Rimedi naturali per capelli belli e splendenti durante l’estate

Durante la stagione estiva i capelli, stressati da sole e mare hanno bisogno di cure e attenzioni in più.
Non basta quindi lo shampoo regolare ma indispensabile il trattamento quotidiano con il balsamo e l’applicazione di una maschera periodicamente.capelli-mare.jpg
L’ideale è prendersi il tempo per stendere la maschera con cura, pettinare i capelli con un pettine a denti radi, avvolgere la testa in una pellicola di plastica e lasciarla agire per almeno mezz’ora. Le maschere possono anche essere assolutamente fai da te.

Di notte poi i capelli sono particolarmente ricettivi ai trattamenti . Ideali per l’utilizzo notturno sono  le fiale urto, i sieri e le maschere capillari, ma soprattutto gli oli, che lasciati in posa tutta la notte, preparano i capelli allo shampoo del mattino ed hanno un’azione rinforzante, nutriente e lucidante. Provate per esempio con l’olio di cocco, si trova in erboristeria ed è ideale per capelli secchi e sfibrati.
Se invece il problema è la caduta, provate ad applicare 2 cucchiai di grappa sul cuoio capelluto frizionando con energia. Effettuale un’applicazione la sera, per poi risciacquare la mattina seguente appena sveglie.

Per uno shampoo perfetto, spazzolate prima i capelli, poi bagnateli con acqua tiepida e distribuite una piccola quantità di shampoo diluito sul cuoio capelluto, massaggiando a cerchi con i polpastrelli, dalla sommità della testa alla nuca. Quindi, fate scendere la schiuma sulle lunghezze e risciacquate con cura. Se si usa un balsamo a risciacquo, tamponate i capelli e applicatene una dose, pettinandolo su tutta la lunghezza e lasciando riposare 2-3 minuti, poi risciacquate a lungo. Terminate versando sui capelli mezza bottiglia di acqua fredda arricchita di  due cucchiai di acqua di rose o fiori d’arancio, per idratare e profumare o un cucchiaio di aceto di mele per dare lucentezza.

Rimedi naturali per capelli belli e splendenti durante l’estateultima modifica: 2011-10-14T10:05:52+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo