“Sei obesa, devi operarti”: lei rifiuta e inizia a mangiare sano. Ecco com’è adesso

Uno stile di vita sano, un regime alimentare corretto e tutti possono perdere peso. E’ il messaggio che Cheryl Blythe, una donna inglese a cui i tabloid britannici stanno dando tanto spazio, ha voluto trasmettere alle persone obese. Cheryl ha perso 90 kg in 18 mesi.

20151110_110746_cheryl

La sua storia è particolare non solo perché ha vinto il premio “Slimming World of the Year 2015”, ma anche perché in passato ha rifiutato interventi come il bendaggio gastrico ed è dimagrita solo con le sue forze. “Rischiavo di morire”, racconta in giro per il Regno Unito. Cheryl era gravemente obesa, scrive il Mirror, e a 31 anni rischiava la vita. I medici le avevano consigliato di sottoporsi a un’operazione chirurgica perché a 45 anni, nella migliore delle ipotesi, avrebbe potuto rimanere su una sedia a rotelle. Lei ha rifiutato e ha deciso di cambiare vita.
“Non è stato facile, ma ne è valsa la pena – dice Cheryl – i miei problemi di salute sono scomparsi e posso indossare ciò che voglio. Ho rifiutato l’intervento per far capire ai miei figli cosa significa mangiare sano e perché dovevo cambiare il mio rapporto con il cibo”.
Cheryl cominciò a ingrassare quando restò incinta a 17 anni. Giovane madre single, sfogò sul cibo i suoi problemi.
Dopo aver deciso di dimagrire ha cominciato a evitare spuntini e takeaway e a fare esercizio fisico.
Prima a colazione non mangiava nulla per poi abbuffarsi di pane, maionese, patatine e barrette di cioccolato durante pranzo e cena.
Oggi inizia la giornata con pancetta magra e uova per poi mangiare normalmente, ma senza spuntini.

L’ormone che brucia i grassi e fa dimagrire: “Come fare palestra”. Presto un farmaco?

Un ormone ha gli stessi benefici della palestra: fa bene allo scheletro, rafforzando le ossa, e in dosi maggiori aiuta a bruciare i grassi e quindi a dimagrire. Si chiama irisina ed e’ naturalmente presente nell’organismo, dove viene prodotto dai muscoli durante l’esercizio fisico.

8

Se per i piu’ pigri e’ suggestiva l’idea di un farmaco che possa far bene come la palestra, il primo obiettivo dei ricercatori e’ mettere a punto una futura arma contro malattie delle ossa tipiche dell’invecchiamento, come l’osteoporosi.  Sebbene l’irisina sia nota dal 2012 (scoperta dal gruppo statunitense di Boston coordinato da Bruce Spiegelman con la partecipazione dell’italiano Saverio Cinti, dell’universita’ di Ancona), il suo effetto benefico sulle ossa e’ stato scoperto adesso grazie ad una collaborazione tutta italiana.  Il risultato, pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti (Pnas), si deve alla collaborazione fra il gruppo dell’universita’ di Bari guidato Maria Grano, e quello dello stesso Cinti. I dati finora raccolti nei test sugli animali sono cosi’ incoraggianti che e’ stata depositata una richiesta di brevetto.  ‘Ulteriori studi condotti su animali utilizzati come modello dell’osteoporosi si stanno rilevando promettenti”, ha detto Grano. ”Probabilmente – ha aggiunto – il principale ruolo della molecola sullo scheletro agisce a piccole concentrazioni, mentre a dosi piu’ elevate agisce anche sul grasso”. Per Cinti, che dirige il centro sull’Obesita’ dell’universita’ di Ancona, avere scoperto l’effetto dell’ormone sulle ossa risponde ad una duplice sfida: ”sappiamo che la nostra societa’ in futuro si trovera’ ad affrontare sia il problema dell’obesita’, sia le malattie dello scheletro dovute alla durata sempre maggiore della vita, prima fra tutte l’osteoporosi. Sappiamo infatti – ha proseguito – che l’irisina stimola le cellule che fanno crescere l’osso”.  Se questo ormone amico delle ossa diventera’ un farmaco, i primi a beneficiarne, secondo i ricercatori, saranno gli anziani. ”Puntiamo ad avere un farmaco per – ha spiegato Grano – chi non ha la possibilita’ di fare attivita’ fisica, come gli anziani che non possono muoversi o persone paralizzate, ma anche per gli astronauti che quando sono in orbita perdono massa ossea a causa della mancanza di gravita”’

Dieta, ecco gli orari migliori per mangiare e dimagrire

imagesAnche gli orari dei pasti sono importanti quando si fa la dieta. La colazione dovrebbe idealmente essere fatta tra le 7 e le 7,30 del mattino (l’orario ideale è 7,11), il pranzo orientativamente tra le 12,30 e le 13, meglio ancora se sono precisamente le 12,38, mentre la cena non andrebbe consumata troppo tardi, prima delle 19, con le 18,14 orario consigliato.
E’ quanto emerge da un sondaggio svolto nel Regno Unito da una azienda che produce e commercializza prodotti dietetici e integratori.
L’azienda ha svolto un sondaggio su mille prsone che sono dimagrite in maniera sana identificando gli orari ieali dei pasti per chi vuole essere certo di perdere peso, che non devono certo essere seguiti in maniera rigida, ma indicano una strada per seguire una certa ritualità, che per la riuscita della dieta è essenziale. Secondo l’esperienza di coloro che sono dimagriti, inoltre, per perdere peso è bene non saltare mai i pasti, fare un pranzo leggero e, nelle serate trascorse davanti alla tv, non cadere nella trappola degli stuzzichini dolci o salati dopo aver cenato.
Gli orari, da noi, sono ovviamente diversi ma l’idea di impegnarsi a mangiare sempre nello stesso momento della giornata, spiegano i nutrizionisti, è un buon sistema per aiutarsi a perdere peso seguendo un regime alimentare.

