Cura del viso: maschere fai da te con la frutta

Le creme di bellezza costano troppo e spesso non è neanche detto che funzionino poi così bene. Molte donne preferiscono scoprire i segreti dei prodotti naturali e utilizzarli per ritrovare la loro bellezza e curare la pelle senza correre il rischio di utilizzare prodotti di bellezza poco sicuri.
cura del viso, masche viso fatte in casa, maschera, maschere di bellezza fai da te.
Per aiutarvi a trovare la cura che fa per voi senza dover acquistare costosi rimedi vi segnaliamo qui qualche spuinto interessante: è sufficiente aprire il frigorifero o la dispensa di casa per trovare tutto ciò che vi serve.
Maschera per schiarire le macchie sul viso
Chi soffre di acne lo sa bene: dopo uno sfogo cutaneo capita spesso che rimangano sulla pelle delle antiestetiche macchie scure, spesso sono cicatrici che, se curate in fretta, possono sicuramente migliorare nell’aspetto. Per schiarire le macchie della pelle causate da brufoli e imperfezioni prendete due cucchiai di yogurt bianco e due cucchiai di succo di limone. Mescolate il tutto e mettetelo sulla vostra pelle lasciandolo in posa per 10 o 15 minuti. Sciacquate poi con acqua tiepida.

Maschera per pelli grasse e impure
Per le pelli oleose provate una maschera tutta naturale. Prendete dell’uva e passatela con un frullatore fino a ridurla in una crema, aggiungete due cucchiai di succo di limone e due bianchi d’uovo. Mescolate il tutto a mano e mettetelo su tutto il viso (isolate i capelli con una fascia). Lasciate agire per 20 minuti e poi sciacquate il viso con dell’acqua tiepida.

Trattamento per pelli grasse
Per le pelli grasse e molto unte che necessitano di un trattamento urto e un effetto visibile dopo due giorni, prendete una mela verde e tagliate qualche fetta spessa. Dopo aver pulito bene il viso con dell’acqua e averlo asciugato, prendete la fetta di mela e passatela su tutto il viso insistendo su naso, fronte e mento. Dedicate molto tempo a queste zone e poi risciacquate.

La cura della pelle a tutte le età, prevenire, elasticizzare e rassodare, i consigli più utili

bellezza pelle,consigli bellezza pelle,consigli pelle giovane,consigli pelle matura,macchie viso,macchie viso prevenzione,prevenzione rughe.Il problema dell’invecchiamento della pelle si può prevenire, rimandare e migliorare adottando un insieme di comportamenti giusti, che vanno da un’alimentazione sana a uno stile di vita corretto, passando, naturalmente per l’utilizzo di cosmetici specifici. Secondo gli studi più recenti, infatti, i fattori genetici incidono sullo stato della pelle solo per il 20 percento, mentre sul restante 80 per cento si può intervenire, sapendo che ogni decennio ha le sue debolezze.

Tra i 20 e i 30 anni l’operazione è pulizia e idratazione, fino ai 25 anni, poi protezione e prevenzione. Dalla routine di base di pulizia idratazione comincia la prevenzione delle prime rughe, la correzione delle macchie e delle imperfezioni. Già prima dei 30 anni si possono stimolare le papille dermiche che si trovano nella giunzione dermo epidermica, una specie di zona di confine tra l’epidermide e il derma, che con l’invecchiamento tende ad appiattirsi.

L’altro obiettivo è mantenere costante il più a lungo possibile la produzione di collagene ed elastina da parte dei fibroblasti, le cellule del derma. La soluzione è una crema da giorno che mantenga l’equilibrio cutaneo e stimoli la produzione costante di collagene, grazie a estratti vegetali specifici, e che garantisca idratazione e protezione con un filtro solare.
Tra i 30 e i 40 anni. La parola chiave rimane sempre protezione e prevenzione, a cui si aggiungono stimolazione e luminosità. Le rughe non sono sicuramente ancora marcate, ma si cominciano a vedere sul viso, i segni di stress ossidativo (dato da un’eccessiva produzione di radicali liberi, che ossidano le cellule) e stanchezza, perdita di luminosità e tono, mentre il colore della pelle non è più così omogeneo. In questa fascia di età si può puntare su principi attivi antiossidanti, sulla perdita di elasticità della pelle, o si può riattivare il potenziale genetico delle cellule grazie a “plancton” ed estratti vegetali. Una strategia che permette di replicare nuove cellule nuove e giovani. L’effetto più evidente è il rinnovamento della pelle. La soluzione è un’azione combinata di siero, crema da giorno e da notte dalle diverse proprietà sopra elencate, con cure d’urto ai cambi di stagione.

