Golden Globe: il “nuovo lutto” è sexy e scollato

Passeranno alla storia come i Golden Globe in nero: il colore del lutto in segno di solidarietà verso le vittime delle molestie sessuali a Hollywood. Ma nell’America perbenista ma esibizionista anche le certezze possono essere messe in discussione, per esempio il lutto.

C_2_box_51855_upiFoto1F (1)

Nessuno ha pensato che fosse una contraddizione svilire il colore del dolore per un evento mondano. Non solo: il “nuovo lutto” hollywoodiano è sexy e scollato. Le star sul red carpet che hanno indossato orgogliose il total black non hanno minimamente pensato che fosse necessario un certo decoro.

In un tripudio di esibizionismo, dettagli osè e provocanti trasparenze non si sono fatte attendere. A cominciare da Kate Hudson che ha spiazzato tutti con un Valentino dalla scollatura più che profonda e gonna velata. Ma se il nude look Dsquared2 della 21enne Hailey Baldwin può essere tacciato come retaggio di gioventù, le vere coraggiose panterone di questi Golden Globe 2018 sono state le 50enni.

Mariah Carey bombastica e proprompente nel suo abito a sirena firmato Dolce & Gabbana. Halle Berry e Catherine Zeta Jones hanno scelto pizzo e trasparenze di Zuhair Murad. Ma la più provocante è stata sicuramente Sharon Stone: la gabbia vedo-non-vedo del suo vestito Vitor Zerbinato ha lasciato il segno.
Il messaggio è forte e chiaro: il corpo è mio, lo gestisco ed esibisco come meglio credo.

Bella Hadid, particolare hot in rosso sul rosa

Sebbene fossero già circolate le foto, il 28 novembre l’America e il mondo intero hanno potuto vedere in televisione la proiezione della sfilata di Victoria’s Secret. Tutte le modelle che ne erano state protagoniste hanno partecipato alla premiere evento a New York, percorrendo il consueto pink carpet, il tappeto rosa col marchio di lingerie: la regina è stata ovviamente Bella Hadid.

C_2_box_48695_upiFoto1F-768x432

Viso angelico con trucco leggero e capelli sciolti, la supertop ha stupito tutti con un outfit mozzafiato: un vestito rosso in materiale plastico aderente, con ricami neri. Un abito particolare e non facile da portare se non con il fisico di Bella Hadid, creato da Atsuko Kudo, il re del latex.
Le luci dei flash sul materiale plastico hanno rivelato l’eccellente silhouette della supertop e, all’altezza del bacino, persino un particolare hot: l’elastico del microtanga. Data l’occasione, sarà stato di Victoria’s Secret l’intimo di Bella Hadid?

Francesco Facchinetti, ecco la “vendetta” sexy della moglie

L’amore non è bello se non è litigarello. Così cita il proverbio e così è quello di Francesco Facchinetti e della moglie Wilma Helena Faissol che su Instagram condivide un piccolo screzio di coppia… che però fa tanto ridere. Lady Facchinetti non digerisce il comportamento del marito e, prima di coricarsi con lui, sfoggia tutto il suo sex appeal in topless cinguettando: “Non te la dooooooo”.

C_2_articolo_3103935_upiImagepp (1)

Non manca d’ironia la moglie di Francesco quando su Instagram Stories aggiorna i suoi follower con spaccati di vita quotidiana insieme al figlio del cantante dei Pooh. Il più recente ha inizio venerdì scorso, quando lui a Roma e lei a Milano avevano organizzato un fine settimana al mare.
Poi il patatrac. Lui, a cena nella capitale, avvisa la moglie che è troppo stanco per andare via, perché ha bisogno di riposare. Lei accetta di buon grado. Poi però di notte scopre che il marito invece di essere in hotel a dormire è in discoteca. E quando lo chiama e non risponde… “le parte il demonio”. In seguito i due discutono, lei piange… ma poi medita vendetta. A distanza di qualche giorno, insieme a Roma per un evento, con un outfit in pizzo nero dal quale si intravedono coulotte e reggiseno, Wilma sfoggia il suo fascino evitando il marito tutta la sera. E quando tornano in hotel Lady Facchinetti stuzzica il marito come una vera femme fatale: prima si fa aiutare a sbottonare il vestito (cercando di non ridere) e poi resta in topless mettendo a nudo un fisico irresistibile… ma cinguetta divertita “Non te la dooooooo lalallalalalalala”.

Sofia Vergara ride ma il vestito è chiuso fuori

Un partner d’eccezione, il figlio, e un piccolo inconveniente col vestito. Sofia Vergara ha raccontato sui social network la sua esperienza personale agli Emmy 2017.
“La notte è giovane, ma io no. Buonanotte Emmys”: con queste parole Sofia Vergara ha commentato l’ironica foto postata su Instagram, che la ritrae mentre si allontana in macchina dal red carpet, alla fine dell’evento televisivo.

C_2_box_42743_upiFoto1F (1)

Piccolo particolare: la coda del suo vestito è rimasta incastrata nella portiera dell’auto. Altri scatti documentano la difficoltà di entrare in macchina con un abito tanto ingombrante. Finalmente una visione diversa del patinato mondo dello spettacolo: tantissimi fan hanno commentato la foto con risate ed apprezzamenti sarcastici.
Sorridente e in piena forma, Sofia Vergara ha fatto la sua apparizione sul tappeto rosso con un sontuoso abito bianco a sirena di Mark Zunino, dalla scollatura a cuore.
La provocante attrice 45enne, conosciuta soprattutto per il ruolo di Gloria nella serie tv Modern Family, era accompagnata da Manolo Gonzalez Vergara, il bellissimo figlio 25enne nato dal suo primo matrimonio, a sua volta star del cinema e della tv.

