Mangiare lentamente e niente snack dopo cena: i segreti su come dimagrire in una ricerca giapponese

Rallentare la velocità con cui si mangia, oltre a evitare gli snack dopo cena o comunque ogni tipo di alimento entro 2 ore dal momento in cui si va a letto, sono stratagemmi che possono aiutare davvero a perdere peso, suggerisce una ricerca pubblicata sulla rivista online ‘Bmj Open’. Secondo i ricercatori della Kyushu University di Fukuoka, in Giappone, cambiare queste abitudini alimentari consente di ridurre fortemente obesità e indice di massa corporea, così come la circonferenza della vita.

funghiQ-785x450

Gli esperti lo hanno scoperto analizzando dati di assicurazioni sanitarie relativi a quasi 60.000 diabetici in Giappone, che avevano presentato una qualche forma di richiesta di risarcimento e che si erano sottoposti a regolari controlli di salute tra il 2008 e il 2013. Durante i controlli i partecipanti sono stati interrogati sul loro stile di vita, comprese le abitudini alimentari e di sonno. In particolare, i partecipanti sono stati espressamente interrogati sulla velocità con cui si alimentavano, che è stata poi classificata poi come veloce, normale o lenta.

È stato anche chiesto se fossero soliti, 3 o più volte alla settimana, cenare entro 2 ore dall’addormentamento, fare uno spuntino dopo cena, saltare la colazione. Ebbene, i ‘mangiatori lenti’ tendevano a essere più sani e ad avere uno stile di vita più regolare rispetto a coloro che indugiavano meno a ogni boccone. Sulla base di questo risultato, circa la metà del campione (poco meno del 52%) ha cambiato la propria velocità nel mangiare nel corso di 6 anni.

Dopo aver preso in considerazione fattori potenzialmente influenti, i risultati hanno mostrato che, rispetto a quelli che tendevano a divorare il cibo, quelli che mangiavano a una velocità normale avevano il 29% di probabilità in meno di essere obesi, percentuale che sale al 42% per coloro che mangiano lentamente. Anche gli spuntini dopo cena, e il mangiare meno di 2 ore prima di andare a dormire 3 o più volte alla settimana, erano fortemente legati ai cambiamenti nel Bmi. Saltare la colazione non è apparsa un’abitudine negativa, almeno in questo senso.

Gwyneth Paltrow, uno scatto con l’ex e il nuovo compagno

Seduti allo stesso tavolo apparentemente ancora assonnati, ma sorridenti, Chris Martin e Brad Falchuk, rispettivamente l’ex marito e il compagno di Gwyneth Paltrow, si preparano a fare una colazione a tre con l’attrice. “Modern Family” cinguetta lei sui social.

C_2_articolo_3108857_upiImagepp (1)

Nessun rancore tra ex, ma un buon rapporto fraterno. E’ quello che sono riusciti a creare la diva di Hollywood e il frontman dei Coldplay da quando hanno smesso di amarsi rimanendo pur sempre complici per il bene dei loro figli Apple e Moses.
Dopo 10 anni di matrimonio, i due per un lungo periodo hanno addirittura continuato a vivere sotto lo stesso tetto anche dopo la separazione e, in seguito, pur avendo imboccato strade differenti, non hanno mai smesso di festeggiare insieme ricorrenze ed eventi.
Ma anche semplici domeniche in famiglia, proprio come quella che la Paltrow ha documentato su Instagram mostrando Chris e Brad, produttore televisivo (che Gwyneth frequenta dal 2014), insieme mentre sorridono in attesa di sorseggiare una tazza di caffè… in amicizia.