‘C’ho avuto c…’, Ilenia Pastorelli risponde senza mezzi termini a Fabio Fazio

A pochi istanti dall’inizio dell’intervista di Fabio Fazio, l’attrice Ilenia Pastorelli, protagonista della nuova pellicola di Carlo Verdone ‘Benedetta follia’ fa scoppiare una grossa risata in studio. Ecco come risponde al conduttore di Che tempo che fa.
L’abbiamo conosciuta al Grande Fratello 12, amata in Lo chiamavano Jeeg Robot al fianco di Claudio Santamaria e ora la osanniamo a Che tempo che fa: Ilenia Pastorelli è la nuova musa di Carlo Verdone che l’ha fortemente voluta per il suo ultimo film, ‘Benedetta follia’, nelle sale dal prossimo 11 gennaio.

ilenia-pastorelli-che-tempo-che-fa@twitter- (1)

La 32enne, già vincitrice di un David di Donatello, interpreta Luna, una commessa svampita che però salverà Guglielmo (Carlo Verdone) dalla crisi personale dopo la fine del suo matrimonio.
L’attrice romana è stata intervistata da Fabio Fazio e ha indubbiamente lasciato il segno per la sua irrefrenabile spontaneità che ha conquistato tutti.
Basti pensare che quando si sono esibiti i Maneskin, è corsa a dare un bacio al frontman Damiano senza curarsi degli altri della band e nel momento in cui Fazio le ha chiesto di raccontare qualcosa in più del suo incredibile successo, ha candidamente risposto: “C’ho avuto un po’ de cu*o”, alla romana.
Su Twitter è arrivato il plauso unanime degli spettatori, convinti già che possa essere un’altra Diana del Bufalo o addirittura l’erede di Anna Magnani.
In particolare la frase sulla sfacciata fortuna che l’ha fatta diventare famosa è rimbalzata in rete fino a diventare virale: “#chetempochefa Ilenia Pastorelli la trovo una vera bomba televisiva, cinematografica.. è il mio nuovo mito!” ha cinguettato un fan, ““C’ho avuto un po’ de culo” Ilenia Pastorelli è già un mito alla Carlo Verdone #chetempochefa @chetempochefa” ha aggiunto un altro.

Belen in lingerie incarna il mito di Marilyn

Dopo il fine settimana trascorso insieme in un resort sul lago di Garda, Belen e Andrea Iannone sono tornati ai loro impegni. Il pilota con la Suzuki e la showgirl con i suoi shooting mozzafiato. Su Instagram Stories la Rodriguez condivide uno scatto in lingerie nera con tanto di zoom su seno e ventre piatto. E con una parrucca bionda diventa Marilyn Monroe…

C_2_articolo_3105452_upiImagepp

Dopo un lungo lavoro con il suo hair stylist per indossare una parrucca bionda, Belen si cala nei panni del mito di sempre, Marilyn. E neanche a dirlo lascia senza fiato. Décolleté strizzato nel reggiseno, curve sinuose e autoreggenti sono gli ingredienti giusti per un risultato davvero piccante. Ma non finisce qui…
Con i capelli sciolti e un abito nero in pizzo dallo spacco vertiginoso sulle gambe, l’ex signora De Martino sfodera tutta la sua carica erotica per augurare la buonanotte ai follower.
E Iannone? A fine giornata il pilota guida ascoltando “C’è sempre un motivo” di Adriano Celentano e canticchia “Cammino cammino, vado incontro al domani. Mi sento più forte se ti sento le mani…”. Sembrerebbe, non a caso, una bella dedica d’amore…

Stallone: “Ero così povero da vendermi il cane”. Ma con il primo stipendio…

Schermata-2015-10-15-alle-12.41.56-640x250 (1)Anni dopo, sarebbe diventato un mito del cinema. Ma gli esordi non sono stati così semplici per Sylvester Stallone, così come per tanti altri suoi colleghi. Ed è il divo oggi 70enne a raccontare su Instagram qualcosa che forse quasi nessuno sapeva del suo passato. Con due foto, una in bianco e nero e una a colori. Era il 1961 e lui era giovanissimo, aveva 26 anni. In braccio, il suo “miglior amico”, il suo cane Butkus. “Eravamo entrambi magri, vivevamo in una topaia sopra una fermata della metropolitana, c’erano scarafaggi ovunque, non c’era molto da fare se non passare il tempo. Lì ha iniziato a studiare da sceneggiatore. Ed è lì, che mi è venuta l’idea di Rocky, anzi l’idea è stata sua (dice riferendosi al cane), ma non ditelo a nessuno”. Poi, prosegue Stallone nel racconto “Quando le cose sono peggiorate ancora, l’ho venduto per 37 euro perché non avevo i soldi per comprarmi da mangiare. Poi, come un moderno miracolo, la sceneggiatura per Rocky è stata venduta, e ho potuto riprendermi il mio amico. Certo, il nuovo proprietario sapeva che ero disperato e me l’ha fatto pagare 14mila euro. Ma li valeva fino all’ultimo centesimo”