Paura delle vespe? Ecco il modo per non farsi pungere

Vespe incubo di chi vuole campeggiare all’aria aperta? Non c’è problema, per allontanare i fastidiosi insetti arriva dalla scienza un suggerimento semplice e, almeno sulla carta, efficace: gli esperti presenti al Cheltenham Science Festival, interpellati dal Telegraph, hanno infatti rivelato un piccolo per prevenire l’attacco di uno sciame in cerca di viveri.

vespa-giganteQuale? Interrompere la comunicazione fra la prima vespa in esplorazione sulla vostra tovaglia e le altre vespe presenti nel nido. Per farlo basterà solo ‘prenderla in ostaggio’, bloccandola temporaneamente sotto una tazza o un bicchiere, e impedendole così di tornare a casa per chiamare rinforzi affamati. Una volta finito il picnic, la vespa potrà essere liberata senza problemi.  Ma perché tenerla semplicemente in ostaggio e non ucciderla? Gli entomologi sono categorici in merito: le vespe svolgono “un servizio fondamentale” per l’ambiente cacciando a loro volta altri insetti e nutrendosi di ragni e scarafaggi. “Non sono creature aggressive – sottolinea il professor Adam Hart dell’Università di Gloucester al Telegraph – ma quando qualcuno inizia ad agitare le mani per scacciarle loro provano a difendersi. Le vespe mangiano qualsiasi cosa e sono in grado di andare praticamente su qualsiasi tipo di materiale o superficie esistenti, il che le rende incredibilmente preziose per il nostro ecosistema”.

Non tutti gli amici sono un tesoro: ecco quali dovresti allontanare dalla tua vita

Non tutte le amicizie che si hanno sono preziose. Ci sono amicizie che possono dimostrarsi essere addirittura nocive. Tra le persone più negative ci sono quelle che non richiamano mai. Il problema non è se talvolta capita che se ne dimentichi, ma quando è la regola. Questa persona non è minimamente interessata a ciò che fai, quindi non può essere una buona amica.

in-amicizia

Allo stesso livello ci sono le persone che danno sempre buca, che non si presentano mai agli appuntamenti o hanno sempre una scusa all’ultimo minuto. Se non vogliono stare con te, meglio che sia tu ad allontanarle da subito. Le persone oneste sono un tesoro, quelle spietatamente oneste non sempre. Se una persona dice le cose come stanno in modo deciso, quasi cattivo, come a sottolineare costantemente fallimenti e difetti potrebbe non essere una buona amica. Il pettegolezzo, soprattutto tra donne, può starci, ma una regola non scritta vuole che non si parli male delle proprie amiche. Se una persona lo fa con voi va allontanata, perchè potrebbe fare lo stesso con altri, magari parlando proprio di te. Se una persona punzecchia in continuazione, fa spesso battute, a volte fuori luogo e quasi sempre in presenza di altre persone, non è una buona amica, ma una persona che ama screditare il prossimo. Vuole sentirsi in primo piano anche a costo di mettere in ombra chi ha vicino, e questa non è amicizia.  Nociva è anche la persona che non fa che lamentarsi e parlare dei suoi problemi. Sono persone che portano negatività e che hanno un’idea unilaterale dell’amicizia nella quale loro prendono soltanto senza mai dare.