Hard, esplosione delle camgirl: studentesse universitarie con la webcam guadagnano 2 mila euro al mese

L’industria del porno vale 150 miliardi di dollari l’anno. L’85% dei contenuti sono prodotti negli Stati Uniti, dove la pornografia online frutta 3 miliardi di dollari (5 miliardi nel mondo). Ogni secondo 28 mila persone consumano porno. Il 61% degli accessi avviene via smartphone. L’indotto della prostituzione si stima, ad esempio, intorno ai 5 miliardi di euro, mentre le escort “top class” possono arrivare a guadagnare dai 6 ai 15mila euro al mese, senza contare tutti gli eventuali extra. La crisi, poi, ha determinato l’esplosione del fenomeno delle “camgirl” per cui circa 18.000 donne, per la maggior parte studentesse universitarie, trascorrono circa 6 ore al giorno davanti a una webcam, per un guadagno che può superare i 2.000 euro al mese. In più, internet ha determinato una rapidissima evoluzione dell’industria del porno, per cui il vecchio playboy ha ceduto il passo ai siti web, che occupano ben il 12% della rete, per un valore di mercato di oltre 100 miliardi di dollari l’anno.

Schermata 5_28105932

Parallelamente continua a crescere l’industria dei sex toys, che vale oltre 20 miliardi di dollari in tutto il mondo e che annovera le donne tra i maggiori acquirenti. Naturalmente, il mercato dei gadget del sesso vive tanto nei sexy shop quanto in rete, dove, tra l’altro, oggi è possibile fare acquisti in forma anonima tramite i Titcoin, criptovaluta peer-to-peer, progettata ed immessa sul mercato dell’intrattenimento a luci rosse nel 2014, allo scopo di proteggere la privacy degli acquirenti. Il Titcoin, peraltro, ha una capitalizzazione di mercato di circa 1 milione e 200 mila euro. In circolazione ci sono 45 milioni di coins, con un valore pari a 0,027 euro per singolo coin, che, nell’ultimo anno, è cresciuto vertiginosamente. Accanto a tutte queste voci di bilancio, non bisogna dimenticare quella costituita dai siti di incontro, che ieri non esistevano ed oggi valgono oltre 2,2 miliardi di dollari di fatturato solo negli Stati Uniti, con una crescita di 100 milioni di dollari l’anno.

Tutte queste cifre verranno commentate da stasera in prima serata, alle ore 21.00, sul canale Pop Economy parte la rubrica Sex & Economy condotta da Laura Avalle. Pop Economy racconta senza tabù i numeri dei business a luci rosse, dai guadagni stellari di prostitute e “camgirl”, ai miliardi della nuova industria del porno, senza tralasciare il mercato dei sex toys, le cripto valute a luci rosse, insomma tutto il denaro che ruota intorno al sesso. Che piaccia o no, l’economia legata alla sessualità produce introiti da capogiro attraverso modalità diverse, che, talvolta toccano l’illegalità. Pop Economy, piattaforma 100% video, è visibile online, in live streaming e on demand, sul sito https: www.popeconomy.tv e sul canale 224 del Digitale Terrestre.

Caterina Balivo, Giovanni Ciacci rivela: «Ha rifiutato un famoso playboy. Ecco di chi si tratta»

Caterina Balivo “rubacuori”. Nel corso della puntata di Detto Fatto in onda oggi pomeriggio, Giovanni Ciacci, capo-tutor del programma, ha lanciato lo scoop: «Caterina è l’unica ad aver detto ‘No’ a un famoso playboy…». E la conduttrice ha risposto con una risata sibillina… Ecco com’è andata.

caterinabalivo_playboy_misterioso_dettofatto_30170103

Durante la rubrica di Gio Gio si parla di famosi playboy ed è lì che il costumista ed ex concorrente di Ballando con le Stelle lancia la “bomba”: «Per essere playboy devi essere molto ricco – dice – e quello che ha corteggiato Caterina lo è veramente». E la conduttrice ribatte ironica: «Ora però è vecchiarello».
Non è tutto. Ciacci aggiunge anche un altro particolare: «Ha corteggiato anche Naomi Campbell…». Il nome non esce fuori, ma tra i fan c’è chi ipotizza si possa trattare di Flavio Briatore. Che sia proprio lui il famoso playboy che ha ricevuto il due di picche da Caterina Balivo? Staremo a vedere.

Selvaggia contro Ignazio Moser: “Cecilia scoprirai che sottospecie di uomo è”

MILANO – Non piace proprio l’accoppiata, nata la Grande Fratello, fra Cecilia Rodriguez e Ignazio Moser. Sul caso è intervenuta Selvaggia Lucarelli dal suo account Facebook, in cui ha messo in guardia la sorella di Belen dal tipo di uomo scelto: “Non mi pronuncio nè sullo strano aplomb di Francesco Monte nè su Cecilia Rodriguez – ha scritto sul social – Quello su cui bisognerebbe riflettere, visti i tempi che corrono, è che esistano ancora gli “uomini” della specie “Ignazio”.

3351763_1413_selvaggia_lucarelli_contro_ignazio_moser

Quelli che dopo essere andati con una donna sentono il bisogno di condividere con gli altri (in questo caso in TV) i tempi di prestazione, la performance (“abbiamo fatto i numeri”), il passato da playboy (“sai quante madri di famiglia ho bruciato”) e che per descrivere l’atto ricorrono ad un elegante metafora. (“Mi sono svuotato”).
Chi è Cecilia non lo stabilisce la scelta che ha fatto nella casa. Quella è robetta che ha che fare col proprio senso del pudore evidentemente assente, da quelle parti. Chi è Cecilia lo stabilirà la scelta che farà una volta fuori, quando scoprirà chi è questa sottospecie di uomo. Se le starà bene quello che ha detto e come lo ha detto, Francesco Monte si può mettere l’anima in pace: sono anime gemelle”.