Alessia Marcuzzi tv al posto di Belen? La decisione dei vertici Mediaset

Mondiali 2018, sembra proprio che Belen debba accontentarsi di un ruolo di ‘serie b’ nella programmazione Mediaset di copertura dei prossimi mondiali di calcio. Il posto inizialmente assegnato alla showgirl sarà infatti occupato da Alessia Marcuzzi. Ecco il perché di questa scelta da parte dei vertici di Cologno Monzese e cosa farà invece l’argentina.

3755177_42_20180525082326

Da quanto era trapelato dalle indiscrezioni sui programmi di Canale 5, Belen Rodriguez sarebbe dovuta essere il volto femminile dei Mondiali, conducendo i post-partita sulla rete ammiraglia di casa Mediaset.

Tuttavia, il sogno della showgirl argentina di condurre finalmente una trasmissione su Canale 5 dovrà essere rimandato a data da destinarsi. Sembra infatti che dalle parti di Cologno Monzese abbiano preferito virare sulla più collaudata Alessia Marcuzzi.

La già conduttrice dell’Isola dei Famosi sembrerebbe essere già al lavoro sul nuovo programma sportivo, nel quale dovrebbe essere accompagnata da Nicola Savino. Da quanto già trapela, si occuperanno della fase più calda dei mondiali, ossia quella successiva ai gironi.

Alessia sarà stata preferita per via delle sue esperienze a Mai Dire Gol? O per il fatto di essere stata per anni legata a Simone Inzaghi, ex calciatore e ora allenatore della Lazio?
Ma, tornando a Belen, come avrà preso questa “bocciatura”? L’idea di aver perso il posto difficilmente l’avrà entusiasmata, anche perché quella di Russia 2018 sarebbe potuta essere una fantastica vetrina per rilanciarsi nel mondo della tv.

Tuttavia, per la Rodriguez ci sarà una sorta di premio di consolazione, un ruolo di ‘serie B’. Nonostante abbia perso la trasmissione principale, durante la prima fase della competizione Belen sarà presente su Italia Uno, in un programma dedicato appunto ai gironi del Mondiale.

Non proprio quello che sperava, ma sicuramente meglio di niente. Quello che è certo è che, anche senza l’Italia, Mediaset si sta preparando ad offrire un grande spettacolo, non solo calcistico.

Selvaggia contro Ignazio Moser: “Cecilia scoprirai che sottospecie di uomo è”

MILANO – Non piace proprio l’accoppiata, nata la Grande Fratello, fra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser. Sul caso è intervenuta Selvaggia Lucarelli dal suo account Facebook, in cui ha messo in guardia la sorella di Belen dal tipo di uomo scelto: “Non mi pronuncio nè sullo strano aplomb di Francesco Monte nè su Cecilia Rodriguez – ha scritto sul social – Quello su cui bisognerebbe riflettere, visti i tempi che corrono, è che esistano ancora gli “uomini” della specie “Ignazio”.

3351763_1413_selvaggia_lucarelli_contro_ignazio_moser

Quelli che dopo essere andati con una donna sentono il bisogno di condividere con gli altri (in questo caso in TV) i tempi di prestazione, la performance (“abbiamo fatto i numeri”), il passato da playboy (“sai quante madri di famiglia ho bruciato”) e che per descrivere l’atto ricorrono ad un elegante metafora. (“Mi sono svuotato”).
Chi è Cecilia non lo stabilisce la scelta che ha fatto nella casa. Quella è robetta che ha che fare col proprio senso del pudore evidentemente assente, da quelle parti. Chi è Cecilia lo stabilirà la scelta che farà una volta fuori, quando scoprirà chi è questa sottospecie di uomo. Se le starà bene quello che ha detto e come lo ha detto, Francesco Monte si può mettere l’anima in pace: sono anime gemelle”.

Ria Antoniou, il sogno proibito nel calendario For Men 2018

Incarna il sogno proibito, la donna formosa e spumeggiante. Per questo Ria Antoniou è stata scelta come protagonista del calendario 2018 di For Men Magazine. Greca di nascita, ma italiana d’adozione, la bellezza giunonica dai capelli biondi e gli occhi chiari, dopo aver posato per Playboy ed Esquire mostra le sue grazie in un mix di erotismo e fascino.

C_2_fotogallery_3083812_9_image

Ogni mese del calendario racconta una storia: il look cambia e le pose pure. Ria preferisce giugno, quando la sensualità raggiunge l’apice: il latte versato sul corpo in una miscela di sensualità e fascino irresistibile. In altre pose si ispira a Marilyn Monroe, come nel mese di febbraio. Considerata tra le 10 donne più belle, la Antoniou racconta che la bellezza da sola non basta: “Sono importanti il carattere e la personalità”.

Michelle Hunziker: “Ho lasciato Eros per colpa di una setta, ma lo amavo moltissimo”

Dopo anni di silenzio, Michelle Hunziker, parla per la prima volta in tv, del suo periodo buio passato prigioniera di una setta. In un’intervista confessione, in onda sabato 4 novembre a Verissimo, la conduttrice (che racconta il suo calvario nel libro ‘Una vita all’apparenza perfetta’) racconta senza filtri come sia caduta nelle mani della pranoterapeuta Clelia e del suo clan.

divorzio-eros-michelle-quello-che-non-sapevate

A Silvia Toffanin dichiara: «Sono entrata in questa setta senza neppure accorgermene. Per controllarmi mi hanno allontanato dai miei affetti e fatto leva sulle mie debolezze. Mi filtravano le telefonate, non potevo parlare neppure con mia madre, che non ho visto per quattro anni».
Un allontanamento che ha coinvolto anche Eros Ramazzotti, suo marito all’epoca dei fatti. A tal proposito Michelle confida: “Mi dicevano che mio marito era negativo per me, ma io lo amavo moltissimo. Quando Eros mi ha messo davanti alla scelta ‘o me o loro’ io ho scelto loro”.
Regole ferree, punizioni e restrizioni che la conduttrice svizzera racconta così: «Mi mettevano in castigo, mi lasciavano sola. Minavano la mia autostima dicendomi che non avevo talento e che avevo successo solamente perché avevo intrapreso questo percorso spirituale». E aggiunge: «Mi hanno fatto lasciare la mia agenzia e convinta ad aprire una nuova società, finanziata totalmente da me. Ovviamente pagavo e davo da mangiare a tutti loro. Ad un certo punto mi hanno persino convinta a cedere tutte le mie quote a loro. Quando Michelle realizza che la situazione non è più sostenibile e decide di volersi allontanare, la setta tenta un ultimo terribile ricatto, che Michelle racconta così: Clelia mi disse che se me ne fossi andata dalla setta sarei morta».