Patty Pravo, i 70 anni dellʼeterna ragazza ribelle diventata una diva

Compie 70 anni Nicoletta Strambelli, in arte Patty Pravo. Ribelle fin dall’infanzia, adolescente in quegli anni Sessanta che cambiarono il mondo e la società, la Pravo non si è lasciata sfuggire nulla lasciando, lungo più di 50 anni di carriera, segni indelebili nel nostro immaginario. Dal Piper alla Bambola, dalle provocatorie esibizioni in topless all’eleganza etereA 70 anni Patty Pravo non smette di essere se stessa: libera, unica, eccentrica, volitiva, provocante e provocatoria. Nelle sue mille incarnazioni la costante è stata la liberta espressiva, alla quale non ha mai derogato.

C_2_articolo_3132933_upiFoto1F (2)

Dalle calli veneziana fugge giovanissima a Londra, ma è poi Roma ad accogliere le sue inquietudini, le sue trasgressioni, i suoi primi successi. Debutta in un celebre locale romano, e rimarrà sempre per tutti “la ragazza del Piper”, capigliatura biondo platino e stivaloni di vernice nera sopra il ginocchio, che cantava “Ragazzo triste” (il suo primo singolo, inciso nel 1966). Dal Piper al successo internazionale il passo è breve: con “La Bambola” (1968) fa il giro del mondo.
Arrivano poi gli anni 70, quelli delle trasgressione: riesce a cantare con eleganza innata di rapporti a tre in “Pensiero stupendo” e di sogni proibiti in “Pazza Idea”, si esibisce vestita solo di una giacca che non nasconde il seno nudo in “Stryx”, trasmissione d’avanguardia ideata da Enzo Trapani per la prima serata di Rai 2, posa in nudo integrale per “Le Ore”, la più celebre rivista hard italiana di sempre. Ma finisce anche in carcere per possesso di hashish. Una vita vissuta intensamente, in costante sfida con se stessa e con il mondo che la circonda.
In oltre 50 anni di carriera ha venduto 110 milioni di dischi, ha vissuto in tutto il mondo, cantato in otto lingue e partecipato a nove festival di Sanremo. Con Sanremo il rapporto è ambiguo: non lo ha mai vinto ma tutti si ricordano la sua discesa dalla scalinata in versione bamboletta cinese nel 1984, così come è rimasto uno dei brani simbolo (per lei e per il Festival) “E dimmi che non vuoi morire”, che nel 1997 Gaetano Curreri e Vasco Rossi le cucirono addosso con quella frase che racchiude tutto, “la cambio io la vita che non ce la fa a cambiare me”. Nel 1990 si permise persino di rinunciare pochi giorni prima di salire sul palco quando, accortasi della somiglianza del pezzo con uno di Sting, rivendicò orgogliosa “io certe stronzate non le faccio” (e il brano venne ereditato da Anna Oxa).
Ha conquistato premi e riconoscimenti, sbancato in Cina, amato molti uomini, sposandone cinque (Gordon Faggetter nel 1968, Franco Baldieri nel ’72, Paul Jeffery nel ’76, Paul Martinez nel ’78 e John Edward Johnson nell’82, più il matrimonio in Scozia con rrito non riconosciuto in Italia con Riccardo Fogli nel 1974). Ha attratto artisti e musicisti come Leo Ferrè, Vinicius de Moraes, Lucio Fontana, Tano Festa e Mario Schifano, con Mick Jagger va a fare shopping in incognito e con Jimi Hendrix passa una notte romana su una Cinquecento avvolta in una nuvola di fumo, i momenti di intimità con Frank Sinatra e David Bowie, l’amicizia con Robert Plant. A 70 è un mito vivente, ma di se stessa continua a dire: “Sono la persona più normale che conosco”.a di alcune partecipazioni sanremesi: una delle poche dive della nostra musica.

Naike Rivelli, la doccia è bollente: forme in mostra sui social

Naike Rivelli continua a lanciare provocazioni e a divertirsi sui social. La figlia di Ornella Muti ha pubblicato poche ore fa un video in cui balla in bagno e sotto la doccia.

