Barbara D’Urso distrugge Cecilia Rodriguez in diretta: ecco le parole al veleno

Continua il botta e risposta a distanza tra Barbara D’Urso e Cecilia Rodriguez, sua nuova nemica giurata. Dopo le dichiarazioni rilasciate a Alfonso Signorini da parte dell’argentina, Carmelita ha sferrato il suo attacco. L’ultima parola, per ora, è toccata alla presentatrice di Pomeriggio 5. Ecco cosa ha detto in diretta.

8_20171129110413 (1)

In un’intervista rilasciata sulle pagine di Chi, infatti, l’argentina ha lanciato frecciatine contro Barbarella per come ha trattato il caso dell’armadio e non solo.
In generale lei e il fratello hanno fatto sapere che non andranno mai ospiti a Pomeriggio 5 o Domenica Live. A questo affronto, la regina di Canale 5 ha risposto per le rime e dobbiamo dire che ha incontrato il favore del pubblico!
Lo scontro tra Barbara D’Urso e Cecilia Rodriguez si è consumato a distanza nella puntata di ieri del salotto pomeridiano di Canale 5 quando la conduttrice, con un certo sarcasmo, ha detto:
“Ho condotto svariate edizioni del Grande Fratello e devo dire che gli autori sono stati dei geni a rimettere Cecilia nell’armadio, perché così continuiamo a parlare dell’armadio! Chapeau! Certo, io se fossi rientrata nella Casa, non ci sarei andata nell’armadio. Ma perché ho più esperienza, un lavoro, un curriculum…”
La prima frecciatina ha poi lasciato spazio ad un affondo ancor più pesante:
“Karina, basta parlare dell’armadio sennò ti ci chiudo io dentro. Parliamo di Cecilia come persona, ha un lavoro”?
Dallo studio in coro hanno risposto “No”, così Barbarella ha colto l’occasione per annientarla definitivamente: “Magari – ha fatto sapere – la prendo come opinionista anche se di solito scelgo persone intelligenti”.

Gli uomini intelligenti preferiscono una partner con il seno piccolo: ecco perché

Gli uomini intelligenti preferiscono le donne con un seno piccolo. È la rivincita delle donne non formose quella spiegata dai ricercatori di Psychology Today che affermano come gli uomini mentalmente più sviluppati e colti prediligano una partner con un seno più piccolo.  Il motivo non è solo sociale, e quindi legato all’apparenza e al desiderio di voler “mostrare” una donna più bella ma psicologico.

vantaggi-seno-piccolo-6

Gli uomini a cui piacciono le donne con il seno piccolo hanno un minor fabbisogno materiale, vale a dire che si sentono realizzati e completi, mentre a prediligere le donne più formose sono gli uomini con cultura minore e che ricoprono, lavorativamente parlando, impieghi di minore pregio e responsabilità.  La ricerca ha dimostrato che gli uomini che prediligono donne longilinee e dall’aspetto raffinato sono solitamete più ricchi della media, tutto il contrario si predilige in caso di stipendi più bassi, come se il corpo femminile desse loro il senso di opulenza che materialmente manca.

Seno e lato B, grandi o piccoli? Ecco cosa preferiscono gli uomini intelligenti

Décolleté prosperoso e lato B a mandolino, secondo il sentire comune sarebbero questi i canoni della bellezza. Ma per la scienza non è proprio così.  Il giornalista Michele Monina in un articolo sul Fatto Quotidiano ha fatto il punto della situazione, sostenendo che gli uomini intelligenti preferirebbero un seno piccolo e un sedere grande.

gisele (1)

“Gli uomini più intelligenti – afferma – sono quelli che si concentrano sui culi grossi e le tette piccole. Lo dicono gli scienziati, noi non siamo scienziati, ma giornalisti, quindi ci limitiamo a riportare la cosa, accompagnando il tutto con un segno di compiaciuto assenso. Il seno piccolo è più sensibile e delicato, non è mai volgare. Se vediamo una bella donna con una piccola scollatura, dobbiamo chiederci, sempre che abbia senso porsi certe domande, se è naturale, o se è ricorsa alla chirurgia estetica. Il seno piccolo è più sincero ed elegante e non invecchia mai. I grossi seni invece stanno lì, sotto gli occhi di tutti, si vantano, quasi, distraggono, cercano vanesiamente di attirare l’attenzione. Ricordano il porno e quindi fanno finire tutto nel volgare”.  E infine il giornalista conclude con una considerazione sul lato B. “Il culo grosso è il vero senso delle forme italiane. È sincero e non si deturpa. Quindi gli uomini intelligenti sanno cosa devono cercare e apprezzare in una vera donna”.

Bionde alla riscossa, uno studio mostra che sono più intelligenti delle more

Contro ogni luogo comune, le donne bionde sono più intelligenti delle more. A svelarlo è una ricerca della ‘Ohio State University’ che sfata lo stereotipo delle bionde frivole e superficiali. Il loro QI medio è agli stessi livelli delle more, ma hanno più probabilità di essere dei geni.  ‘Are Blondes Really Dumb?’ chiede nel titolo lo studio, che ha analizzato il quoziente intellettivo delle donne incluse in un’indagine nazionale del 1979.

Kl7UE9N

A spingere il ricercatore Jay L Zagorsky a farlo, sono state le conseguenze economiche dello stereotipo. “Le donne con i capelli biondi – spiega Zagorsky – sono spesso considerate belle ma stupide, uno stereotipo dannoso dal momento che i datori di lavoro cercano generalmente dipendenti intelligenti”. Eppure, le bionde hanno riportato un QI medio più alto delle altre, molto vicino a quello delle castane. Non solo, hanno anche la percentuale minore di IQ bassi: quindi, stando alla ricerca, una donna bionda ha più probabilità delle altre di risultare un genio.

Le donne con il sedere grosso e i fianchi larghi sono più intelligenti: lo rivelo lo studio

Donne, avete i fianchi larghi e il sedere non troppo magro? Non abbiate paura: uno studio rivela che siete più intelligenti rispetto alle vostre ‘colleghe’ più slim.

C_4_foto_1075175_imageGli scienziati dell’Università di Oxford, infatti, hanno eseguito un esame su 16.000 donne sposate e ragazze madri:  “Le donne con il sedere grosso sono più intelligenti della media ed anche più sane, almeno stando ai risultati che emergono dal nostro studio. Tutto merito degli acidi grassi omega 3, che oltre a migliorare le performance intellettuali ed abbassare i livelli di colesterolo e glucosio, sarebbero i diretti responsabili dei fianchi larghi e contribuirebbero allo sviluppo dei glutei”. Ad affermarlo è stato il dottor Konstantinos Manolopoulos, coordinatore dello studio e ricercatore presso l’Università di Oxford.