“Anche Eros ha sofferto”, la Hunziker si confessa a Quarto Grado

Michelle Hunziker racconta a Quarto Grado gli anni bui, nei quali fu traviata da una maga: “Ho scritto questo libro per raccontare una storia di sofferenza. Mia madre ha sofferto, Eros ha sofferto. Non voglio tirare fuori il passato perché ora sono felice. Non parlavo con nessuno oltre a loro. Ti ricattano con l’amore e con Dio”.

hunziker-780x450 (1)

La Hunziker si confessa con il conduttore Gianluigi Nuzzi: “La maga Clelia aveva un profumo di rosa che ti conquistava…. purtroppo dopo 7 anni c’è stato un piccolo momento di crisi e noi siamo stati sfortunati, abbiamo avuto una persona che ha visto che c’era una crepa nel matrimonio”.
Poi su Instagram scrive con tono divertito: “Sono appena tornata dal fare la spesa… mi sono messa una robina semplice semplice…un abbraccio buona giornata”, sfoggiando un abito da sera nero, molto raffinato”.
La vitalità di Michelle non si smentisce, come ha dichiarato anche durante l’intervista: “Non ho mai avuto il desiderio di togliermi la vita, la amo troppo”.

Il profumo del maschio attiva il desiderio di riprodursi nella femmina, ma la fa invecchiare

L’odore di maschio attiva nella femmina il desiderio di riproduzione ma anche il processo di invecchiamento. E’ quanto emerge da una ricerca condotta su topi e nematodi, ma secondo gli studiosi si tratta di un meccanismo che potrebbe essere universale e coinvolgere tutto il regno animale, esseri umani inclusi. Nel mirino due feromoni maschili, dal potentissimo effetto.

differenze-eros-maschile-e-femminile-698735_w1020h450c1cx2582cy1341

“I segnali maschili – spiega sull’Independent Ilya Ruvinsky della Northwestern University – accendono la femmina e la spingono a mettere impegno nella riproduzione. Ma il loro organismo ne soffre. C’è un delicato equilibrio tra riproduzione e conservazione fisica e questo equilibrio potrebbe essere alterato dai maschi”. In particolare, “un feromone causa pubertà precoce nelle giovani femmine e un altro rallenta l’invecchiamento del sistema riproduttivo di quelle mature, conservandole fertili più a lungo. Ma allo stesso tempo accelera l’invecchiamento dell’organismo”. E se il meccanismo messo in luce dai ricercatori funziona in topi e nematodi, “anche i mammiferi i maschi producono segnali che manipolano il tempo della maturazione sessuale delle femmine”, spiega Ruvinsky. L’idea è che il profumo invisibile possa giocare un ruolo simile in tutto il regno animale, con implicazioni anche per gli esseri umani.

“Beauty Haute Couture 2.0”, la sposa è di lusso

Beauty Haute Couture si conferma un successo anche nella versione “2.0”. La giornata dedicata alle spose in particolare e alle innamorate in generale, anche in vista del San Valentino, ha salutato la sua seconda edizione presso Accademia L’Oréal, a piazza di Spagna, Roma. L’evento, strutturato come un percorso di bellezza, ha visto presenti tutte le realtà dedicate al lusso e alla sposa, ed è stato occasione per l’Accademia L’Oréal di presentare Matrix Oil Wonders Rose.

