Truccarsi metà viso, l’ultima battaglia social delle donne: ecco perché lo fanno

Esaltazione della bellezza naturale? Nulla da dire, ma la vanità è donna e cercare di sentirsi belle e in ordine non è certo un peccato.

20150626_101122_112919488_e7c510b7_568c_4ece_81f6_fdcda5Sui social in questi giorni, a tal riguardo, è partita una vera e propria campagna che vuole rispondere alle provocazioni di chi sostiene la bellezza naturale, chi è contro il make up, chi sostiene che la donna sia artefatta solo per piacere agli altri. «Io non mi voglio vergognare. Non mi trucco per gli altri, mi trucco per me stessa», questo il motto della protesta partita con l’hashtag #ThePowerOfMakeUp.

Camomilla, una tazza al giorno allunga la vita

La camomilla, oltre che calmare e spesso far digerire, sembra essere in grado di allungare la vita.

tisana1

Lo sostiene uno studio condotto all’università del Texas (Usa) e pubblicato sulla rivista scientifica “The Gerontologist”. I risultati della ricerca hanno rilevato che, bere ogni giorno l’infuso di fiori di camomilla, riduce del 29% il rischio di morte prematura rispetto a chi non lo ha mai bevuto. Sono stati presi a campione 1.677 uomini e donne di origine ispano-messicana, tenuti sotto controllo per 7 anni. Al termine dello studio è stato evidenziato che, non solo la camomilla riesca a prolungare la vita, ma ha anche un effetto contro i microbi e contro le infiamamzioni, oltre ad essere un antiossidante naturale.

Tatuaggi e piercing, infezioni per un giovane su 4

Un quarto dei ragazzi che si sono sottoposti a tatuaggi e piercing ha avuto problemi di infezioni. Lo rivela una ricerca condotta dall’università di Tor Vergata su 2500 studenti liceali coinvolti con questionario anonimo, ha evidenziato come il 24% degli intervistati ha avuto complicanze infettive.   Solo il 17% ha firmato un consenso informato e uno scarno 54% è sicuro della sterilità degli strumenti che sono stati utilizzati. I rischi: dal virus dell’epatite B e C fino al virus dell’Aids.

tatuaggio-total-body

Inoltre, da recenti studi scientifici, è stato rilevato come l’inoculazione nella cute di sostanze chimiche non controllate costituisca un rischio di reazioni indesiderate di tipo tossicologico o di sensibilizzazione allergica. «Se l’80% dei ragazzi ha affermato di essere a conoscenza dei rischi di infezione, solo il 5% è informato correttamente sulle malattie che possono essere trasmesse – spiega la dottoressa Carla Di Stefano autrice dell’indagine – ».  Eppure il 27% del campione ha dichiarato di avere almeno un piercing, il 20% sfoggia un tatuaggio e sono ancora di più gli aspiranti: il 20% degli intervistati ha dichiarato l’intenzione di farsi un piercing e il 32% di ornare la pelle con un tatuaggio.  «Il dato scientificamente più interessante – commenta la Di Stefano – sta nei tempi di sopravvivenza del virus rilevati negli aghi e nell’inchiostro, variabile da pochi giorni nell’ambiente a quasi un mese nell’anestetico: dato ancora più preoccupante se incrociato con la scelta degli adolescenti verso locali spesso economici e non a norma».  «Per quello che riguarda tatuaggi e piercing non ci sono casistiche da procedure effettuate in studi professionali ma il rischio aumenta quando queste procedure vengono eseguite da principianti in strutture con scarse condizioni igieniche e sterilità degli strumenti o con strumenti improvvisati, come corde di chitarra, graffette o aghi da cucito ma anche nelle carceri o in situazioni non regolate come l’ambiente domestico», interviene il professor Vincenzo Bruzzese, presidente del Congresso di Gastroreumatologia dove è stata presentata la ricerca.

Dong Lei, la modella dalle gambe lunghissime: a soli 20 anni è già una superstar del web

La Cina va matta per Dong Lei, una modella di 20 anni che è diventata una vera e propria star del web grazie alle sue gambe lunghissime.
Gli arti di questa ragazza, infatti, misurano 114 centimetri e sono diventate il segreto del suo successo.

isupermodel-4

Dong ha studiato sperando di diventare un’insegnante, ma tutti le suggerivano di entrare nel mondo della moda. Così ha partecipato ad un concorso di bellezza a Pechino che le ha aperto la strada e di recente a un programma tv americano ‘Supermodel’. Dong è stata soprannominata “tui tui”, cioè “gambe lunghe” ed è sorpresa dal suo successo: “Mi piace molto la mia vita e il mio lavoro, volo in giro per il mondo e mi sento come se fossi continuamente in vacanza. Lavorerò duro per avere successo in futuro e per raggiungere il meglio”. Le sue gambe, però, non sono le più lunghe al mondo. L’ex giocatrice di basket Svetlana Pankratova, dalla Russia, è entrata nel Guinness World Records con i suoi 130 centimetri di cosce.

Sesso, in aiuto alla disfunzione erettile boom della pillola made in Italy: agisce subito e con forte dosaggio

Continua inarrestabile il boom di vendite dell’Avanafil, la nuova molecola italiana per il trattamento delle disfunzioni erettili.

Consigli-per-un-weekend-romantico-cominciate-la-giornata-con-un-sorrisoLanciata sul mercato da poco più di un anno, la nuova pillola dell’amore Made in Italy ha superato la cifra di 1,3 milioni di pillole vendute in Italia. La pillola è al centro dei riflettori nel XXXI congresso della società Italiana di Andrologia, in corso di svolgimento a Napoli: «Il successo della nuova molecola – spiega Carlo Bettocchi, professore di urologia al Policlinico di Bari – dipende dalla sua forte tollerabilità anche al dosaggio massimo. Senza dimenticare l’orgoglio di un prodotto italiano di grande efficacia».  Tra le cause del successo della nuova pillola, evidenziate dagli intervenuti al congresso di Napoli, anche la possibilità di non dover pianificare il rapporto sessuale vista la rapidità d’azione della pillola.

Mandolino o curvy? Ecco i 4 tipi di lato B preferiti dagli uomini

Il lato B, si sa, resta una delle parti del corpo femminile con maggior potere seduttivo. Ma quali sono i quattro tipi di fondoschiena che gli uomini apprezzano di più?  Primo posto per il lato B a pesca, corposo ma dalle dimensioni contenute. È tipico in genere di ragazze magre come Elisabetta Canalis.

a4

Medaglia d’argento per il sedere a pera, più voluminoso nella parte inferiore. Come quello della sexy Jennifer Lopez. Terzo posto per il lato B pomodoro, piccolo e sodo. Un’esponente della “categoria” è Nina Moric. E infine quarto posto per il sedere cuscino. Ampio, morbido e voluttuoso, tipico delle donne curvy. Un esempio su tutti? Kim Kardashian, che con il suo lato B ha stregato il pianeta.