3643755_2026_naike_rivelli_doccia (1)

In topless mostra le mani sui seni e sotto la doccia le curve sono ben visibili.
Al video in cui balla al ritmo di una musica commerciale c’è questa didascalia “Quando ti portano un esemplare da ‘collezione’ dal negozio di @madamweedshop il mondo prende un colore”.

Rockefeller sposo: il matrimonio come il set di un film

ASOLO – «Sono felice». Lo ha detto ieri davanti a tutti Wyatt Rockefeller, prima di entrare nella Cattedrale di Sant’Anna e attendere la sua Julie Fabrizio per il fatidico sì. Sorriso smagliante, in smoking d’ordinanza, è arrivato in centro a piedi alle 15.45, a braccetto con la madre, bionda come lui, in elegante abito blu notte, trafilato di strass. Al suo fianco il padre Lerry, della ricca famiglia di mecenati e banchieri statunitensi. Davanti alla folla di curiosi, circa cinquecento, ad accompagnare il rampollo c’erano alcuni amici, come lui trentenni, in smoking.

3259085_0

COME IN UN SET
Sembrava un set cinematografico, ma Wyatt, che ha già conquistato tutti con la sua solarità e il suo carattere estroverso, ha cercato il dialogo, salutando il pubblico. Tornerà ad Asolo? «Direi proprio di sì», ha risposto, continuando a sorridere. Poi, prima di scendere dalla scalinata, ha stretto la mano alle persone, soprattutto ai bambini. La chiesa, addobbata con dalie color rosa antico e melograni, mezz’ora prima della cerimonia era inaccessibile, mentre le operatrici dello staff controllavano la lista degli invitati in cima alla scalinata. Dress code: uomini in smoking, donne in abito lungo, con un paio di eccezioni. Colore must? Blu notte, ma anche il nero, scelto da molte delle invitate, damigelle comprese. Ma tra il nero, dominante, e i lunghi abiti sexy, con la schiena nuda, non mancavano delle macchie di colore, dal rosso al blu elettrico, dal multicolor a qualche abito floreale. E c’era anche chi, visto che il sole iniziava a calare, si è presentata con spalle e schiena coperte da una stola di pelliccia.
LA SPOSA
L’attenzione, dopo l’ingresso dei 120 invitati, tra cui un bimbo in carrozzina e un’amica in dolce attesa, era tutta orientata all’arrivo della sposa. Nel pomeriggio si era notato un maggiolone bianco addobbato con una coroncina di roselline. E proprio con l’auto bomboniera è’ arrivata Julie, anni, figlia di ricchi immobiliaristi, nata in Inghilterra ma di origini italiane. Trattandosi della cerimonia per il rinnovo delle promesse, e non del matrimonio vero e proprio, già celebrato, nessuno si aspettava il classico abito bianco. E invece Julie ha stupito tutti, mostrandosi con un lungo abito bianco, più classico che mai, con un piccolo strascico, di chiaro stile italiano, in raso e tulle. Dopo un ultimo controllo del trucco, aiutata dallo staff, e un sorso d’acqua, la splendida bruna, con il suo caschetto sciolto, richiamata dal pubblico, che la stava ammirando sia in cima alla scalinata che giù dalla chiesa, ha salutato tutti, emozionata. Poi, con velo che le copriva il viso, è entrata. Ad accompagnarla all’altare, la madre, originale, in lungo abito viola.