Perdere peso? Nessuna dieta, bastano le dita. Ecco come si fa

dieta-metro-660x330Prova costume alle porte? Chili di troppo da smaltire? Non serve nessuna dieta il trucco per dimagrire è nelle dita.
Si chiama “Tapping for For Weight Loss” ed è l’ultimo libro di Jessica Ortner che spiega come sia possibile perdere peso semplicemente ‘picchiettando’ alcune zone del corpo.
Il tapping è un metodo scientifico sviluppato nelgli anni ’70 finalizzato a diminuire lo stress che spesso invoglia a mangiare e di conseguenza fa prendere chili di troppo.
Le aree del corpo che più tocchiamo quando siamo stressato sono quelle che vanno stimolate per ridurre i livelli di ansia.  Il libro spiega come dimagrire con poche mosse.
Si inizia picchiettando il cosiddetto ‘karate chop point’, la parte delicata della mano al di sotto del mignolo e ripetendo l’esercizio almeno tre volte.
Bisogna ripetersi ad alta voce e durante il massaggio i motivi che scatenano la rabbia in modo da esorcizzare il problema, è necessario analizzare i motivi dello stresso e infondere fiducia in se stesse.  Dopo questo lavoro si può procedere con lo stimolare le otto mosse magiche: la zona delle sopracciglia, contorno agli occhi, sotto gli occhi e sotto il naso.
L’obiettivo del tapping è allontanare lo stress e l’ansia che abbiamo quando ci mettiamo a dieta. Invece di spingerti a salire sulla bilancia per controllare il tuo peso, ti fa automaticamente sentire meglio con te stessa. Senza bisogno di altro.

Dimagrisci con le vitamine

Per poter affrontare al massimo certi momenti della vita come la menopausa o una gravidanza (ma non solo) il nostro organismo necessita di incrementare la dose quotidiana di vitamine: conosciamole meglio e scopriremo che sono utili anche nel caso in cui si desideri dimagrire.

acido folico, dimagrire, dimagrire con le vitamine, perdere peso con le vitamine.
Anzitutto si dividono in due gruppi principali: le vitamine liposubili (A,D,E,K) che vengono immagazzinate dal nostro corpo per mesi, contenute nella parte grassa dei cibi e le vitamine idrosolubili (vitamine del gruppo B, vitamina C, acido folico, vitamine H, PP) che si sciolgono in acqua.

Le vitamine A, C ed E vengono chiamate anche “spazzini dell’organismo” e questo perché hanno un forte potere antiossidante ed aiutano quindi a tenere lontani i temuti radicali liberi. Quelle del gruppo A sono molto importanti anche per la salute degli occhi (ed in particolar modo della retina) e favoriscono la crescita; si possono trovare principalmente nelle uova e nelle verdure.

La vitamina C è contenuta principalmente negli agrumi e nei pomodori; come è noto potenza le difese immunitarie e svolge un’azione antitossica ed evita che il colesterolo vada a finire nei tessuti e nel sangue. Una sua carenza può causare diversi tipi di infezioni.

La vitamina E ha principalmente uno scopo antiossidante ed è contenuta nel fegato e nei cereali.

La vitamina D è invece indispensabile per la corretta crescita delle ossa e tiene lontano il rachitismo.
La vitamina E è contenuta soprattutto nelle verdure e se non assunta in dosi sufficienti può causare anemia.

La vitamina K contenuta soprattutto nei vegetali ha proprietà antiemorragiche.

Per mantenere in salute unghie e pelle è indispensabile la vitamina B2 che possiamo trovare nelle uova ma anche nei cerali integrali.

L’acido folico è importante soprattutto durante la gravidanza; assumerlo nelle dosi corrette consente un normale decorso della stessa. Ma una carenza di acido folico può causare anche malattie cardiovascolari. Si trova negli ortaggi, nei legumi, nel pesce, nel lievito di birra e nel fegato.

DURANTE LA MENOPAUSA

Le donne in questo periodo dovrebbero assumere vitamina A, D, B per contrastare gli effetti dell’invecchiamento.

VITAMINE PER DIMAGRIRE

Se volete perdere peso le vitamine che fanno al caso vostro sono la C, che ricordo essere contenuta principalmente in alimenti poco calorici e ricchi di fibre con un elevato potere saziante e depurativo ma anche la vitamina A che ha invece un effetto “anti-rilassamento” ed è quindi particolarmente indicata dopo una dieta per mantenere la pelle soda ed elastica.

Le vitamine del gruppo B mantengono il metabolismo attivo ed aiutano anche la tiroide a svolgere correttamente tutte le sue funzioni.