Cura del viso: maschere fai da te con la frutta

Le creme di bellezza costano troppo e spesso non è neanche detto che funzionino poi così bene. Molte donne preferiscono scoprire i segreti dei prodotti naturali e utilizzarli per ritrovare la loro bellezza e curare la pelle senza correre il rischio di utilizzare prodotti di bellezza poco sicuri.
cura del viso, masche viso fatte in casa, maschera, maschere di bellezza fai da te.
Per aiutarvi a trovare la cura che fa per voi senza dover acquistare costosi rimedi vi segnaliamo qui qualche spuinto interessante: è sufficiente aprire il frigorifero o la dispensa di casa per trovare tutto ciò che vi serve.
Maschera per schiarire le macchie sul viso
Chi soffre di acne lo sa bene: dopo uno sfogo cutaneo capita spesso che rimangano sulla pelle delle antiestetiche macchie scure, spesso sono cicatrici che, se curate in fretta, possono sicuramente migliorare nell’aspetto. Per schiarire le macchie della pelle causate da brufoli e imperfezioni prendete due cucchiai di yogurt bianco e due cucchiai di succo di limone. Mescolate il tutto e mettetelo sulla vostra pelle lasciandolo in posa per 10 o 15 minuti. Sciacquate poi con acqua tiepida.

Maschera per pelli grasse e impure
Per le pelli oleose provate una maschera tutta naturale. Prendete dell’uva e passatela con un frullatore fino a ridurla in una crema, aggiungete due cucchiai di succo di limone e due bianchi d’uovo. Mescolate il tutto a mano e mettetelo su tutto il viso (isolate i capelli con una fascia). Lasciate agire per 20 minuti e poi sciacquate il viso con dell’acqua tiepida.

Trattamento per pelli grasse
Per le pelli grasse e molto unte che necessitano di un trattamento urto e un effetto visibile dopo due giorni, prendete una mela verde e tagliate qualche fetta spessa. Dopo aver pulito bene il viso con dell’acqua e averlo asciugato, prendete la fetta di mela e passatela su tutto il viso insistendo su naso, fronte e mento. Dedicate molto tempo a queste zone e poi risciacquate.

Cura del viso: maschere fai da te con la fruttaultima modifica: 2011-12-17T03:35:00+01:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo