Limone, le proprietà segrete: abbassa la pressione ed è un antitumorale. Ecco come utilizzarlo in casa

Sulle sue origini non ci sono certezze: c’è chi sostiene che abbia fatto la sua comparsa in Cina e India; alcuni studiosi ritengono che già gli antichi romani lo conoscessero, ma non ci sono prove inequivocabili, tanto che i frutti presenti in alcune raffigurazioni potrebbero essere stati realizzati da autori che li avrebbero visti nei propri paesi di origine. In ogni caso, una certezza c’è: il limone fa bene. Non è eccellente e gustoso solo per il limoncello, i canditi e le torte. Gli utilizzi che se ne possono fare in cucina sono innumerevoli, e lo stesso vale per il benessere del corpo e della mente. A conferirgli tutto questo potere sono senza dubbio l’alto concentrato di vitamina C (il succo di limone copre quasi tutto il fabbisogno giornaliero di vitamina C di un adulto, pari a 75 mg), il calcio, il ferro, la pectina, i flavonoidi (antiossidanti), il potassio, il sodio, le vitamine A, B e PP.

Scopriamo più da vicino perché il limone è considerato un alimento preziosissimo:
1 – Accelerando la produzione dei globuli bianchi, il limone riesce ad aumentare le difese immunitarie. Ha una funzione disintossicante e depurativa. Aiuta ad eliminare le tossine presenti nell’organismo. Un bicchiere di acqua e limone al mattino è ottimo per questa ragione.

Limonnyj-sok-dlja-lica.-Tonik-iz-limonnogo-soka2

2 – Può essere utile in caso di indigestione e costipazione: il succo di limone aiuta a curare i problemi legati a digestione e stipsi.
3 – Abbassa la pressione alta: bere il succo di limone è utile per le persone che soffrono di problemi di cuore, perché contiene potassio. E’ un calmante naturale.
4 – Ottimo rimedio per i dolori reumatici. Il succo di limone è anche un diuretico in grado di donare benefici in caso di artrite.
5 – Viene considerato un antitumorale. Questo grazie ai flavonoidi, presenti ad alte concentrazioni, e ai limonoidi (che si ritrovano soprattutto nella buccia e che contribuiscono a fornire il tipico sapore agro): molecole con notevoli proprietà antiossidanti, capaci di contrastare l’azione dei radicali liberi, che possono alterare la struttura delle membrane cellulari e del materiale genetico (Dna) e quindi aprire la strada ai processi di formazione della neoplasia.
6 – Rappresenta un ottimo stimolatore gastro-epatico-pancreatico, è quindi ottimo per chi soffre di anemia e diabete.
7 – E’ un toccasana contro i calcoli biliari e i calcoli renali grazie alla presenza dell’alido citrico.
8 – Rappresenta una forma di prevenzione naturale contro le emorragie interne grazie alla vitamina B3, una sostanza che rende più forti i vasi sanguigni.
9 – Aiuta ad alleviare il senso di nausea e può essere utile in caso di diarrea.
10 – E’ un alleato nel combattere e prevenire i virus influenzali. Utile in caso di raffreddore; protegge la gola dalle infezioni e aiuta anche ad abbassare la febbre alta, permettendo al corpo di traspirare più facilmente.
11 – Fluidifica e purifica il sangue; si prende cura del fegato.
12 – Essendo una fonte ricca di vitamina C, aiuta ad alleviare i problemi respiratori rivelandosi particolarmente utile per una chi soffre di attacchi d’asma.
13 – Allevia il mal di denti e l’alito cattivo. Per evitare di danneggiare lo smalto dei denti è bene diluirlo.
14 – E’ utile per ridurre lo stress mentale e la depressione, controlla la pressione arteriosa alta e le vertigini, fornendo una sensazione rilassante per la mente e per il corpo.
15 – E’ utile per chi vuole perdere peso: un bicchiere di succo di limone, mescolato con acqua tiepida e miele, aiuta a ridurre il senso di fame.
16 – La vitamina C, che si trova in maggiore quantità nella scorza (ricca anche di fibra e calcio), aiuta ad assorbire il ferro presente nelle verdure verdi a foglia, come gli spinaci, e nei legumi.

