Chiara Ferragni, ore di attesa mano nella mano con Fedez

“Abbiamo trascorso tutta la giornata in ospedale dopo la visita di controllo perché il liquido amniotico era più basso del previsto… Dopo aver concluso il monitoraggio siamo tornati a casa. Sono così contenta che Fedez e i miei amici mi abbiano fatto ridere e non spaventare… E che mia mamma stia arrivando a Los Angeles”. Chiara Ferragni intimorita si confida sui social davanti al parto imminente.

C_2_articolo_3128157_upiImagepp

E’ una Chiara più sensibile, umana e dolce che mai quella che si racconta su Instagram. Ha trascorso una giornata in clinica sottoposta al monitoraggio. Il parto si avvicina e le paure della futura mamma crescono, ma per fortuna il fidanzato le sta accanto e la fa sentire serena. Fedez infatti ha fatto del suo meglio per non farla spaventare, persino giocando con il tracciato. “Amo così tanto questo ragazzo” dice la Ferragni. Poi quando il pericolo è passato e può lasciare l’ospedale scrive ai follower: “Sono così contenta di essere a casa, Leo aspetta di crescere ancora un pochino”. E poi ancora si sottopone a una maschera rilassante al viso e scrive: “E’ stato un lungo lunedì. Sono così contenta di essere a casa”. Intanto aspetta di riabbracciare la mamma Marina che dall’Italia porterà tutto il sostegno per la futura mammina.

Tatuaggi, stop dal Ministero alla rimozione senza laser: “È pericoloso”. E scattano le indagini

indexPentirsi del proprio tatuaggio e tornare indietro è possibile attraverso la rimozione, ma sui metodi utilizzati scatta l’indagine da parte del ministero della salute.
Il metodo nato in Germania per rimuovere i tatuaggi senza l’uso del laser può essere pericoloso e per questo va sospesa la commercializzazione del prodotto. La decisione è arrivata dal ministero della Salute «in attesa di accertamenti» dopo che il pm Raffaele Guariniello aveva chiesto un parere sul metodo. Il magistrato, dopo la segnalazione di un cittadino, ha aperto un fascicolo e indagato il titolare dell’azienda torinese che commercializza il prodotto in Italia per messa in commercio di prodotti pericolosi per la salute.