Capelli e alimentazione

La salute dei capelli passa anche dalla tavola.
Una dieta equilibrata, variata e povera di grassi saturi costituisce un’importante premessa per mantenerli sani,
forti e lucenti e per prevenire la loro caduta e mantenere
nel tempo l’intensità del colore naturale.
Carenze dietetiche e squilibri alimentari, uniti a stress, consumo di alcolici e fumo, sono invece fattori che ne possono minare la salute e, di conseguenza, anche la bellezza.
I capelli sono costituiti prevalentemente da proteine, la
cistina e la lisina, due aminoacidi essenziali. La parte restante, invece, è costituita da acqua, lipidi, pigmenti
e oligoelementi. Il termine essenziali indica l’incapacità dell’organismo di sintetizzarli, è necessario, pertanto,
che la nostra dieta fornisca ai capelli le stesse sostanze di cui sono composti, favorendo in questo modo il loro stato di salute.
Gli alimenti che favoriscono maggiormente la salute e la bellezza dei capelli sono quelli che contengono vitamine, proteine e zuccheri integrali.

Le vitamine più importanti per i capelli sono:

    – La vitamina A, presente principalmente nel tuorlo d’uovo, nel fegato, nei pesci grassi, nelle verdure a foglia verde e nei latticini, fondamentale anche per la salute della pelle.
    – La vitamina B2, presente nelle uova, nel lievito di birra, nei latticini, nei broccoli e nei fagiolini, regola la secrezione sebacea e favorisce il ricambio cellulare.
   vitamine,minerali e oligoelementi utili per la salute dei capelli,capelli opachi,capelli grassi,vitamina b2,antiossidanti – La vitamina B4, presente nella carne, nei cereali, nel tuorlo d’uovo, nelle patate, nei cavoli e nei pomodori, regola l’attività del follicolo pilifero. – La vitamina B5, presente nel fegato, nelle uova, nelle arachidi, nei funghi e nei broccoli, contribuisce ad aumentare la robustezza e ad accelerare la crescita dei capelli.
    – La vitamina E, presente negli oli vegetali, nei cereali integrali e nel germe di grano, è in grado di contrastare i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento e della caduta dei capelli.

Altrettanto indispensabili sono i minerali e gli oligoelementi come:

    – Ferro, indispensabile per l’ossigenazione dei tessuti e del cuoio capelluto. Carne rossa, spinaci e frutta secca ne sono ricchi.
    – Zinco, presente nei fagioli secchi, nella carne e nel pesce, favorisce la crescita fisiologica dei capelli.
    – Zolfo, di cui è ricco il germe di grano, rende i capelli lucidi e soffici.
    – Rame, contribuisce alla formazione della melanina importante per la colorazione dei capelli. Lo si trova negli spinaci, nei crostacei e nelle patate.

Anche gli zuccheri rivestono un ruolo importante nel mantenimento di una chioma forte e sana. È preferibile sceglierli integrali, come la pasta e il riso, e limitare quelli raffinati presenti soprattutto nei dolci.
Una dieta povera di vitamine, minerali, proteine ed oligoelementi può ridurre il diametro del bulbo dei capelli provocandone un’atrofia, e, se la carenza di queste sostanze è cronica, gli effetti sono ancora più gravi.

La dieta per avere capelli sani
Per curare e migliorare la salute dei nostri capelli, possiamo servirci dell’alimentazione a nostro favore. Anche se non esistono cibi in grado di arrestare la caduta dei capelli, che va curata da dermatologi e tricologi, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale par la salute di tutto l’organismo, compresi i capelli. Una dieta bilanciata e ricca di sostanze nutrienti è in grado, quindi, di mantenerli sempre sani e in forma.

Ecco alcuni alimenti consigliati per affrontare a tavola le più diffuse problematiche dei capelli:

    – Caduta: germe di grano fresco e olio di germe di grano, semi e olio di girasole, nocciole, mandorle e olio di mandorle, cereali integrali, tuorlo d’uovo e fegato di merluzzo. Tutti questi alimenti sono ricchi di vitamina E, in grado di contrastare i radicali liberi e di prevenire la calvizie.
    – Forfora: se la cute è coperta di forfora, in alcuni casi la situazione può risolversi con l’assunzione di Selenio, che, non deve però superare i 55 mcg al giorno, ne sono ricchi il germe di grano, il lievito di birra, carne e pesce.
    – Capelli opachi: indispensabili sono Colina e Inositolo, che, associati alle vitamine del gruppo B, in particolare Biotina e Acido Pantotecnico, ridanno tono alla capigliatura prevenendone lo sfibramento. Questi elementi sono contenuti nel lievito di birra, nei cereali integrali non trattati e negli agrumi.
    – Capelli grassi: è utile la vitamina B2, contenuta nel miglio integrale, nel lievito di birra, nei pinoli, nelle arachidi, nelle noci, nei pistacchi e nel germe di grano.
    – Capelli bianchi: non esistono cibi in grado di arrestare l’incanutimento dei capelli, tuttavia esistono alimenti che contengono un’elevata percentuale di antiossidanti che svoglono un’attività anti-radicali liberi, cioè anti-invecchiamento. Tè verde, fragole, mirtilli, uva nera, cavolo verde, spinaci e olio d’oliva sono alcuni degli alimenti più ricchi di antiossidanti.

