Barbara D’Urso: “Che orgoglio il picchetto d’onore per me”. Ira polizia e lei rimuove il video da Instagram

Ha suscitato polemiche il video postato dalla conduttrice tv Barbara d’Urso in cui si vedono alcuni agenti della Polizia schierati nel cortile della Questura di Milano in occasione di una sua visita. Secondo quanto riportato da alcuni media, si sarebbe trattato di un picchetto d’onore, ma dalla Questura precisano che «non è affatto così». «Si trattava solo di un cambio turno e i ragazzi si sono messi in posa per fare una foto, non certo per fare un picchetto».

3376620_1357_picchetto3 (1)

Sarà, ma la conduttrice tv che aveva pubblicato il video si è affrettato a rimuoverlo quando però ormai la frittata era fatta. Molte testate lo avevano infatti già copiato ed è quello che qui vi proponiamo dove si sente la presentatrice tv dire “che orgoglio, ragazzi”.
Tuttavia c’è chi non ha gradito il video. Il Movimento dei poliziotti democratici e riformisti ha scritto una lettera aperta di protesta al Capo della Polizia, Franco Gabrielli. «Chiediamo a lei Sig. Capo della Polizia se è lecito predisporre un picchetto d’onore per la visita di una conduttrice televisiva presso la Questura, per quanto brava, simpatica, famosa e bella questa signora possa essere». «Oggi la Polizia di Stato è su tutti i siti web e i giornali italiani non per una brillante operazione di p.g. ma per il fatto che la signora Barbara D’Urso con estrema semplicità, dimostrando tra l’altro affetto e stima per la Polizia di Stato, ha postato su tutti i social un video amatoriale attraverso il quale si compiace per l’accoglienza istituzionale ricevuta».
«Senza entrare nel merito di quanto riportato da alcune testate giornalistiche prendiamo nettamente le distanze dalla volgare strumentalizzazione anche da parte di alcune sigle sindacali, rispetto a come sia stato enfatizzato ad arte un episodio occasionale e non programmato che ha visto protagonista una nota presentatrice televisiva e alcuni colleghi, durante la sua visita in Questura a Milano». Lo afferma, in una nota, il Segretario generale nazionale del Siap, Giuseppe Tiani, in merito alle notizia su uno schieramento di agenti nel cortile di via Fatebenefratelli durante la visita della presentatrice, che poi ha fatto girare un video. «Riteniamo assurdo che si possa far passare l’idea che venga disposto un picchetto d’onore per una personalità del mondo dello spettacolo – prosegue Tiani – quando risulta sino a prova contraria, che tale servizio non sia stato disposto con la necessaria ordinanza del Questore di Milano né tanto meno dai soggetti istituzionali preposti a farla eseguire, essendo la stessa disciplinata da regole scritte e protocolli ben precisi».

Abatantuono: “Eleonora Pedron, come seta”

Eleonora Pedron è stata una delle protagoniste della settima puntata di Quelli che il calcio, il format domenicale condotto da Luca Bizzarri, Paolo Kessisoglu e Mia Ceran. La showgirl, tifosissima della Juventus, si è seduta al fianco dell’attore comico e milanista doc Diego Abatantuono. E non sono mancate le battute e le frecciatine sul look.

C_2_box_46163_upiFoto1F (1)

Forse anche in onore della sua squadra del cuore, Eleonora Pedron ha indossato un particolare abito bianconero Babylon, con gonna asimmetrica e taglio sulla scollatura, abbinato a stivaletti con fibbie Simone Castelletti. E proprio sul look si è soffermato Diego Abatantuono: “Se accarezzi l’acrilico su di lei sembra seta”. Pronta la risposta della Pedron: “La prossima volta mi vesto con dei chiodi” e tutto il pubblico a ridere ed applaudire.
Anche i due conduttori non hanno risparmiato frecciatine simpatiche all’ex Miss Italia soprattutto riguardo alla sua storia con Max Biagi. Alla fine della puntata Eleonora Pedron ha voluto immortalare sul suo profilo Instagram una foto con un altro ospite del programma, l’ex coach dell’Olimpia Milano Dan Peterson, definito dalla showgirl “il mio allenatore speciale”.

Beyoncé canta in onore di Stevie Wonder, ma il vestito è troppo corto

Beyoncé ha oscurato la stelle della musica accorse a Los Angeles l’11 febbraio per il concerto in onore di Stevie Wonder.

img.phpLa cantante ha ipnotizzato il pubblico del Nokia Theatre non solo con la sua interpretazione di famose hit del cantante soul, come “Fingertip” e “Higher Ground” – suonate insieme a Ed Sheeran e Gary Clark jr – ma anche con il suo abito nero e oro, tanto succinto da lasciare intravedere un po’ troppo.Lo “Stevie Wonder: Songs in the Key of Life – An All-Star Grammy Salute” si è tenuto due giorni dopo la cerimonia dei Grammy Awards. Alla serata, hanno partecipato tantissimi artisti – da Lady Gaga a Pharrell Williams, da John Legend ad Andrea Bocelli – e tutti si sono esibiti in cover del celebre cantante, vincitore di 25 Grammy, che ha chiuso il concerto con un medley dei suoi più grandi successi.