Da modella magrissima a curvy: «Ora sono felice». La rinascita e le foto prima e dopo

Quante volte abbiamo visto esempi di ragazze sovrappeso, che sono dimagrite, si sono messe in forma e sono rinate, con tanto di foto prima e dopo? Il caso di Annaliese Gann, una modella australiana, dimostra però esattamente il contrario, come testimonia il suo profilo Instagram, dove la seguono quasi in 100mila.

33060579_182938115758356_3693147987334135808_n(1)_MGZOOM

La ragazza, 22 anni, ha infatti postato una foto di 5 anni fa in cui si scatta un selfie, magrissima, messa a confronto con una foto attuale, in cui è molto più in carne, ma anche molto più sorridente. «La ragazza a sinistra, taglia 40, era miserabile, sempre fredda, senza vita e lottava per superare la giornata – scrive in un lungo post a corredo della foto – Prendevo solo insalata e caffè nero. Ero nel momento più arido della mia vita, sono andata da un medico e mi ha detto che se non fossi ingrassata un po’, il mio corpo poteva cedere».
«Quel momento ha cambiato per sempre la mia vita – continua – ho iniziato il mio viaggio verso la guarigione. Nella foto a destra, taglia 48, sono sana e felice: faccio sport, perché ora amo il mio corpo, non lo odio. Ora capisco il mio equilibrio e sono più felice di essere me stessa». «Per essere felice – conclude – non devi apparire come le persone sulle riviste, basta che tu sia te stessa e abbracci questa bella vita».

Sabrina Ferilli: candida, ma non troppo

E’ proprio vero che l’abito a volte non fa il monaco. Lo dimostra chiaramente Sabrina Ferilli che si è presentata sul red carpet della Festa del Cinema di Roma indossando un abito in netto contrasto con il ruolo che ha interpretato nel film The Place.

C_2_box_46807_upiFoto1F (1)

Capelli lungi sciolti, sorridente e solare, Sabrina Ferilli ha scelto un outfit total white firmato Ermanno Scervino. Il candore del delicato vestito in pizzo, con inserti di georgette contribuisce a donarle un’aurea di positività. Peccato che il suo ruolo nel film sia assolutamente l’opposto! In The place, l’ultima fatica cinematografica di Paolo Genovese, l’attrice romana interpreta infatti una cameriera una sempre triste e angosciata, figura centrale della caffetteria, il “posto” in cui si svolge il film.