Miss Italia, tra le concorrenti c’è una ragazza marocchina. E i fanatici islamici la minacciano

Le finali del concorso di Miss Italia 2015 si terranno in questi giorni a Jesolo, ma c’è già una delle aspiranti che sta facendo parlare di sé.

20150901_105651_99-669178-000010

Si tratta di Ahlam El Brinis. La giovane, miss Eleganza Friuli Venezia Giulia, è di origini marocchine ed è stata minacciata da fanatici islamici per la sua partecipazione.

Miss Italia, i ladri svuotano i camion dell’organizzazione. Fotografo derubato

      jesolo, miss italia, furto, camion, rame, fotografi,news,notizie,vip,gossip,euro

Furti di rame dai camion di Miss Italia. Ma anche attrezzatura portata via ai fotografi per quasi quarantamila euro e un furto di sedie sventato. È stata, insomma, una chiusura di kermesse movimentata, quella che si è vissuta nelle ultime due notti. L’ultimo episodio quello che ha interessato i tir che trasportano il materiale utilizzato per la grande finale di domenica sera, trasmessa in diretta su La7. Dalle prime ricostruzioni, i malviventi sarebbero riusciti a scardinare i portelloni dei mezzi pesanti, appropriandosi di svariati metri di filo di rame. Come se non bastasse, i malviventi (non è chiaro se si trattasse della stessa banda) avevano già iniziato ad accatastare le sedie del parterre, sempre dello spettacolo di domenica sera, salvo poi doveserne andare a mani vuote perchè disturbati. E sempre nella notte tra domenica e lunedì uno dei due furti di attrezzatura fotografica. La vittima è Simone Manzato, sandonatese di 43 anni: dopo avere lavorato per una nota azienda di prodotti per il bagno, sette anni fa riesce a realizzare il sogno di avviare l’attività di fotografo. Investe, e molto, in attrezzatura, per avere il massimo per poter offrire il meglio. Domenica è tra gli accreditati della finale e segue l’evento fino alla cena di gala. Quando ritorna al parcheggio nei pressi del Pala Arrex, scopre una gomma a terra, forse bucata appositamente da qualcuno visto quello che poi è successo. Si mette a cambiarla e, per farlo, appoggia la borsa sul sedile posteriore. «Tempo dieci minuti per la sostituzione – ricorda – e qualcuno, senza che me ne accorgessi, mi ha portato via tutto quanto». Un furto da 12mila euro, che però va oltre al valore economico in sè. «Ho investituto tutto quello che avevo in quella attrezzatura, mi hanno messo in ginocchio; avrei dei lavori già commissionati ma non ho i soldi per ricomprare delle macchine. Sono disperato».