Trai 40 e i 50 anni, l’obiettivo è rassodare, rigenerare e rendere uniforme la pelle. Le rughe sono decisamente più profonde, la perdita di tono è più visibile, le macchie possono essere sempre più evidenti. L’azione più importante è la correzione senza mai, però, trascurare la prevenzione. Se il rilassamento è il problema principale, si punterà su creme a effetto lifting. I prodotti a base di calcio svolgono un’azione rassodante, che permette di ridisegnare i contorni del visto. Se invece la necessità primaria è quella di un’azione globale rassodante, ma anche rigenerante e rivitalizzante senza essere troppo decisa, perché magari la pelle è sensibile, allora si possono combinare l’azione di vitamine fondamentali come la C e la A con quella di un prodotto altamente idratante. La prima stimola le difese naturali, la seconda garantisce un buon rinnovamento cellulare. La soluzione è una crema ricchissima di principi attivi dalle azioni combinate e sinergiche per il
giorno e per la notte.

Tra i 50 e i 60 anni. In questa fascia di età la parola d’ordine è nutrire e ridensificare. Le modificazioni ormonali legate alla menopausa sono visibili in tutto il corpo e naturalmente la pelle del viso non fa eccezione. Si presenta più sottile, più secca, con rughe più visibili e profonde, ma soprattutto segnata da perdita di tono, elasticità e luminosità. Prima di tutto ci vuole un’azione globale antietà che regali al viso splendore e colorito sano che si ottiene dopo qualche giorno al sole e all’aria aperta. La soluzione è un’antirughe, rassodante e levigante, combinato a una crema che ridefinisca i volumi del volto.

Cura della pelle del corpo, i consigli per prepararla all’inverno

bellezza corpo, benessere corpo, consigli scrub corpo, esfoliazione corpo, massaggio corpo fai da te, ricetta esfoliante corpo fai da te, trattamenti corpo. Anche il corpo, proprio come il viso, ha bisogno di cure e attenzioni. Soprattutto alla fine dell’estate, dopo lunghi bagni di sole e vita all’aria aperta, sottoposta alle aggressioni atmosferiche, la pelle appare secca e disidratata. Ha bisogno di trattamenti ad hoc. Ecco come restituirle in poco tempo la giusta elasticità e idratazione. Vediamo come restituire elasticità, morbidezza e idratazione in tre passi.

Esfoliare la pelle del corpo
La pelle si rinnova naturalmente, ma questo processo nel tempo subisce un rallentamento. Le cellule morte si accumulano, l’epidermide appare spenta e ruvida. Per farle ritrovare morbidezza e luminosità è importante sottoporla a esfoliazione con appuntamenti regolari: una o due volte la settimana per avere buoni risultati. Per farlo basta usare una spugna vegetale, un guanto o un prodotto esfoliante, si massaggia la pelle bagnata, compiendo movimenti circolari. Particolare attenzione va alle zone che tendono alla secchezza, come le ginocchia, i gomiti e i piedi.
Idratare la pelle del corpo
Dopo la doccia o il bagno mentre la pelle è lievemente umida stendere su tutto il corpo un prodotto idratante e nutriente. I più indicati sono quelli che si prestano anche a un leggero messaggio, come creme soffici o burri che contengono nella formula un mix di sostante rigeneranti capaci di riequilibrare la pelle e restituirle una nuova vitalità. Particolarmente efficaci i prodotti arricchiti con burro di karitè, avocado, vitamine.