wolford-fnm-Beauty-Haute-Couture-LOreal-3

Si tratta di 4 prodotti, Shampoo, Conditioner, spuma, hairspray, più un pre shampoo tecnico che serve a preparare il capello sensibilizzato rafforzandolo dalla radice alle punte. Le partecipanti hanno avuto modo di provarli tutti, per poi passare dalle nail artist Essie che hanno proposto tutti i rosa di San Valentino per una manicure al bacio. Tra gli ospiti Es!by Cristys ha proposto il bouquet gioiello in filo di alluminio per le spose del terzo millennio. Casa Chic ha offerto una panoramica sui complementi d’arredo più attuali. Wolford, marchio austriaco e leader a livello mondiale lingerie esclusiva e bodywear di alta qualità ha esposto la Collezione 2016 con il suo stile moderno e minimalista.
La Wedding Planer Maria Rosa Borsetti, fondatrice di Decò Eventi, ha dato consigli pratici sull’organizzazione del matrimonio, ricevimenti, cene di gala, dove regneranno sovrane eleganza, raffinatezza, originalità e creatività, elementi che rendono unico un evento.
La Cake Maker Kelly Evans ha accolto gli ospiti con un dolce profumo di cup cake decorati in esclusiva per Beauty Haute Couture 2.0.
Ospiti d’eccezione la scrittrice Iolanda Pomposelli, con il suo libro dedicato all’amore “D’altronde sono uomini” e la poetessa Antonella Pagano. L’evento è stato realizzato da FNM Events, da un’idea della pr Barbara Molinario con la collaborazione dell’Accademia L’Oreal di Roma.

Rihanna fa impazzire i fan per la presentazione di “Rogue”, il suo nuovo profumo

20140605_71257_99_422230_000005hOrmai è una superstar e trecentosessanta gradi e gli affari di Rihanna non si fermano certo alla musica. La cantante infatti è impegnata nel cinema, con alcune prove da attrice, e nella moda: a Parigi
è stata praticante travolta dai fan da Sephora, sugli Champs-Elysées di Parigi, per festeggiare il lancio di Rogue, il suo nuovo profumo.

Come si sceglie un profumo

bellezza-e-benessere-bellezza-come-assaggiare-il-profumoChe buon profumo di cioccolato! Non lasciatevi ingannare… «Quel meraviglioso aroma potrebbe non essere frutto delle molecole naturali della materia prima, ma l’accordo prodotto dall’associazione calibrata di vaniglia – dolce e aromatica – e scatolo – una molecola dall’odore estremamente sgradevole – che, sapientemente dosate e miscelate, danno origine all’irresistibile aroma gourmand che tanto amiamo», afferma  Marco Maffei, titolare di M&M Fragrance, Atelier italiano di profumeria. Ed è in questa capacità di comporre le molecole odorose più diverse per creare una fragranza che si riconosce un maestro profumiere, il cosiddetto “naso”.

“Naso” non si nasce, si diventa

Il “naso” sa ricordare oltre tremila materie prime – naturali, di sintesi o riproduzioni -, sa sceglierle e dosarle per ottenere l’effetto desiderato, sia per produrre la profumeria alcoolica, sia per le fragranze da inserire nei cosmetici o nei detersivi.

L’arte si impara “a bottega”, ossia affiancando un naso durante il suo lavoro, e attraverso un corso di formazione presso accademie specializzate e/o aziende profumiere (info:

Come si crea un profumo

Si parte da un’idea astratta, una visione e, seguendo istinto e sensibilità, il profumiere comincia a dosare le materie prime. La base di partenza è sempre la natura, anche se le molecole di sintesi sono divenute una parte importante.

Le molecole naturali. Si estraggono da legni, fiori, radici, frutti, semi, erbe aromatiche con diverse tecniche, alcune molto antiche, come l’infusione, l’enflurage (estrazione a freddo), la distillazione, ecc. Altre tecniche innovative come l’Head Space e l’Aquaspace consentono di catturare il profumo di piante rare vive o gli odori sprigionati da una cascata, dall’acqua marina e così via. In passato venivano utilizzati anche odori provenienti dalle secrezioni ghiandolari di animali, come l’ambra grigia che proviene dalle concrezioni intestinali del capodoglio, oggi sostituite da molecole di sintesi.

Le molecole di sintesi. Non sono una riproduzione economica della natura, anche se a volte la “copiano”, ma sostanze odorose originali, con una forte identità. Qualche esempio? Le aldeidi, le molecole marine, i muschi bianchi.