Elisabetta Gregoraci, in vacanza da single: gli scatti sexy nella spa

Elisabetta Gregoraci è ormai una donna single e ha deciso di godersi le vacanze all’insegna del relax. L’ex di Flavio Briatore è andata in montagna e ha pubblicato scatti hot del suo fisico mozzafiato sul suo profilo Instagram.

3500436_2123_collage_2018_01_22_1_ (1)

“Metti una calabrese sulla neve”, scrive nella didascalia che accompagna la foto alla spa immersa nell’acqua della piscina. In altri post si vede mentre fa un giro in bicicletta. Scenari bellissimi e giornate rilassanti per la bella Elisabetta.
La showgirl e Briatore hanno reso ufficiale la fine del loro matrimonio qualche settimana fa. La separazione è stata consensuale e secondo il settimanale “Nuovo” a scatenare tutto sarebbero stati dei messaggini sul telefono di Briatore scoperti dalla moglie: “L’idillio – fa sapere la rivista – è arrivato al capolinea, come vi avevamo anticipato quest’estate.

Jeremias Rodriguez molta complicita` con Valeria Marini: Signorini lo ‘sgrida’ in diretta

A Casa Signorini, Alfonso Signorini pizzica il fratello di Belen con Valeria Marini: le chiacchiare piccanti tra i due. Jeremias Rodriguez si è infatti reso protagonista di qualche momento molto particolare insieme alla Valeria nazionale, causando la reazione divertita del padrone di casa. Ma cosa sarà successo all’interno del salotto del direttore di Chi?

maxresdefault (23)

Ospite dell’ultima puntata di Casa Signorini, Jeremias è stato praticamente tutto il tempo accanto a Valeria Marini. Tra di loro, durante la trasmissione, sembra proprio che si sia instaurato un certo feeling…
Casa Signorini, Jeremias e quell’intesa con Valeria Marini. Ci può essere qualcosa tra i due?
Durante l’arco di tutta Casa Signorini Jeremias non ha fatto altro che chiacchierare con la Valeria Nazionale, facendo sorgere il dubbio che tra i due ci possa essere una certa puzza di bruciato…
Da volpone esperto di gossip quale sicuramente è, il direttore di Chi non ha mancato di notare l’intesa che stava nascendo tra i due, al punto che si sono scambiati i numeri di telefono. È così che Signorini ha voluto mettere un po’ di pepe nella storia, facendo un annuncio importante.
Non è infatti un mistero che Aida Yespica sia tornata single. E, dopo quanto accaduto nella casa del GF Vip, le ipotesi che finisca insieme al fratello di Belen sono aumentate esponenzialmente. Signorini lo sa bene, tanto che ha affermato: “Jeremias ritornerà con Aida, ve lo diciamo noi. Ieri lei mi ha dato un bigliettino per lui che io non le ho ancora dato…”
Casa Signorini, Jeremias ‘tuba’ con Valeria Marini, ma interviene Signorini
Questo però non prima di ‘sgridare’ il giovane Rodriguez: “Tu continua a tubare con la Marini, io il bigliettino non te lo do…”
Il contenuto del bigliettino lo sapremo a una sola condizione. “Io ti dò il biglietto di Aida – ha detto Signorini a Jeremias – solo quando tu mi manderai il primo Whatsapp che ti manda la Marini”.
Ma Jeremias sarà veramente conteso da Aida Yespica e Valeria Marini? Oppure quella tra loro è soltanto una semplice sintonia?

Corona, show e urla in aula contro la pm. Poi chiede scusa: “Sono stanco, non ho più una vita…”

«Ma che domanda è? Me le faccia a me le domande!». Così urlando e agitandosi in aula Fabrizio Corona, in un altro dei suoi classici scatti d’ira, si è rivolto alla pm di Milano Alessandra Dolci nel corso dell’audizione di un testimone, Marco Bonato, amico dell’ex ‘re dei paparazzi’, nell’udienza davanti alla Sezione misure di prevenzione del Tribunale milanese.

download (70)

