Il seno piccolo piace di più, ecco 9 motivi per i quali è meglio di quello grosso

Il seno, croce e delizia di tutte le donne, ha dato sempre un gran da fare al gentil sesso, impegnato, nei casi in cui sia oversize a comprirlo e nei casi sia minimal a valorizzarlo. Come riporta il Corriere della Sera, su diversi siti americani è più accesa che mai la discussione sulle dimensioni del décolleté. E il risultato non lascerebbe spazio a dubbi: secondo i ricercatori sarebbe meglio un lato a piccolo. Ed ecco spiegato perché in 9 motivi.

376289-995x680

1) Ci si può addormentare a pancia in giù senza problemi.

2) Un seno piccolo fa sembrare più giovani.

3) Con un buon allenamento in palestra, non è a rischio cedimento.

4) Nessun inconveniente “ballerino” neanche durante la corsa.

5) Il seno piccolo garantirebbe una postura più corretta.

6) Chi ha il seno piccolo ha l’imbarazzo della scelta in fatto di reggiseni.

7) Gli studi dimostrerebbero che le donne meno formose hanno minori possibilità di contrarre il tumore alle mammelle.

8) È possibile non indossare il reggiseno.

9) Secondo il magazine Psychology Today, gli uomini d’affari sarebbero più attratti dalle donne col seno piccolo, simbolo di sicurezza e intimità.

Incubo zanzare, ecco come difendersi. Tutte le istruzioni

“Conoscili, proteggiti, previeni”. E’ questo il messaggio della campagna contro la zanzara tigre, la zanzara comune e i pappataci promossa dalla regione Emilia Romagna, che per contrastare la proliferazione di questi insetti e ridurre le punture, ha messo a punto una campagna ad hoc indirizzata ai cittadini.

Zanzara

A illustrare, step dopo step, le regole da seguire per proteggersi da questi insetti è un video postato sulla pagina Facebook della regione. “Zanzare e pappataci possono trasmettere malattie anche gravi – si legge nel post – previeni la diffusione di questi insetti, proteggi te e i tuoi familiari con alcune semplici azioni”. Per farlo, la regione suggerisce di “eliminare ristagni e accumuli di acqua nei giardini, orti e balconi, svuotare e pulire regolarmente vasi, cisterne, grondaie, tombini, vasche, ciotole e giochi”. “Quando non è possibile – prosegue il video – trattate l’acqua con prodotti larvicidi e proteggete i tombini con reti e zanzariere. Pulite il cortile o giardini da foglie e sfalci d’erba, dove i pappataci possono riprodursi. All’aperto indossate abiti chiari e coprenti, applicate prodotti repellenti sulle parti scoperte del corpo, evitate profumi, creme e dopobarba. In casa usate zanzariere, condizionatori d’aria, elettro emanatori di insetticidi o spirali, e quando viaggiate prendete tutte le precauzioni prima, durante e dopo il vostro soggiorno”.

Trend manicure: gli smalti per la bella stagione

La primavera porta aria di rinnovamento soprattutto in fatto di make up: sfoggiare mani e piedi curati e alla moda è importante 365 giorni l’anno… figuriamoci con i primi caldi, quando, la manicure si mette in mostra. Gli smalti di grande attualità sono quelli nei colori freddi, ma ci si può sbizzarrire anche con le tonalità fluo, dark e colorate. Per chi ama lo smalto in gel, invece, è in arrivo un esclusivo sistema in due step per una manicure dal colore intenso e dalla brillantezza effetto gel a lunga durata.

manicureperfetta09

E’ proprio il nude il grande protagonista delle unghie 2016, nelle tonalità del rosa tenue, del beige e del sabbia, fino al greige, nuance chic e alla moda della manicure al naturale. Le unghie chiare, infatti, non conoscono più stagione: si declinano in tutte le versioni per sedurre e conquistare. Una tendenza che torna alla ribalta per la prossima stagione estiva, per mani che si fanno notare con un’eleganza dai toni morbidi. Il minimal, protagonista indiscusso delle passerelle, riveste le unghie di luce e femminilità: come la linea Collistar che firma 11 diverse declinazioni white, ciascuna distinta in lucentezza e finish.

Mai eccessivo, il bianco si rivela ora più che mai in tutto il suo splendore e ravviva il colore della pelle abbronzata, valorizzando anche gli incarnati più difficili ed esaltando la forma delle dita. Una sfumatura per ogni occasione, perché un bianco non vale l’altro: nella nuance ghiaccio, il bianco è protagonista assoluto e firma uno chic estremo, il perla, invece, lascia spazio a sfumature rosate per un risultato più romantico e delicato. Per chi ama l’effetto gesso, perfetto nella stagione estiva, la doppia passata è il segreto.

Orchidea, camelia, tulipano, ranuncolo, frangipane e peonia sono le sei tonalità di Pupa ispirate alla natura: esotiche e delicate, sono un trionfo floreale racchiuso in una palette elegante e raffinata. Accanto alle sfumature eccentriche e ai colori intensi, il make-up torna in punta di piedi al “nude look”: il trucco che c’è ma non si vede. Le mani si vestono di tinte soft, dal bianco perla al rosa chiaro: colori che esaltano il look di ogni donna, facili da indossare perchè estremamente trasversali e capaci di sublimare la bellezza naturale. Da Oltreoceano, invece, Deborah Lippmann, la famosa manicurista statunitense amata dalle star, ha creato una linea di smalti e trattamenti per le unghie che contengono biotina, tè verde ed estratto di aucoumea klaineana. Ogni smalto, dal rosa al rossa, dal nude al dark, porta il titolo di una canzone: gli ingredienti botanici rafforzano, idratano, promuovono la crescita e contrastano lo sfaladamento dell’unghia
Al polo opposto, incontriamo le nuance più estive e colorate: se siete amanti del colore la tonalità più modaiola è il viola, merito della maison Chanel che ha scommesso su un’unica nuance, la 683 Sunrise Trip, un blu violaceo oltremare. Accanto a questa, però, non smettono di stancare i grandi glassici: dal rosso corallo al verde bottiglia, dal fucsia al blu elettrico. Non possono mancare i colori della linea “le duo vernis”, una nuova formula che si prende cura delle unghie, rinforzandone la durezza e migliorandone la qualità. Dopo aver applicato quello che più vi piace, potete prolungare la tenuta con il gel coat che dona una brillantezza estrema. L’ effetto gel, infatti, mette in risalto i colori splendenti dello smalto per un risultato perfetto e impeccabile. Compatto e resistente, il gel resiste alle abrasioni limitando così le sbeccature. Grazie alla sua nuova formula più sicura (priva di stirene e con una limitata presenza di fenoli), lo smalto garantisce una migliore stabilità e omogeneità del colore.

Per tutte le ragazze che non sanno rinunaciare a mani sempre in ordine è in arrivo un nuovo smalto super gel che realizza una manicure degna di qualsiasi salone di bellezza: il prodotto, ideato da Rimmel, utilizza una tecnologia di polimerizzazione grazie alla luce naturale per unghie ultra brillanti…comodamente a casa tua. Semplice da applicare, si asciuga come un normale smalto, ma senza bisogno di lampada UV. Il risultato? Un impeccabile effetto glossy 3D, proprio come quello di una manicure gel professionale…senza perdite di tempo e senza arrecare danno alle unghie. Quando vorrete cambiare colore, basterà usare un normale solvente per unghie senza dovere procedere con alcun impacco. Semplice, no?

Paura delle vespe? Ecco il modo per non farsi pungere

Vespe incubo di chi vuole campeggiare all’aria aperta? Non c’è problema, per allontanare i fastidiosi insetti arriva dalla scienza un suggerimento semplice e, almeno sulla carta, efficace: gli esperti presenti al Cheltenham Science Festival, interpellati dal Telegraph, hanno infatti rivelato un piccolo per prevenire l’attacco di uno sciame in cerca di viveri.

vespa-giganteQuale? Interrompere la comunicazione fra la prima vespa in esplorazione sulla vostra tovaglia e le altre vespe presenti nel nido. Per farlo basterà solo ‘prenderla in ostaggio’, bloccandola temporaneamente sotto una tazza o un bicchiere, e impedendole così di tornare a casa per chiamare rinforzi affamati. Una volta finito il picnic, la vespa potrà essere liberata senza problemi.  Ma perché tenerla semplicemente in ostaggio e non ucciderla? Gli entomologi sono categorici in merito: le vespe svolgono “un servizio fondamentale” per l’ambiente cacciando a loro volta altri insetti e nutrendosi di ragni e scarafaggi. “Non sono creature aggressive – sottolinea il professor Adam Hart dell’Università di Gloucester al Telegraph – ma quando qualcuno inizia ad agitare le mani per scacciarle loro provano a difendersi. Le vespe mangiano qualsiasi cosa e sono in grado di andare praticamente su qualsiasi tipo di materiale o superficie esistenti, il che le rende incredibilmente preziose per il nostro ecosistema”.

Come rinfrescare la casa senza aria condizionata

Soprattutto in città, l’estate può essere davvero difficile da sopportare. La colpa è del caratteristico mix urbano di afa e umidità, che toglie energie e rende difficile il sonno. La soluzione più efficace per eliminare la cappa di umidità in casa è ricorrere a un condizionatore. Ma sono ancora numerose le famiglie che non possono (o non vogliono) godere dell’aria condizionata tra le pareti domestiche. In questi casi, per sopravvivere alla canicola, si possono adottare alcune strategie casalinghe della nonna.

sb10062782e-001

D’altronde, molto tempo fa, nemmeno si sapeva cosa fosse un condizionatore…Studiare la casa – Non tutte le case sono ugualmente calde. Studiare la posizione del proprio appartamento può, quindi, aiutare a elaborare la strategia più efficace per rinfrescare la casa. Alcune abitazioni sono biesposte, dunque è possibile creare un minimo di giro d’aria tra le diverse stanze. Altre case, invece, sono monoesposte: se ricevono sole, lo ricevono per buona parte della giornata. Una volta individuato il problema, ci si attiva per risolverlo nel modo giusto.