Le donne curvy sono belle e sane: Claudia Gerini testimonial dell’evento

Un inno alla bellezza e alle donne formose è stato lanciato in occasione dell’incontro dedicato alle donne curvy dal titolo Iff – Informa Con Le Forme – Abbasso I Canoni Estetici. Testimonial e promotrice è stata Claudia Gerini, arrivata in sella al suo scooter e in forma smagliante.

GERINI 1_21145155

“La donna è una meravigliosa armonia tra spigoli del carattere e curve del proprio corpo”, è stato il mantra dell’evento sotto l’hashtag/tormentone #informaconleforme e nato dall’idea del personal trainer Francesco Simone, che dal 2015 ha realizzato un percorso esperienziale da trainer di corsi collettivi e personal trainer.
Alla tavola rotonda – moderata da Fanny Cadeo – hanno partecipato il preparatore atletico Vito Toraldo titolare del centro sportivo StarFit Parioli, il medico metabolico e responsabile scientifica del progetto Angela Marsocci, la psicoteraeuta Irene Bozzi, la personal della chirurgia estetica più cliccata del web Francesca D’Orio
Tra gli ospiti, accolti da Emilio Sturla Furnò che ha curato l’evento, anche Chiara Nardelli, Rosaria Renna, i chirurghi plastici Camillo D’Antonio, Francesco Tempesta e Massimo Marchetti, il cosmetologo Valentina Voto, Elena Aceto di Capriglia, Carla Montani e Lucio Dessolis, l’astrologa Adriana Sarno.
In platea anche la modella curvy Vanessa Strampella e la presidente dell’associazione Curvy Pride Marianna Lo Preiato. “In entrambe le mie gravidanze” – ha detto la Gerini – “ho preso parecchi chili che, poi, con sana alimentazione e corretta attiività fisica ho perso ritrovando il mio peso forma. Ho compreso come sia importante stare bene con se stessi e come sia necessario un percorso ad ho per stare in forma”. Un tributo alla vera Bellezza e un messaggio di lotta contro patologie come l’anoressia e bulimia. IFF ha l’ambizione di rappresentare un punto di riferimento finora unico dedicato alle esigenze della donna Curvy e come tale si propone i allargare il suo raggio d’azione sociale come strumento di “Educazione alle Curve”.
IFF intende, appunto, mettere in ordine in questo sistema così complesso poiché, dicono gli organizzatori – la Salute è elemento fondamentale ed è assai pericoloso puntare la preparazione atletica sul raggiungimento di fattori estetici standardizzati. Bellezza e Benessere devono viaggiare sul medesimo binario, in paralleo, perché la vera Bellezza non ha taglia se è in Salute. “Tutto è incominciato quanto ho iniziato ad assistere nella loro preparazione soggetti che avevano subito discriminazione o bodyshaming a causa della conformazione corporea” – ha spiegato l’ideatore – “Ho osservato il loro grave disagio, il loro sentimento di non auto-accettazione del proprio corpo in un ambiente (come quello del centro fitness) in cui viene esaltato e promosso un canone estetico standardizzato che passa per taglie e centimetri”. E’dedicato a Tutti, ma in particolare alle donne Curvy questo progetto che coinvolge numerosi professionisti in tutta Italia, creando una community di riferimento. Il trainer 2.0 deve essere capace tecnicamente ed emotivamente. Deve favorire la crescita dell’autostima e dell’accettazione dell’ego corporeo, fattori di primaria importanza in questo contesto. Due le tipologie di servizi: Assistenza One to One (Personal Curvy training) e Assistenza a distanza (Curvy Coaching On line ). IFF ha l’obiettivo di diffondere un messaggio di salute, indipendentemente da canoni estetici, attraverso un percorso di sana alimentazione e attività fisica strutturata.
Healthy cockatil con pinzimonio e frittini di verdure accompagnato da succhi di frutta e bollicine.

Tutti nudi nelle gelide acque del Mare del Nord: e lo scopo è benefico

Nudi per aiutare chi soffre di salute mentale. È il consueto tuffo senza costume nelle gelide acque delle coste di Northumberland, nel Regno Unito al confine con la Scozia.

nudimare_25211022

L’evento, che avviene nella domenica successiva all’equinozio d’Autunno si chiama Annual North East Skinny Dip.
Erano quasi in 500 a sfidare il freddo e l’imbarazzo per questo tuffo avvenuto alle prime luci dell’alba. “L’atmosfera era meravigliosa, c’era un’energia magica”, racconta uno dei protagonisti. Lo riporta il Mail Online.

Bimbo nasce senza rompere il sacco amniotico: accade ogni 80mila nascite

Nascere con la camicia. Un caso raro, un’opportunità quasi unica nella vita anche per i medici che vedono venire al mondo nuove vite ogni giorno: nella clinica di Santa Casa de Misericórdia a Barretos, in Brasile, un bimbo è nato all’interno del sacco amniotico ancora intatto.

image-85-690x300

Un evento che avviene una volta ogni 80mila nascite e che ha commosso anche i dottori che hanno assistito al parto e non hanno perso l’occasione di immortalare la scena: nel filmato si vede il piccolo rannicchiato all’interno della sua “bolla” in attesa di salutare, con il suo primo vagito, il mondo. È bastato un taglietto col bisturi da parte del chirurgo e il piccolo è sbucato fuori da quella che è stata la sua “casa” per nove mesi. Quello avvenuto in Brasile è un evento sporadico perché il sacco amniotico di norma si rompe poco prima del parto, in quella che è generalmente indicata come “la rottura delle acque”. Proprio per la sua rarità le immagini del bimbo hanno già fatto il giro del mondo e sono state viste on line da oltre 7 milioni di utenti.