I social pieni di maschere gialle: ecco la nuova, salutare moda

La curcuma è un ingrediente perfetto per preparare ottimi curry, cibi indiani e non solo, ma non tutti sanno che è anche un infallibile rimedio di bellezza.
Sono sempre più le persone che scattano e condividono selfie in cui si vede la loro faccia completamente gialla, ricoperta dalla magica polverina della curcuma.

1855982_turmeric

La spezia è un anti infiammatorio e un anti ossidante, usato dagli indiani come rimedio per curare gli eczemi, curare i denti e i capelli. Secondo quanto riporta Metro, ultimamente si è sviluppata una vera e propria “curcuma mania” al punto da diventare un fenomeno social. La curcuma aiuta a rendere la pelle più liscia, rimuove le macchie, riduce le rughe e può lenire l’acne. Basta creare un composto con la polvere di curcuma e l’acqua, quanto basta per essere applicato sul viso dove deve restare in posa tra i 5 e i 10 minuti. Dopo basterà risciacquare a fondo per avere una pelle perfetta.

L’acqua frizzante fa male alla salute, ecco tutti gli effetti negativi delle bollicine

Spesso d’estate sono in molti a scegliere l’acqua frizzante per dissetarsi. Ad altri piace berla tutto l’anno e in generale sono tante le persone che apprezzano le bollicine. Ma l’acqua frizzante non fa poi così bene alla salute.

acquaPrimo tra tutti i problemi che può causare è legato ai denti. L’anidrite carbonica che origina le bollicine rovina lo smalto dei denti, per questo si consiglia di berla durante i pasti e di assumerla preferibilmente con la cannuccia per evitare che entri direttamente a contatto con i denti.  L’acqua frizzante non fa bene nemmeno alla linea, contenendo più sali minerali, di solito, può aumentare la ritenzione idrica. Le bollicine, inoltre, possono gonfiare, dando origine anche a dolori addominali e flautolenza contrastando l’effetto pancia piatta.  Le bollicine possono anche causare reflusso e problemi allo stomaco, quindi sono assolutamente da sconsigliare a chi soffre di problemi gastrointestinali.

Tutti i modi per usare il bicarbonato per la tua bellezza

Sai che il bicarbonato ti aiuta a diventare più bella? Ingrediente da avere sempre in casa, si rivela estremamente utile in più campi, dalle pulizie ecologiche alla cura di sé. Ecco come sfruttare il bicarbonato per il tuo benessere quotidiano.

PEDILUVIO – A fine giornata i piedi sono gonfi e stanchi? Prepara una bacinella con acqua calda e versa qualche cucchiaio di bicarbonato.

viso_e_corpo_6

Nel pediluvio puoi aggiungere tè o qualche manciata di sale grosso, per sgonfiare e decongestionare, insieme a un ramo di lavanda o rosmarino. Massaggia calli e duroni con una manciata di bicarbonato e limone fresco, ammorbidirà la pelle. È possibile aggiungere qualche cucchiaio di bicarbonato anche nell’interno delle scarpe: lascia riposare, poi spazzola. Assorbirà i cattivi odori.

SCRUB – Quando la pelle appare grigia e spenta, è possibile rimediare con un trattamento fai da te in grado di illuminare l’epidermide eliminando le impurità. In una scodella versa il bicarbonato e aggiungi olio vegetale insieme al miele, alimento antibatterico prezioso per la rigenerazione cellulare. Massaggia lo scrub sulla pelle umida, direttamente sotto la doccia o nella vasca da bagno, poi immergiti e lascia che l’acqua dolcemente lavi la pelle.
CAPELLI PERFETTI – Nell’ultimo anno sono stati diversi diversi i blog da cui sono nati consigli per lavare i capelli in modo naturale, utilizzando esclusivamente acqua e bicarbonato. Se la pratica ti sembra estrema sappi che puoi utilizzare questo ingrediente anche per una maschera in grado di restituire lucentezza alla tua chioma. Mescola il bicarbonato con l’acqua e crea un impacco non troppo liquido, da massaggiare sul cuoio capelluto, poi risciacqua con acqua fredda e mezzo bicchiere di aceto di mele.
ANTI SUDORE – Se durante l’estate desideri evitare i cattivi odori, prima di uscire di casa tampona le ascelle con acqua e bicarbonato. Con il caldo spalmare la crema ti stressa? Prova a fare così: versa in una ciotola bicarbonato e yogurt, da massaggiare sulla pelle umida mentre sei sotto la doccia. Grazie al bicarbonato illuminerai l’epidermide, mentre lo yogurt la nutrirà senza bisogno di aggiungere altre creme o oli vegetali.
DENTI? – Puoi versare un cucchiaino di bicarbonato in un litro d’acqua oppure in una tisana alla malva, dal potere antinfiammatorio: il composto, da conservare in frigo per qualche giorno, rinfresca l’alito e può essere utilizzato come colluttorio. Il bicarbonato è fra gli ingredienti più utilizzati per sbiancare la dentatura. Attenzione, meglio evitare di spazzolare i denti con il bicarbonato: se desideri sbiancarli rivolgiti a uno studio dentistico di comprovata esperienza e affidabilità.

