Parto choc: in mezzo alla natura e senza medici. “Era il mio grande sogno”

Si chiama Simone Surgeoner, ha 43 anni e ha messo al mondo il suo quarto figlio in mezzo alla natura, senza alcun supporto medico. La sua voglia era quella di emulare i parti antichi, dove la tecnologia non esisteva e tutto veniva affidato alla benevolenza di Madre Natura.

1861037_video_90148Per rendere unica la sua esperienza, Simone Surgeoner ha fatto documentare tutto da suo marito Nick con un video abbastanza esplicito che mostra attimo dopo attimo le fasi del parto: il dolore, le contrazioni, la nascita, la gioia. Il video, appena è stato diffuso in rete ha fatto registrare numeri record: è stato visto da oltre 52 milioni di persone.Tutto risale al 2012 ma ora, nonostante sia passato qualche anno dalla sua esperienza, è tornata a parlarne, dando qualche giudizio sul grande clamore mediatico e sulle critiche scatenate dal suo parto.  “Non sono una hippy, ma volevo che mio figlio nascesse lontano dalle macchine dell’ambiente ospedaliero – ha commentato Simone Surgeoner -. Le donne hanno dato alla luce i figli nella natura per migliaia di anni ma il pensiero di una donna moderna, accovacciata vicino ad un torrente per partorire, ha fatto venire la pelle d’oca a moltissime persone”.  Il video, infatti, dalla data di pubblicazione ad oggi, è stato bersagliato da moltissime critiche. In molti non riescono a concepire questa scelta di Simone Surgeoner.  “I medici, avendo 39 anni, mi avevano detto che la mia gravidanza era ad alto rischio, ma sono andata incontro al mio destino. Se qualcosa fosse andata storta, sarebbe stato difficile arrivare in ospedale per le cure. Sentivo che avevamo fatto qualcosa di eccezionale e di unico e per questo volevo condividerlo con tutto il mondo”, ha concluso Simone Surgeoner.

Ringly, l’anello per le donne che serve a non perdere email e sms

20140623_72701_ringly__1_Ringly è il nuovo anello intelligente che aiuterà le donne a non perdere sms, email e telefonate.Ringly, grazie alla tecnologia bluetooth si può collegare al proprio smartphone ed è in grado di avvertire delle diverse notifiche con più tipologie di vibrazioni e cinque colori. Gli inventori del nuovo gadget tecnologico, di Brooklyn, New York, hanno messo a disposizione l’anello per le pre-ordinazioni a 145 dollari, e lo consegneranno in autunno. Quindi il prezzo salirà a 195 dollari.  Christina Mercando, co-fondatrice della società, ha spiegato che l’idea le è venuta pensando ad un problema comune per molte donne: il cellulare solitamente si trova nella borsa e si possono perdere messaggi e chiamate importanti, mentre grazie all’anello si può essere allertate delle diverse notifiche

Halloween, ecco lo scherzo perfetto: il fantasma vola grazie a un drone

      Halloween, fantasma, drone, costume, spettro,gossip,news,notizie,costume da fantasma,tecnologia Lo scherzo perfetto per Halloween. Ecco come il digitale rinnova anche le tradizioni più antiche: il classico costume da fantasma diventa ora molto più realistico grazie all’uso di una tecnologia abbastanza semplice. Ma il risultato è spettacolare: Alton Porter ha infatti realizzato un costume da fantasma “volante” utilizzando un drone con l’aggiunta di un paio di LED rossi per gli occhi. Che la festa da brividi cominci.