“Isola dei Famosi”: Francesco Monte e il rebus hot per Paola Di Benedetto

La prima coppia dell’Isola dei Famosi 2018 potrebbe essere quella formata da Francesco Monte e Paola Di Benedetto. L’ex tronista è rimasto colpito dal fascino di Madre Natura e non ne ha fatto mistero: “Paola è una bella ragazza, interessante anche dal punto di vista caratteriale”. E per ribadire l’attrazione fisica nei suoi confronti le ha disegnato sul braccio un rebus a luci rosse…

640x360_C_2_video_799348_videoThumbnail

I naufraghi sono rimasti in hotel per una settimana e hanno avuto modo di iniziare a conoscersi. Paola è rimasta colpita dal compagno di avventura, ma non si è azzardata a fare pronostici: “Non so se gli piaccio, ma da come mi guarda e si comporta credo ci possa essere un interesse”.

L’ex della Rodriguez non si è dichiarato in maniera esplicita, ma attraverso una serie di simboli che le ha disegnato sul braccio con una penna: una chiave, un remo e un’ancora. Ad interpretare il rebus ci ha provato l’ex gieffino Filippo Nardi, ma Monte lo ha fermato prima che potesse svelare a tutti la soluzione: “Non c’è bisogno di capire il significato dei tatuaggio, se una persona non vuole dirlo…”.

“Voleva fare il simpaticone e gliel’ho concesso” ha poi confessato divertita Paola, prima di accoglierlo di notte sulla sua amaca. Un’incursione che non è sfuggita a Nadia Rinaldi: “Gatta ci cova, credo che ci siano delle affinità. E’ una cosa piacevole, sull’isola avranno modo di conoscersi meglio”.

Parto choc: in mezzo alla natura e senza medici. “Era il mio grande sogno”

Si chiama Simone Surgeoner, ha 43 anni e ha messo al mondo il suo quarto figlio in mezzo alla natura, senza alcun supporto medico. La sua voglia era quella di emulare i parti antichi, dove la tecnologia non esisteva e tutto veniva affidato alla benevolenza di Madre Natura.

1861037_video_90148Per rendere unica la sua esperienza, Simone Surgeoner ha fatto documentare tutto da suo marito Nick con un video abbastanza esplicito che mostra attimo dopo attimo le fasi del parto: il dolore, le contrazioni, la nascita, la gioia. Il video, appena è stato diffuso in rete ha fatto registrare numeri record: è stato visto da oltre 52 milioni di persone.Tutto risale al 2012 ma ora, nonostante sia passato qualche anno dalla sua esperienza, è tornata a parlarne, dando qualche giudizio sul grande clamore mediatico e sulle critiche scatenate dal suo parto.  “Non sono una hippy, ma volevo che mio figlio nascesse lontano dalle macchine dell’ambiente ospedaliero – ha commentato Simone Surgeoner -. Le donne hanno dato alla luce i figli nella natura per migliaia di anni ma il pensiero di una donna moderna, accovacciata vicino ad un torrente per partorire, ha fatto venire la pelle d’oca a moltissime persone”.  Il video, infatti, dalla data di pubblicazione ad oggi, è stato bersagliato da moltissime critiche. In molti non riescono a concepire questa scelta di Simone Surgeoner.  “I medici, avendo 39 anni, mi avevano detto che la mia gravidanza era ad alto rischio, ma sono andata incontro al mio destino. Se qualcosa fosse andata storta, sarebbe stato difficile arrivare in ospedale per le cure. Sentivo che avevamo fatto qualcosa di eccezionale e di unico e per questo volevo condividerlo con tutto il mondo”, ha concluso Simone Surgeoner.