Qualche suggerimento per la cura del corpo e della casa e per l’utilizzo del limone in cucina:
1 – L’olio essenziale di limone – ricavato dalla buccia – è indicato per il trattamento della pelle grassa e per la forfora e come anti-cellulite: aggiungete 2-3 gocce nella crema, nello shampoo o nell’olio da massaggio. Se vaporizzato nell’ambiente, esercita una benefica influenza sul sistema nervoso, distendendo la mente e facilitando la concentrazione.
2 – Il succo del limone viene utilizzato come condimento. Per esempio è adatto sulla carne, con il pesce e con le verdure.
3 – E’ sempre meglio non consumare la loro buccia, a meno che non si abbia la certezza che provenga da colture biologiche.
4 – In molte ricette è previsto l’uso della scorza grattugiata, ma poiché il calore può disperdere le vitamine meglio aggiungerla a fine cottura sui diversi piatti, dai legumi saltati alla carne bianca o al pesce.
5 – E’ buon drink dopo i pasti, specialmente quando appena spremuto. La ricetta è molto semplice e include: succo di limone, acqua fredda, sale o miele per la dolcezza. È inoltre possibile aggiungere alcune foglie di menta o semi di finocchio schiacciati per insaporirlo. Con lo zenzero è un mix perfetto.
6 – E’ un rimedio naturale per i capelli: il succo di limone ha dimostrato un ottimo potenziale nel trattamento dei capelli in molte sperimentazioni. Il succo, se applicato sul cuoio capelluto, può facilmente eliminare la forfora ostinata, ridurre la perdita di capelli. Se invece viene applicato direttamente sui capelli è in grado di donare una naturale lucentezza.
7 – E’ un ottimo alleato per la cura della pelle: Il succo di limone, agisce positivamente per la pelle in caso di acne e l’eczema. Grazie alla sua azione anti-invecchiamento può aiutare a rimuovere i punti neri.
8 – E’ un buon alleato anche contro le punture d’insetto. Il profumo dei limoni può aiutare a respingere le zanzare.
9 – Un limone è il modo più semplice per pulire il forno a microonde. Mettendo nel forno acqua, succo di limone e scorza. Accendendolo per 5-10 min al massimo il liquido si condenserà sulle pareti e permetterà di sgrassare facilmente i residui di cibo.
10 – E’ un ottimo ingrediente per detersivi home-made.

Le piante per la bellezza della tua pelle

Scopri il decalogo delle piante in grado di aiutare la salute della pelle. Bellezza naturale giorno dopo giorno, senza stress.

iperidrosi-e-salvia_8019642753

1 ORTICA – Sfrutta la bella stagione per raccogliere mazzi d’ortica: è ottima in cucina e potrai farla seccare a testa in giù, per il tonico fai da te o una tisana depurativa.

2 BARDANA – Grazie al potere drenante la bardana aiuta il lavoro del fegato, favorisce l’eliminazione delle tossine e possiede un effetto sebonormalizzante.

3 ACHILLEA – Utile contro foruncoli e acne, il decotto a base di achillea può essere utilizzato come impacco sulla pelle irritatata e arrossata.

4 VIOLA DEL PENSIERO – L’infuso di Viola Tricolor, utilizzabile anche come impacco, aiuta in caso di dermatite, acne e psoriasi, è ricco di vitamina C e favorisce la diuresi.

5 MALVA – Noto rimedio della nonna contro gengiviti e infiammazioni, la malva dona sollievo alle irritazioni e costituisce la base per un tonico naturale efficace e semplice, a cui aggiungere una goccia di olio essenziale di lavanda.

6 CALENDULA – Accelera la guarigione della pelle, combatte acne e ustioni, cura le infiammazioni: la calendula può essere utilizzata sotto forma di infuso, pomata o tintura madre.

