’altro si risveglia più grassa e trova i nani cresciuti.

2493538_1912_dbf7raxuiaadqhz

Teoricamente, la sua funzione è piuttosto educativa: la morale del film d’animazione è che tutti possono accettare il proprio corpo. A giudicare dalla didascalia usata in un manifesto promozionale, però, l’effetto ottenuto sarebbe l’esatto contrario. Nel banner, infatti, si legge: «Cosa accadrebbe se Biancaneve non fosse più bella e i 7 nani non così piccoli?».
Ad alimentare la polemica è stata la modella curvy Tess Hollyday, che da tempo si batte per le ‘taglie reali’ nel mondo della moda e che lotta contro le discriminazioni delle persone in base al loro peso. «Come può un’intera squadra di marketing approvare una cosa del genere? Perché va bene dire che ‘grasso=brutto’?», si chiede la ragazza su Twitter.
Tess ha anche ‘taggato’ nel tweet l’attrice Chloe Moretz, che presta la sua voce al personaggio di Biancaneve. La giovane statunitense si è dissociata: «Nessuno ha mai approvato una cosa del genere, il film parla di tutt’altro. Ho informato della cosa i produttori, la vera storia è un esempio e una lezione di vita per le bambine, tutto questo è assurdo».

“Ma quanto è bello Gabriel Garko”: la pm che ha perso l’incarico tradita da una spia

La pm Barbara Bresci è stata sollevata dall’incarico nell’inchiesta sull’esplosione di una villa a Sanremo perché sui social si era lasciata andare ad apprezzamenti nei confronti di Gabriel Garko.

13006563_985904731486337_4999712065220428801_n

A tradirla, una “spia” che avrebbe diffuso i suoi commenti su Facebook. Gabriel Garko alloggiava nella villetta esplosa poco prima che iniziasse l’ultima edizione del Festival di Sanremo e La Bresci aveva candidamente ammesso che l’attore era “tanta roba anche se acciaccato”. Garko, infatti, si era presentato sconvolto e in pigiama davanti al magistrato per raccontare quanto accaduto poche ore dopo l’esplosione nella villa.
Qualcuno deve aver segnalato le sue conversazioni su Facebook al solo scopo di gettare discredito.

Antonio, uno studente di 17 anni è il ragazzo più bello della Campania

Brillante affermazione del 17enne Antonio Marzano, che ha vinto l’ambito e prestigioso titolo di Mister Campania 2015, nella grande kermesse di bellezza che si è svolta nei giorni scorsi a San Rocco di Marano. In gara una quarantina di agguerriti concorrenti provenienti da ogni parte della regione.

20150401_c2_belloE così, nella splendida e suggestiva location di villa Borghese del concorso Miss e Mister Campania, il giovane caivanese si è imposto nella selezione ufficiale indossando costumi e abiti con invidiabile classe. Antonio, tra una sfilata e l’altra, ha mostrando sulla passerella anche tanto fascino che ha decisamente ammaliato la folta giuria, composta da esperti del settore.  Alla fine il folto pubblico presente alla manifestazione ha accompagnato con un lungo applauso la sua elezione. Antonio, studente del quarto anno dell’istituto superiore “Francesco Morano” di Caivano, con specializzazione in informatica, ha le idee molto chiare per il suo futuro.  «Sono davvero molto contento per questo importante successo che dedico soprattutto ai miei genitori, Francesca e Ciro, che mi hanno sempre sostenuto senza alcuna esitazione nelle mie scelte – sottolinea il bell’Antonio – ma ora il mio sogno nel cassetto non è certamente quello di continuare a fare il modello. Il mio desiderio, dopo aver conseguito il diploma di perito informatico, è quello di continuare gli studi universitari e di diventare un ufficiale dell’esercito». Ma la passione di Antonio, oltre a fare tanto sport, è soprattutto quella di ascoltare anche tanta musica di ogni genere con l’hobby del Dj. Intanto la vittoria conquistata alla fase regionale del concorso ha consentito ad Antonio di staccare il biglietto per la successiva fase nazionale.

Bello e sano, brutto e malato: Le persone attraenti si ammalano di meno

madalina-ghenea1Belli, corteggiati e anche sani. Secondo uno studio le persone belle, infatti, sarebbero anche meno predisposte ad ammalarsi rispetto a quelle più bruttine. Non si tratta solo di discriminazione sociale ma anche di una discriminazione genetica.
A rivelarlo è uno studio condotto dalla University of Cincinnati e pubblicato su Evolution And Human Behaviour.  Le persone meno attraenti sono più soggette a malattie come acufene, asma, diabete, pressione alta, colesterolo alto, depressione.
Il campione di persone, uno dei più vasti utilizzato in una ricerca, è stato suddiviso tra persone attraenti, molto attraenti e poco attraenti. Nell’analisi è stato poi riscontrato che i più belli chiedevano meno giorni di malattia a lavoro rispetto a quelli valutati come più bruttini.