Paola Barale, piccole contadine crescono…

Paola Barale ha aperto l’album dei ricordi e su Instagram ha condiviso un tenero scatto di lei bambina. Paffutella e vestita da contadina, con tanto di foulard in testa, la showgirl si è presa un po’ in giro: “Mi sa che non mi mancava l’appetito…”.

C_2_fotogallery_3085001_8_image (1)

Da quella fotografia Paola ne ha fatta di strada, prima in tv come conduttrice di programmi di successo e poi in giro per il mondo come travel influencer. Dall’Asia all’Africa, la Barale negli ultimi anni ha girato mezzo mondo sia in coppia (all’epoca della relazione con Raz Degan), sia da single in compagnia di amici e collaboratori.

L’appetito sessuale spegne la fame: ecco perché

Fare del buon sesso è come fare una grande mangiata grazie alla produzione  dell’ormone dell’amore, l”ossitocina’.  Infatti questa molecola (implicata anche nell’amore materno, nell’affetto, nell’allattamento) può ridurre l’appetito e il desiderio di ingerire cibi. Lo indica lo studio condotto in Gran Bretagna, presso l’Università di York, e presentato in Portogallo, nel convegno della Società per lo studio del comportamento alimentare.

teresitaforlano_hai-la-vagina-irritataGli esperti hanno osservato la quantità di ossitocina nel sangue di un vasto campione di individui di età compresa fra 27 e 50 anni e poi hanno eseguito un esame del Dna di ciascuno per analizzare il tipo di ”recettore per l’ossitocina” (OXTR), ovvero l”interruttore molecolare” cui si attacca l’ormone dell’amore per esercitare la sua azione.  A seconda del tipo di gene presente nel Dna di un individuo, l’ossitocina può lavorare in maniera più o meno efficiente: gli individui che hanno un gene OXTR più attivo, cioè che risponde meglio all’ossitocina, sono maggiormente al riparo dalle abbuffate, hanno cioè una personalità meno incline a questo tipo di comportamento.  In generale, quindi, l’ossitocina può frenare le abbuffate, quindi stimolarne il rilascio da parte dell’organismo, ad esempio attraverso l’attività sessuale, e potrebbe rappresentare una risorsa in più contro i disturbi del comportamento alimentare.