In prima battuta, l’ex agente fotografico, mentre il pm poneva domande al teste, presunto intestatario fittizio della casa di via De Cristoforis sequestrata a Corona assieme agli ormai noti 2,6 milioni di euro in contanti, è ‘esploso’ dicendo: «Ma lui non è un tecnico?». E poi: «Ma che domande fa? Le faccia a me!». Il pm Dolci ha ribattuto rivolgendosi ai giudici: «È inaccettabile, non si può rivolgere così al pm, chiedo che venga allontanato».
Il presidente del collegio Gaetana Rispoli è intervenuta per chiedere «cortesemente» a Corona di «evitare questo atteggiamento, mai visto in quest’aula», senza però espellere l’ex fotografo dei vip. Intanto, Bonato ha riferito che fece da intestatario fiduciario della casa perché Nina Moric, all’epoca moglie di Corona, «quella mattina al telefono mi implorò di andare a Reggio Calabria e intestarmi la casa, perché lui era stato arrestato la notte prima (nel 2008 per la vicenda dei soldi falsi, ndr) e lei era a casa distrutta con un bambino».
POI LE SCUSE «Sono stanco, ho 44 anni, non ho più voglia di fare le guerre, non cerco più la ribalta mediatica, io oggi non ho una vita perché l’ho sprecata tutta a lavorare». Così, anche in modo molto personale come al solito, Fabrizio Corona ha preso la parola e ha parlato per oltre un’ora per difendersi davanti ai giudici della Sezione misure di prevenzione di Milano, che dovranno decidere se confiscare o meno la sua casa sequestrata assieme a 2,6 milioni di euro in contanti. E ha voluto anche chiedere «scusa al pm» Alessandra Dolci «che stimo» e contro cui in precedenza aveva urlato durante l’udienza.
Nelle sue dichiarazioni ‘fiumè con le quali, in sostanza, Corona, come i suoi legali, gli avvocati Ivano Chiesa e Luca Sirotti, ha voluto dimostrare che la casa venne acquistata dalla sua società Fenice senza alcuna irregolarità, l’ex agente fotografico non ha risparmiato anche commenti del tipo: «Mps e Etruria hanno fatto 500 milioni di debiti, hanno truffato i cittadini onesti e a loro non hanno sequestrato nulla».
«Quando sei in galera – ha detto l’ex ‘re dei paparazzì davanti al collegio – fai più fatica a difenderti, io poi ho una maniacalità e una sorta di malattia nella gestione delle mie cose e se oggi avessi la possibilità di entrare nella mia cantina potrei recuperare tutto il materiale sui guadagni delle mie serate e sul resto». Ha sottolineato come le sue società negli anni abbiano «fatturato 17 milioni e ci ho pagato sopra 9 milioni di tasse, non ho portato i soldi all’Isola di Man, io ho sempre e solo lavorato, avevo una bella donna appariscente e poteva sembrare facessi la bella vita, ma lavoravo anche quando mi hanno arrestato l’ultima volta».
Con il pm, poi, dopo le scuse c’è stato anche un simpatico botta e risposta. «Vorrei che il pm mi ascoltasse mentre parlo», ha detto Corona e Dolci: «La ascolto, anche se faccio un’altra cosa». E lui: «Anche io riesco a fare così, anche se sono in pochi quelli che ci riescono davvero». Il pm: «Allora siamo in due». L’ex fotografo dei vip ha ribadito, come già altre volte, che «dopo il 2007-2008 non ho più commesso reati, ma solo l’unico che deve pagare sempre, io firmo autografi in carcere a tutti i detenuti, questo sono io e forse a qualcuno non piace come sono».
Oggi in udienza è stato ascoltato anche il consulente della difesa dell’ex agente fotografico, Andrea Perini, commercialista e professore, che è tornato a parlare, tra le altre cose, dei ricavi ‘in nerò di Coronaper le serate: «Un milione e 130 mila euro tra novembre 2015 e luglio 2016». E ha evidenziato come del debito fiscale di circa 9 milioni che ha Corona, oltre 6 milioni sono soltanto per sanzioni e interessi di mora. Nella prossima udienza, fissata per il 19 dicembre, parleranno pm e difesa e poi i giudici dovranno decidere se confiscare o meno casa e soldi sotto sequestro.

Il telefonino rende insoddisfatti: “Può causare ansia e depressione”

16045265-donna-parlare-su-un-telefono-cellulareUsare troppo il telefono fa male al sonno, all’attività sessuale e da recenti studi, è stato dimostrato, anche all’umore. Il telefonino, usato troppo, fa diventare ansiosi e meno felici; inoltre riduce anche le performance accademiche per gli studenti. Sono le conclusioni di uno studio su un campione di 500 giovani condotto presso la Kent State University in Ohio da Jacob Barkley, Aryn Karpinski e Andrew Lepp e pubblicato sulla rivista Computers in Human Behavior. Gli esperti hanno chiesto agli studenti di dire quanto avessero usato in media negli ultimi 12 mesi il proprio cellulare o smartphone. Poi di compilare un questionario per valutarne grado di felicità, soddisfazione e livelli di ansia. Infine i ricercatori hanno visto i voti conseguiti nell’ultimo anno dagli studenti.  È emerso che più aumentava il tempo trascorso a usare il cellulare, più crescevano i livelli di ansia e di insoddisfazione. L’uso del cellulare sembrava incidere negativamente sui voti conseguiti. Il telefonino aiuta interagire e fa sentire meno soli o isolati, ma quando è usato eccessivamente e si è incapaci di disconnettersi, allora dal piacere si passa alla frustrazione. Sembra dunque divenire un mezzo che deconcentra e aumenta lo stress, ingenerando ansia, concludono i ricercatori.