LA MUSICA
La cerimonia ha preso il via con brani di musica classica intonati dal coro della Venice Academy, diretto dal maestro Roberto Zarpellon, asolano, che ha anche suonato l’organo. Dopo il sì è ricominciata l’attesa per l’uscita degli sposi. Fuori, a prepararsi, c’era un complessino di amici musicisti newyorkesi, armati di sax, corno e trombone. La musica americana, al ritmo di When the saints go marching in è partita, e tutti gli invitati, a partire dalla madre di lui, hanno iniziato a ballare. Enrico Baggio dell’Henry’s Bar, era pronto con un banchetto per far degustare prosecco, che gli ospiti hanno apprezzato dal loro arrivo, giovedì, e grissini. Mentre il pubblico continuava ad ammirare i ricchi vip, come nel più tradizionale dei matrimoni, i loro fotografi hanno iniziato a scattare foto di gruppo e della coppia. «Grazie alla gente di Asolo!», ha urlato raggiante Wyatt. Poi marito e moglie hanno salito insieme la scalinata, mentre una pioggia di petali bianchi ricopriva i loro volti di un’incontenibile felicità. Mano nella mano, Wyatt e Juli, hanno proseguito verso il castello, mescolandosi tra le ali di folla che si sono aperte ai lati per farli passare. Nel giardino, dopo la consegna delle bomboniere, si è aperto il ricevimento, con la cucina della Locanda Da Baggio, musica e balli scatenati, nella tensostruttura allestita per l’occasione. Un clima di gioia, allegria e naturalezza, che ha contagiato tutti gli asolani.

Mariah Carey, che imbarazzo! Shopping sfrenato a Beverly Hills ma le carte di credito vengono rifiutate

Momenti di bruciante imbarazzo per Maria Carey, che si è vista le sue carte di credito rifiutate per ben quattro volte durante un giro di shopping nell’elegante Rodeo Drive di Beverly Hills.
E’ stato il sito di pettegolezzi Radar Online a raccogliere la ricostruzione che alcuni testimoni e dipendenti delle boutique hanno fatto dell’incidente. La cantante era entrata nella boutique di Louis Vuitton, dove è avvenuto il primo rifiuto delle sue carte. Ha reagito con naturalezza, senza impensierirsi, sostenendo che doveva trattarsi di un errore. Ma il rigetto è avvenuto altre tre volte, e a quel punto i testimoni dicono che Mariah era molto imbarazzata e irritata.

65464966_89th-Academy-AwardsOscars-Vanity-Fair-PartyBeverly-Hills-California-US27-02-17

E’ arrivata la sua assistente, Stella Bulochnikov, che ha risolto i problemi pagando gli acquisti in contante. Ma Mariah si è sfogata, a quanto pare sostenendo che i problemi con le carte di credito erano colpa del suo manager, che evidentemente non aveva eseguito i debiti pagamenti in tempo. La cantante sembra anche convinta che il suo manager non stia facendo abbastanza per vendere i biglietti del suo tour estivo con Lionel Richie. Il tour comincia alla fine di luglio, a Oakland, in California. E’ stato Richie a invitare Carey a unirsi a lui, anche se la presenza della 47enne diva complicherà l’organizzazione: “Mariah porterà con se il suo entourage, ma volevo che si sentisse nel suo elemento. Farà quel che le dive fanno. Immagino che solo per lei ci vorrà un camerino grande come l’intero stadio”. Mariah Carey è una delle cantanti più “vendute” della storia. Negli anni Novanta e nel Duemila ha battuto ogni record. Ma ultimamente i successi sono scarseggiati, mentre le sue abitudini spendaccione non sono affatto diminuite. E anzi pare che siano state la causa del fallimento della relazione con il miliardario australiano James Packer. Per quanto ricco a palate, davanti alle spese pazze della fidanzata, Packer è andato innervosendosi sempre di più. E pur dopo averle regalato un anello di fidanzamento da dieci milioni di dollari (un diamante da 35 carati), e aver programmato nozze da sogno a Bora Bora, con un abito da sposa appositamente disegnato dalla Maison Valentino e valutato intorno ai 250 mila dollari, Packer ha puntato i piedi. Non si sa se sia stato lui o lei a chiudere il rapporto, ma lo scorso ottobre la coppia è scoppiata, e Mariah ha espresso la sua opinione della relazione bruciando l’abito da sposa nel suo ultimo video. Mariah ha anche chiesto all’ex fidanzato di rimborsarla dei sacrifici fatti per lui con un pagamento di 50 milioni di dollari. La diva sostiene infatti che per stargli vicino, lei ha lasciato New York e si è trasferita a Los Angeles, cambiando stile di vita e allontanandosi dagli amici e dalla sua amata città.
Da ottobre, Mariah si è dedicata al suo nuovo programma, un reality dal titolo “Mariah’s World”, e ha trovato un altro boy-toy, il 33enne coreografo Bryan Tanaka.

Marcella: chiamarsi Bella, che fatica!

È Bella di nome e di fatto. Per temperamento sanguigno e potenza vocale è una delle donne più amate della musica italiana. Nel 1972, giovanissima, ha commosso il pubblico di Sanremo con le sue “Montagne verdi” e con il celebre amico coniglio dal muso nero. Ha interpretato successi come “Io domani”, “Nessuno mai”, “Senza un briciolo di testa” e “Uomo bastardo”, e ora sta per tornare con un nuovo album firmato dallo straordinario fratello Gianni. Come avrete indubbiamente capito già dai primissimi indizi, stiamo parlando della sempre splendida Marcella.

marcella-bella-47-680007

Poche sanno che negli anni ’70 è stata soprannominata “cespuglio” per la sua capigliatura. E che Mina, durante i primi anni della loro amicizia, l’ha ribattezzata “negro”. Insomma, oltre la voce incredibile e l’inconfondibile accento, i capelli di Marcella sono da sempre uno dei suoi elementi più contraddistintivi. Ecco allora i consigli della nostra redazione per tutte le donne che vogliono domare le loro chiome ribelli e ispirarsi allo stile mediterraneo ed elegante di Marcella. Con il Plopping sei bella come Marcella – Ideale per definire il riccio e combattere l’effetto crespo, è tornato in voga un metodo di asciugatura naturalissimo. Si chiama plopping e vi permetterà di avere una chioma definita e voluminosa. Tutto questo con un semplicissimo asciugamano, senza usare phon o ferro caldo. Ecco come fare.

1) Effettuate un normale lavaggio, evitando di appesantire i capelli con il balsamo. Poche lo sanno, ma il
balsano è assolutamente sconsigliato per chi vuole ottenere ricci voluminosi e sfrontati.
2) Applicate sui capelli ancora bagnati una mousse o una crema che aiuti a definire i ricci. Massaggiate energicamente.
3) A questo punto procedete avvolgendo la chioma con un asciugamano. Arrotolate i lati a destra e a sinistra richiudendoli con un nodo dietro la nuca.
4) Lasciate in posa per circa 3 ore, sino ad ottenere un’asciugatura naturale e completa.
5) Assicuratevi che tutte le ciocche siano completamente asciutte.
6) Srotolate l’asciugamano e terminate la piega con un diffusore.
A cura della redazione “Bella più di prima”
Guarda la mini intervista di Gabriele Lazzaro a Marcella, dietro le quinte del programma di Rete4 “Una serata Bella, per te Mogol” .

Beyoncé canta in onore di Stevie Wonder, ma il vestito è troppo corto

Beyoncé ha oscurato la stelle della musica accorse a Los Angeles l’11 febbraio per il concerto in onore di Stevie Wonder.

img.phpLa cantante ha ipnotizzato il pubblico del Nokia Theatre non solo con la sua interpretazione di famose hit del cantante soul, come “Fingertip” e “Higher Ground” – suonate insieme a Ed Sheeran e Gary Clark jr – ma anche con il suo abito nero e oro, tanto succinto da lasciare intravedere un po’ troppo.Lo “Stevie Wonder: Songs in the Key of Life – An All-Star Grammy Salute” si è tenuto due giorni dopo la cerimonia dei Grammy Awards. Alla serata, hanno partecipato tantissimi artisti – da Lady Gaga a Pharrell Williams, da John Legend ad Andrea Bocelli – e tutti si sono esibiti in cover del celebre cantante, vincitore di 25 Grammy, che ha chiuso il concerto con un medley dei suoi più grandi successi.