Crea ombra – Il segreto per non soccombere al caldo in casa, se non c’è l’aria condizionata, è lasciare in ombra le stanze quando sono esposte al sole. Dunque, una volta studiata l’esposizione dell’abitazione, si abbasseranno le tapparelle (o chiuderanno le persiane) prima di andare al lavoro (se le stanze ricevono sole al mattino o nel primo pomeriggio). Per poi riaprirle quando il sole sarà già calato o avrà cambiato obiettivo.

Cambia l’aria così – Per rinfrescare la casa, è bene cambiare l’aria quando ancora è frizzantina. Dunque, è opportuno spalancare le finestre al mattino presto per creare il miglior giro d’aria possibile. Da evitare tassativamente: aprire le finestre e alzare le tapparelle quando il sole è alto. Anche di notte, sicurezza permettendo, sarebbe opportuno lasciare circolare l’aria soprattutto dalle 2 alle 6 del mattino.

Metti le tende – Se non si investe in aria condizionata, è importante però investire in ottimi tendaggi per terrazzi e balconi. Infatti, questi spazi outdoor (anche se piccoli) possono diventare oasi rinfrescanti, a patto che non si lascino esposti al sole tutto il giorno. In questo caso, il balcone può diventare un’ulteriore fonte di canicola. Le tende migliori sono quelle grandi e spesse, che si abbassano e vanno a ombreggiare tutta la superficie del terrazzo.

Il ventilatore – Se il motivo per cui si rinuncia all’aria condizionata è il fastidio fisico e il timore che si possa incorrere in raffreddori o torcicollo, bisogna tener presente che anche il ventilatore, se usato male, può dare gli stessi problemi. Dunque, è bene seguire regole ben precise. Prima di tutto, il ventilatore non va mai puntato addosso ma sistemato in modo tale che faccia circolare l’aria per casa, senza arrivare direttamente sulla persona. Inoltre, è consigliabile scegliere i ventilatori a pala da sistemare sul soffitto: sono più efficaci e non vanno continuamente regolati.

Allarme zecche in Italia, sette ricoveri: il morso non si avverte e può portare paralisi

Allarme zecche in Italia dopo che nella provincia di Belluno sono state ricoverate sette persone. La Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali (Simit) mette in guardia dai pericoli dei morsi che, nella maggior parte dei casi, non si avvertono, ma possono avere conseguenze gravi come la paralisi e raramente anche la morte.

malattia-di-lyme-zecche

La meningoencefalite da zecche è una malattia virale del sistema nervoso centrale e spesso viene diagnosticata tardi perché il morso non viene percepito. Il tempo di incubazione è variabile e l’andamento dei sintomi vede un primo episodio simile all’influenza seguito da un periodo di relativo benessere della durata di 7-10 giorni, poi la malattia vera e propria. In provincia di Belluno, dal 1994 ad oggi sono 194 i casi di encefalite da zecche segnalati.   Questa malattia però si può prevenire con il vaccino. Questa patologia potrebbe però essere presente anche in altre aree geografiche, soprattutto quelle montane. “Dovrebbe essere quindi opportuno che i medici di base e il personale sanitario tutto tengano conto di questa possibilità”, spiega a ‘Repubblica’ Ermenegildo Francavilla, Direttore Unità Operativa di Malattie Infettive Ospedale di Belluno e membro Simit.

Estate alle porte: ecco tutti gli errori che mettono a rischio la bellezza femminile

L’estate è tornata ma gli errori legati all’estetica sono sempre in agguato. Cerette più frequenti, tintarella, bagni, sono tutti elementi che rischiano di mettere a rischio la bellezza femminile.

301875_0_0

Il primo errore è quello di non proteggere i capelli con oli e maschere: con l’acqua del mare e i frequenti bagni si rischia di sbiadire il colore delle tinte e indebolire i capelli. Importante è anche proteggere la pelle, e le labbra, con protezioni adeguate mentre si prende il sole.  La cerettta leva l’abbronzatura e potrebbe seccare la pelle se fatta troppo frequentemente, come accade in estate. È bene, quindi, fare scrub e ricordarsi sempre di idratare la pelle.  Un ultimo consiglio è per i piedi: la spiaggia, la piscina e le scarpe aperte rovinano la pelle e favoriscono le callosità. È importante curarli con creme nutrienti .