Miti da sfatare sui capelli

– Lo shampoo non indebolisce i capelli e non ne causa la caduta
Il tempo di contatto dello shampoo con il cuoio capelluto è molto breve, il prodotto è, infatti, diluito con l’acqua e risciacquato dopo pochi minuti: non esistono quindi shampoo che causano un’aumentata caduta dei capelli.

– Tagliare i capelli non li rende più forti (ma può migliorarne l’estetica)
La parte del capello che fuoriesce dal cuoio capelluto è morta, di conseguenza il capello non trae alcun beneficio dal taglio. Tuttavia, la capigliatura appare più gradevole esteticamente e più corposa perchè le punte dei capelli, eliminate con il taglio, sono la parte più rovinata ed assottigliata.

 Lavare spesso i capelli non li danneggia– Lavare spesso i capelli non li danneggia
Lavare i capelli frequentemente non solo non è dannoso,
ma previene malattie del cuoio capelluto come la dermatite seborroica, che possono provocare un’aumentata caduta
dei capelli.
I capelli si possono lavare anche quotidianamente: il motivo
per cui i capelli cadono durante il lavaggio è che il trauma meccanico facilita il distacco delle radici in telogen, ovvero
di quei capelli in fase di riposo già destinati a cadere.
L’importante è che lo shampoo utilizzato sia delicato e
l’acqua non sia troppo calcarea. In caso di capelli secchi
e rovinati, però, è consigliabile utilizzare il balsamo per proteggere durante la pettinatura e l’asciugatura. È inoltre importante non asciugare i capelli con aria troppo calda
o con il phon a distanza troppo ravvicinata.

– Lacca e gel non sono dannosi
Questi prodotti non penetrano attraverso il cuoio capelluto,
ma si depositano sul fusto, di conseguenza non hanno effetti sul follicolo e quindi sul capello che cresce.
Bisogna stare attenti però alla qualità dei prodotti. I prodotti di buona qualità formano intorno al capello una pellicola invisibile che permette la tenuta della piega e ha una funzione protettiva.

– L’origine delle doppie punte: pettinatura, phon caldo, tinture, permanenti
È importante non aggredire i capelli ma essere il più possibile delicati nel trattarli.
Trattamenti troppo intensi danneggiano la cuticola e poi la corteccia, causando le doppie punte. Per questo bisogna proteggere quotidianamente i capelli: l’unico altro rimedio per le doppie punte è il taglio.

– Il sebo e i capelli
Il rivestimento di sebo che abbiamo sui capelli protegge il fusto dall’ambiente. Il sebo, presente nella parte superiore del follicolo, non interferisce con l’attività della matrice. Quando fuoriesce dal follicolo, invece, il sebo si deposita sulla cute e si diffonde sul capello ad una velocità crescente quanto più il sebo è fluido ed i capelli sono sottili.
Visto che il calore tende a fluidificare il sebo, i soggetti con aumentata seborrea e capelli grassi dovrebbero evitare l’uso del phon caldo.
Anche toccare e pettinare frequentemente i capelli favorisce la diffusione del sebo e peggiora il problema dei capelli grassi.
Contrariamente a quanto molti pensano, invece, la secrezione sebacea non è influenzata dal lavaggio.

– Il casco protettivo per i motoveicoli e i cappelli non sono causa di caduta
Contrariamente a quanto si crede, l’uso di cappelli o del casco non genera un aumento della caduta dei capelli. Anzi, permette di proteggere il cuoio capelluto dal sole.
La falsa credenza che lega caduta dei capelli e casco è forse dovuta al fatto che chi perde molti capelli può facilmente rinvenirli sul cappello o nel casco.

– Tagliare i capelli non è di alcuna utilità in caso di caduta o di diradamento
È, infatti, utile solo se sono presenti doppie punte o altre alterazioni esterne del fusto, o per un fatto puramente estetico.

– La rasatura non rende i capelli più forti o grossi
I capelli appaiono più grossi solo perché asportiamo l’estremità, che è naturalmente più sottile. In realtà, però, la rasatura non modifica lo spessore o la densità dei capelli.

La salute è scritta nei capelli

Delle ricerche recenti hanno dimostrato che i capelli registrano i nostri stati d’ansia, come le arrabbiature e lo stress ne conservano il ricordo per tanto tempo, anche se si sono superati i momenti bui, la cosa sorprendente e assai curiosa sta nei capelli, si può leggere il rischio di possibili infarti, tutto questo come si fa a capirlo?

