“Angelina Jolie? Non c’entra niente. Voglio somigliare a…”: la vera storia di Sahar

Qualche ‘ritocchino’ c’è, e si vede, ma si tratta di interventi di rinoplastica molto comuni nel suo paese, che si contende il primato mondiale della chirurgia estetica con il Brasile. La 22enne iraniana Sahar Tabar, che diceva di essersi sottoposta a una cinquantina di interventi per assomigliare ad Angelina Jolie, in realtà non è diventata ciò che fingeva di essere su Instagram.

3409866_1203_sahar (1)

Nelle sue foto ‘vere’, infatti, la ragazza presenta solo i segni di un intervento chirurgico al naso. Ciò che ha pubblicato sul suo profilo Instagram, che l’ha portata alla fama mondiale, è invece effetto di un gran lavoro combinato di trucco, creatività e abilità nell’utilizzo di Photoshop.
Le foto pubblicate sull’account Instagram, la cui privacy ora è stata ristretta, hanno suscitato da un lato molta preoccupazione per le sorti della ragazza, dall’altro hanno attirato diversi haters che l’hanno insultata e derisa, paragonandola alla ‘sposa cadavere’ di Tim Burton.
Più che di Angelina Jolie, infatti, Sahar è una grande fan del regista visionario e tra i suoi film preferiti ci sono proprio ‘La sposa cadavere’ e ‘Nightmare before Christmas’.
Per ottenere gli occhi chiari nelle sue foto, prima di ritoccarle in digitale, Sahar ha utilizzato lenti a contatto azzurre e bianche. La storia del dimagrimento preoccupante (alcuni media avevano parlato anche di una perdita di peso di 40 kg) è probabilmente la ciliegina sulla torta di una vera e propria bufala: Sahar è sempre stata di corporatura esile e non ha mai fatto diete drastiche. Lo riporta anche MarieClaire.it.

Spende 30 mila dollari in chirugia estetica: “Volevo essere una bambola gonfiabile”

20140917_78706_sex_dollSpende 30 mila dollari per diventare come una bambola gonfiabile. Dopo le tante Barbie umane, Victoria Wild, a 30 anni ha rivoluzionato il suo corpo per somigliare a un sex toy.La donna, modella di professione, ha sempre avuto una passione per l’eccesso e tutto ciò che normalmente è esagerato.
«Chi non vorrebbe somigliare a una bambola? Sono così sexy! So che la gente per strada mi fissa e mi piace quello che gli offro da guardare», racconta Victoria, «Ero molto sottile e bionda e le persone mi chiamavano “Barbie”. Io, però, odiavo il mio fisico minuto e il seno praticamente inesistente. Soffrivo di complessi d’inferiorità e mi sarebbe piaciuto avere le forme esplosive che sfoggiavano quelle bambole che ho sempre ammirato. Volevo avere seni e labbra enormi ma non sapevo ancora dell’esistenza della chirurgia plastica».  Dopo l’incontro con il suo fidanzato quando aveva 23 anni ha deciso di iniziare a sottoporsi ai vari interventi chirurgici.
Il compagno, un uomo di affari italiano facoltoso, amante delle donne prosperose, si è offerto di aiutarla pagandole gli interventi.
Victoria ha subito diverse operazioni: rinoplastica, la mastoplastica additiva e l’inserimento di protesi permanenti nelle labbra. Oggi però si sente soddisfatta del suo corpo: «Gli uomini mi adorano e Simon ama il mio sguardo da bambola sexy. Sono diventata una vera bomba».