Amici 17, chi è Emma Muscat: cantante e pianista, discriminata perché troppo bella?

Emma Muscat è riuscita a entrare nella casa di Amici anche se all’inizio era stata esclusa, ripescata dopo una sfida contro Audjah. Così è diventata la “bella” del programma, a detta di tutti. La sua bellezza rischia di offuscare il suo talento di pianista e cantante.

maltija_2_copy

Sul sito della trasmissione di Maria De Filippi si può leggere di lei: “Emma ha 18 anni e vive a Malta con il padre e la madre. Ha cominciato a cantare a 5 anni e oggi si esibisce regolarmente nel suo Paese ma anche in Inghilterra e in Italia. Ama la sua vita e dice di essere grata per tutto quello che ha ottenuto fino a questo momento”.
“Cantare le permette di esprimere i suoi sentimenti e quando è sul palco si sente nel suo elemento naturale. Si definisce perfezionista e molto autocritica, sensibile e capace di dare ai brani una interpretazione molto personale. I suoi riferimenti musicali sono Alicia Keys e Aretha Franklin”.

Come riconoscere una persona cattiva? Ecco i 10 indizi…

ROMA – Avete mai avuto a che fare con una persona che vi ha sorpreso per i suoi comportamenti scorretti? E siete mai arrivati al punto di chiedervi se si trattasse davvero di una persona cattiva? Se sì, ecco le risposte a tutti i vostri dubbi.

5036649783001_5605542969001_5605496690001-vs

1) Gode dei dispiaceri altrui.
2) Vuole avere il controllo della situazione per poter manipolare i sentimenti delle persone.
3) È una persona disonesta, che mente spesso per manipolare la realtà.
4) Non prova rimorso quando tratta in maniera crudele le persone care.
5) Non si prende mai responsabilità e dà sempre la colpa agli altri.
6) È opportunista e ti usa dei momenti di bisogno.
7) Ti mette in cattiva luce davanti agli altri.
8) Mette zizzania tra le persone buone per raggiungere i propri scopi.
9) Ha una doppia vita e si comporta in maniera differente a seconda di chi si trova di fronte.
10) Non ha limiti e sarà sempre pronta a ferirti.

Allora tutto chiaro? Poi ovviamente ogni storia è a sé, ma non dite che non vi avevamo avvertito…