Una delle ricerche è stata pubblicata di recente sulla rivista ‘Stress’ è stata realizzata da un team di ricercatori della Western Ontario University, che si basa sulla misurazione di livelli di cortisolo, considerato l’ormone dello stress nell’organismo.

Il team di ricercatori canadesi hanno notato che il cortisolo viene trattenuto dai fusti piliferi con vita più lunga, i capelli rivelano di avere un archivio in grado di ricordare tutto lo stress che ci logora, anche se al momento delle analisi è superato.

Il coordinatore della ricerca Gideon Koren ci spiega che i capelli in media crescono di un centimetro o due al mese, se si prende un campione di capelli lunghi sei centimetri e misuriamo la concentrazione del cortisolo che possiamo analizzare i livelli di stress degli ultimi sei mesi.

capelli, malattie cardiovascolari, storie simili di diabete, rischio ,bellezza,concentrazione del cortisolo ,stress ,vita più lunga,

Il cortisolo è un agente che preannuncia malattie cardiovascolari, i ricercatori in un esperimento su 110 volontari analizzati hanno notato che alcuni avevano delle storie simili di diabete, ipertensione e infarti.

I risultati della ricerca potrebbero convincere i soggetti che sono a rischio ma anche le persone sane e riflettere sul proprio stile di vita e nel caso cambiarlo per prevenire il peggio. I capelli sono gli alleati della nostra bellezza e della nostra salute.

Consigli per curare i capelli

– Proteggere i capelli dal sole
Le radiazioni UV, unite agli effetti aggressivi dell’acqua salmastra, rovinano la fibra dei capelli. Il calore e il sole, inoltre, causano il sollevamento delle cellule della cuticola, che non riflettono più la luce: i capelli diventano opachi e secchi.
È quindi importante proteggere anche i nostri capelli dal sole con l’uso del cappello o di prodotti contenenti filtri UV. Ne sono esempio gli oli secchi, che danno un “effetto bagnato”, e gli spray invisibili, che proteggono pur mantenendo un aspetto naturale.

– Non eccedere con i “colpi di spazzola”
Le spazzolature violente o troppo intense rovinano la fibra del capello, arrivando a volte anche a spezzarlo. Spazzolatura e pettinatura, infatti, sollevano le cellule della cuticola danneggiando il capello.
I capelli in superficie subiscono maggiormente l’attrito di spazzole e pettini, per questo sono di solito più rovinati.

capelli-consigli.jpg

Una spazzolatura delicata e non troppo prolungata con una spazzola morbida, invece, può liberare i capelli da residui di polvere o cosmetici fissanti senza danneggiarli.

– Non pettinare i capelli quando sono bagnati
La resistenza del capello diminuisce quando è imbevuto d’acqua. Bisogna quindi evitare di pettinare i capelli ancora bagnati, soprattutto se non è stato utilizzato il balsamo.

– Limitare trattamenti chimici come decolorazione e permanente
I procedimenti chimici come la decolorazione e la permanente causano spesso la rottura dei legami presenti fra gli atomi di zolfo della cistina, aminoacido che costituisce la cheratina dura. La resistenza del fusto è dovuta alle cheratine della corteccia: se la corteccia viene danneggiata il capello diventa fragile e si può spezzare.
Se effettuate correttamente, comunque, queste pratiche cosmetiche non agiscono sul follicolo e non causano un’aumentata caduta.

– Pulire periodicamente il filtro dell’asciugacapelli
I capelli che rimangono nel filtro, ostruendo la resistenza, aumentano la temperatura emessa, danneggiando così i capelli.

– Usare sempre balsamo o maschera
Balsamo e maschera sono complementi indispensabili dello shampoo
perché formano una pellicola protettiva che previene il danneggiamento
della cuticola causato dagli agenti esterni. Sono fondamentali soprattutto
per chi ha i capelli lunghi e per chi effettua tinture, decolorazioni o permanenti. Contrariamente a quanto alcuni credono, il balsamo non appesantisce i capelli. Inoltre, esistono formulazioni specifiche per ogni esigenza (per capelli grassi, fragili, spenti e così via).

– Lavare più spesso i capelli se si utilizzano gel, schiume o spray fissanti
I residui di gel, schiume e spray depositati sul cuoio capelluto possono favorire la forfora e la dermatite seborroica, per questo è bene lavare i capelli con una maggiore frequenza.

– Proteggere i capelli dal cloro della piscina
Il cloro può danneggiare il fusto e favorire la comparsa di doppie punte, o decolorare i capelli conferendo talvolta ai capelli biondi un colorito “verdastro”. Per questo è importante proteggere i capelli con prodotti appositi, e con l’uso della cuffia.