Nude look e spacchi impossibili: look estremi agli American Music Awards

20141124_84326_99-501280-000056h20141124_84326_99-501219-000024h20141124_84326_99-501280-000044hLook estremi agli American Music Awards. Al Nokia Theatre di Los Angeles si sono riuniti i maggiori vip del mondo della moda, del cinema e della musica e tra le donne è andata in scena una gara di spacchi e scollature vertiginose.

Beyoncé: 99 problemi tranne uno

Beyonce-99-problem-shirt-dressEcco gli ultimi scatti di Beyoncé: una bella ragazza, un fisico provocante ben proporzionato, un body aderente che evidenzia le curve, una scritta esplicita che è anche un omaggio a una nota canzone provocatoria del marito Jay-Z: “99 problems but my ass ain’t one” cioè “99 problemi ma il mio sedere è uno di questi”.
Cosa c’è di vero in questa foto? Ben poco!

99-problem-shirt-dressSenza nulla togliere all’esplosivo corpo di Beyoncé, la cantante, in passato svariate volte criticata per l’uso del fotoritocco, ci è ricascata.
Lo scopo principale è ovviamente modellare le forme. Eliminare le imperfezioni, smorzare le parti più voluminose, limare i difettucci.
Stranamente, un brufoletto sulla parte alta della coscia viene dimenticato li…
Massiccio uso di Photoshop anche sul corpo: il body indossato sarebbe in realtà un minidress sapientemente “tirato”, come dimostra la mano della cantante sul retro.
E la zona inguinale appare così perfetta da sembrare finta.
Come abbiamo fatto a scovare il fotoritocco? Guardate le strane curve della tenda ad altezza gamba…

Anna Tatangelo, maschera di bellezza

C_4_articolo_2067230__ImageGallery__imageGalleryItem_16_image Concerti, red carpet, giochi in cucina con Andrea e cene fuori con Gigi D’Alessio… Vita frenetica quella di Anna Tatangelo che ha deciso di rilassarsi un attimo e prendersi un momento tutto per sé. Eccola in posa con la maschera di bellezza, mentre si prende in giro e cinguetta: “Muchacha Sexy 2… la vendetta!!”. I follower però la smentiscono: lei piace anche così..Tra un selfie con gli occhiali e uno scatto prima di andare a cena, Lady Tata sui social è attivissima.

C_4_articolo_2067230__ImageGallery__imageGalleryItem_1_imageE sempre molto sexy. Non importa che sia in pigiama, dall’estetista o appena sveglia: i commenti sul suo sex appeal si sprecano. Ma lei non si monta la testa e rimane la ragazza acqua e sapone che tanto piace ai follower. Dalle torte cucinate insieme al suo bimbo Andrea, avuto dal compagno Gigi D’Alessio, alla corsa insieme sui go cart, la Tatangelo mette sempre al primo posto il suo ruolo di mamma… Tanto da commuoversi quando il suo piccolino va a vederla ad un concerto, come scrive su Facebook: “Ieri sera il mio cucciolo è venuto a vedere la mamma in concerto! Vederlo orgoglioso di me mi dà una carica e un’emozione grandissima! Grazie amore mio!”.
Chissà che tutta questa dolcezza, e questa carica sexy, non convincano il cantante napoletano a chiederle la mano. Anna e Gigi ormai stanno insieme da otto anni… D’Alessio deve stare attento, una muchacha così non può certo lasciarsela scappare…

Rihanna fa impazzire i fan per la presentazione di “Rogue”, il suo nuovo profumo

20140605_71257_99_422230_000005hOrmai è una superstar e trecentosessanta gradi e gli affari di Rihanna non si fermano certo alla musica. La cantante infatti è impegnata nel cinema, con alcune prove da attrice, e nella moda: a Parigi
è stata praticante travolta dai fan da Sephora, sugli Champs-Elysées di Parigi, per festeggiare il lancio di Rogue, il suo nuovo profumo.