7 CAMOMILLA – Grazie all’azione antinfiammatoria, la camomilla calma e dona sollievo alla pelle arrossata. Ti è avanzato l’infuso? Trasferisci il liquido in una bottiglietta: aggiungi una goccia di tea tree oil oppure mezzo cucchiaino di aceto o latte (se hai la pelle secca) e avrai un tonico naturale, da conservare per qualche giorno in frigo.

8 ROSMARINO – Secondo le ricerche il profumo del rosmarino combatte la stanchezza e favorisce la rigenerazione cutanea. Se trascorri lunghe ore al computer tieni una piantina nelle vicinanze.

9 ALOE – Preziosa per la salute della pelle, il gel di aloe applicato sulle scottature immediatamente aiuta la guarigione. È adatto anche per la cura quotidiana dell’epidermide: provalo con una goccia d’olio, da spalmare dolcemente su viso e collo.

10 ROSA CANINA – La rosa canina è ricchissima di vitamina C e antiossidanti: un rimedio in grado di combattere i radicali liberi e rafforzare le difese immunitarie. Impara a riconoscerla e vai a raccoglierla, le aree verdi sono ricche dei suoi cespugli.

Tisana al finocchio: le proprietà benefiche

tisana-1-650x487La tisana al finocchio ha molte proprietà benefiche. Riesce ad essere depurativa e drenante, i suoi effetti sono soprattutto antinfiammatori, facendo in modo che l’organismo elimini le tossine accumulate. Può essere consumata anche con l’aggiunta di altre erbe, come la camomilla e la malva. In questa maniera possiamo favorire anche gli effetti calmanti ed emollienti. La tisana al finocchio è la scelta migliore che possiamo fare, per aiutare il nostro benessere generale, senza contare che essa ci aiuta in presenza di problemi digestivi e gastrointestinali. E’ un vero e proprio alleato della nostra bellezza, in quanto, agendo contro la ritenzione idrica, permette di combattere la cellulite.

Le proprietà benefiche

Prendendo in considerazione le proprietà benefiche della tisana al finocchio, abbiamo la possibilità di constatare la sua azione contro i liquidi in eccesso accumulati nel corpo. Si tratta di qualcosa di rilevante, per riuscire a contrastare i disturbi digestivi, in quanto questo infuso possiede un effetto antispastico. Per questo motivo ci può aiutare in caso di digestione lenta. In questo senso può essere davvero importante per chi soffre della sindrome del colon irritabile. La tisana al finocchio può riuscire a rompere anche i calcoli renali e può essere d’aiuto per ridurre i disturbi respiratori, come, ad esempio, la bronchite e l’asma. Non dobbiamo dimenticare, infatti, che il finocchio, da annoverare fra gli alimenti ideali per perdere peso, riesce a fluidificare le secrezioni catarrali.

Nel caso di dolori legati al periodo premestruale, compresi i crampi, questo tipo di infuso si rivela benefico. D’altronde non dobbiamo sottovalutare il fatto che ha un effetto stimolante nella produzione di estrogeni. La tisana al finocchio si può usare anche come collutorio, per combattere la congiuntivite e le infezioni oculari in generali, oltre che le infiammazioni della bocca. Il finocchio è utile anche per contrastare l’alitosi. A questo scopo bisognerebbe effettuare dei gargarismi, dopo averlo fatto bollire nell’acqua e aver permesso all’infuso di diventare tiepido.

Le controindicazioni

La tisana al finocchio fa male? In effetti non si può parlare di vere e proprie controindicazioni per questo rimedio naturale. Tuttavia è bene ricordare che, come vale per tutti i benefici basati sulla natura, non bisogna esagerare, ma bisogna procedere con prudenza. Non si deve portare avanti un uso prolungato in dosi massicce della tisana al finocchio, specialmente in caso di gravidanza e nel periodo dell’ allattamento. In questi casi è sempre meglio chiedere il parere del proprio medico di fiducia.