Segreti di bellezza: i 14 alimenti che fanno sembrare più vecchi

hau-qua-cua-mat-rang-la-gi-1Da quello di cui ci si nutre dipende in gran parte lo stato di salute e anche l’aspetto. Ci sono alcuni cibi, infatti, che determinano un invecchiamento precoce di pelle e denti. Non che siano dannosi per la salute di per sé (almeno non tutti), ma gli acidi che contengono possono danneggiare, ad esempio, lo smalto dei denti. Una lista di 14 elementi da consumare con moderazione è stata stilata dal sito “Health”. Ecco quali sono:

DOLCI Gli zuccheri contenuti da dolci e dolciumi attivano un processo, detto di glicazione, che danneggia il collagene della pelle provocando perdita di tono e rughe. Dannosi anche per i denti, gli zuccheri fanno proliferare batteri nel cavo orale che possono indebolire e scolorire i denti.

ALCOOL Se il fegato non riesce a smaltire l’alcool nel modo corretto, a rimetterci è anche la pelle, che a causa dell’accumulo di tossine può assumere un colorito giallognolo e un aspetto rugoso.

VINO BIANCO Gli acidi presenti nel vino bianco intaccano lo smalto dei denti. Ciononostante, è buona norma non lavarli immediatamente dopo aver bevuto vino, meglio aspettare un’ora e dare il tempo di rimineralizzarsi.

CARNE BRUCIATA La crosticina nera che si può formare sulla carne alla griglia può provocare infiammazione e indebolire il collagene. Basta grattarla via.

SALE Anche se non lo si utilizza in grandi quantità, è nascosto in molti cibi e causa ritenzione idrica.

CARNI LAVORATE Conengono alti quantitativi di sale e solfiti e conservanti che possono provocare le rughe.

CIBI PICCANTI Posso peggiorare le dermatosi e, soprattutto in menopausa, provocare macchie che difficilmente scompariranno.

CARNE ROSSA I grassi contenuti nella carne rossa scatenano i radicali liberi, principali responsabili dell’invecchiamento cutaneo.

ENERGY DRINKS Contengono acidi che intaccano lo smalto. Se proprio necessario, meglio consumarle con una cannuccia.

LIMONATA Gli acidi naturali del limone e gli zuccheri per addolcire la bevanda sono un mix letale per lo smalto dei denti.

BIBITE CON CAFFEINA Il suo effetto diuretico fa perdere liquidi anche alla pelle.   GRASSI SATURI Non solo nemici della circolazione, ma rendono anche la pelle più sensibile ai raggi UV, che ne provocano l’invecchiamento.

CAFFÈ Oltre ai disagi comportati dalla caffeina, gli acidi contenuti nel caffè erodono lo smalto. Per non doverci rinunciare, è buona norma bere subito dopo un bicchiere d’acqua, che neutralizza l’acidità, e masticare un chewing-gum, che riattiva la salivazione e quindi la remineralizzazione dei denti.

TÈ NERO Il tannino presente in quantità elevate nel tè nero macchia irrimediabilmente i denti. Per ridurre l’effetto indesiderato, si può aggiungere del latte: la caseina, infatti, smorzerebbe il danno.

Denti, troppo colluttorio: si alza rischio tumore in bocca

ModellamentoLabbraFotoTrattamentoL’uso troppo frequente dei colluttori, soprattutto quelli che contengono alcol, può portare a un maggiore richio di sviluppare un tumore della bocca. Impiegarli più di tre volte al giorno per i risciacqui dopo aver lavato i denti con lo spazzolino, infatti, potrebbe favorire la penetrazione di sostanze cancerogene.
E’ quanto emerge da una ricerca della University of Glasgow Dental School, pubblicata sulal rivista Oral Oncology. Esaminando 1962 pazienti che avevano un tumore della bocca e 1993 persone sane in 13 centri di nove diversi paesi, gli studiosi sono arrivati alla conclusione che non sarebbe consigliabile utilizzare di routine il colluttorio, salvo che in alcuni casi.  «Ci sono situazioni e condizioni nelle quali il dentista può prescriverlo, ad esempio perché il paziente haun basso flusso salivare anche a causa delle medicine che rpende – spiega David Conway che ha svolto la ricerca – ma in generale ciò che è raccomandabile è lavare i denti dopo i apsti principali con un dentifricio al fluoro e riscquarli bene, oltre a fare periodici check up dal dentista». Anche una cattiva igiene orale può portare, infatti, a sviluppare un tumore della bocca, avvertono gli studiosi, e il problema riguarda anche chi ha una dentiera e chi mastica spesso le gomme».

Anche lo spazzolino è ‘smart’: avverte se si lavano male i denti

imagesLavarsi i denti correttamente è semplice soprattutto quando è lo spazzolino che indica come fare. A lanciare la novità di uno ‘spazzolino smart’ ci ha pensato l’azienda francese Kolibree che ha portato al Ces che si è appena chiuso a Las Vegas un dispositivo in grado oltre che di assolvere la sua funzione ‘tradizionale’ anche di inviare i dati ad una app.
Lo spazzolino è dotato di bluetooth e sensori in grado di stabilire se sono state raggiunte tutte le aree della bocca e se i movimenti sono stati corretti e di durata sufficiente, e sarà disponibile entro l’estate a un prezzo tra i 90 e i 200 dollari a seconda del modello. Una volta finito il lavaggio tutti i dati vengono inviati automaticamente alla app, che è predisposta anche per correggere eventuali errori e per ‘premiare’ chi invece si lava i denti correttamente. Ad idearlo un ingegnere francese, Thomas Serval, che aveva il sospetto che i propri figli non dicessero la verità sulle loro abitudini riguardo all’igiene orale. “In questo – modo – spiegano gli ideatori – si trasforma quella che normalmente è considerata un’attività noiosa in un gioco apprezzato dai bambini”.