Il massaggio
Per applicare il prodotto idratante è utile concedersi anche un rapido massaggio. È una buona occasione per stimolare la circolazione, ridurre la ritenzione idrica e attenuare le tensioni. Iniziare e terminare il massaggio con movimenti leggeri e delicati che rilassano e scaldano i muscoli. Continuare con profondi movimenti ritmici ed energetici usando la punta delle dita e i palmi delle mani soprattutto sulle zone critiche (pancia, fianchi e gambe) Questi movimenti aiutano anche a disperdere l’accumulo di tossine. Terminare “schiaffeggiando” e battendo la pelle tenendo le mani a coppa, così si migliora il tono muscolare.

Ricetta esfoliante corpo fai da te
Per creare un prodotto esfoliante fai da te mescolare una manciata di farina d’avena e di crusca con un po’ di acqua di rose. Frizionare con questa miscela la pelle bagnata e risciacquare.

Capodanno 2011: come arrivarci in perfetta forma

Arriva Capodanno, ci sono i grandi veglioni dove si calca la mano, per prepararsi, basta seguire per una settimana seriamente e sarai pronta a rientrare nell’abito dello scorso anno. Ci sono casi in cui, pur mangiando davvero poco e anche privilegiando alimenti sani, il corpo tende comuqne a trasformare in grasso tutto quello che si assimila e a creare dei depositi di scorie, acidi urici e colesterolo che rallentano ulteriormente il metabolismo. Per correre ai ripari ed eliminare il grasso superfluo che spesso si manifesta sotto forma di tessuti cedevoli e cellulite, bisogna seguire una cura d’urto giocata su dieta e integratori riequilibranti.

Capodanno-2011-fai-la-dieta-di-una-settimana-e-sei-pronta.jpg

Magnesio, calcio e caffeina contro stanchezza, sbalzi d’ umore e ansia

L’ alimentazione deve essere ricca anche di due minerali, il magnesio e il calcio, necessari entrambi per la trasmissione degli impulsi nervosi e per la contrazione dei muscoli.

Il magnesio è presente in buona quantità nelle mandorle, nel mais, nelle noci e nelle sardine, mentre il calcio è abbondante nel latte, nello yogurt e nel formaggio. In definitiva, una prima colazione a base di yogurt, con muesli di cereali integrali e frutta secca, è la miglior medicina per affrontare la giornata con la giusta carica.
Anche un bel caffè, a metà mattina e dopo il pranzo, aiuta a ritrovare sprint e buonumore. Attenzione però a non esagerare: bere più di 4-5 espressi al giorno o superare le due tazze di caffè lungo all’ americana può anche dare l’ effetto contrario di indurre insonnia e, alla fine, ulteriore stanchezza. Per il break pomeridiano si può ricorrere al tè, meglio ancora se è quello verde, nel quale la caffeina è legata a particolari sostanze (tannini) che ne rallentano l’ assorbimento, evitando sbalzi di umore e garantendo una prolungata azione antifatica.

Via la malinconia con i messaggeri del buonumore

A proposito di sbalzi d’ umore, sono un altro dei problemi tipici del cambio di stagione, accompagnati da mancanza di entusiasmo, ansia e tristezza immotivata. E’ il caso allora di puntare su quei neurotrasmettitori (le sostanze che indirizzano i messaggi da una cellula all’ altra del tessuto nervoso e da una parte all’ altra del cervello) che la scienza indica come responsabili delle emozioni e dei nostri stati di animo: la serotonina, la noradrenalina e la dopamina.

La loro presenza nell’ organismo porta serenità e buonumore, ma per poterle fabbricare l’ organismo ha bisogno di introdurre con il cibo particolari sostanze: il triptofano e la tirosina. Arachidi, mandorle, tuorlo d’ uovo, pollo, tacchino, bresaola, fegato, pesce azzurro e formaggi in genere, sono tutti buone fonti di triptofano, mentre la tirosina, si trova nei legume secchi, nei semi oleosi, nel germe di frumento, nei formaggi, nelle carni suine e nei peschi più grassi (come le sarde).

Il kiwi contro arteriosclerosi, ottimo per le donne incinta, ricco di magnesio

Consigli per una colazione ideale ed equilibrata.

Il kiwi contiene molta vitamina C, addirittura superiore a limone, arancia e peperone: 100 grammi contengono almeno il 166% della quantità giornaliera raccomandata (addirittura il doppio di quella contenuta nelle arance). Tuttavia questa vitamina è molto fragile e tende a disintegrarsi con l’ aria e con il calore: per questo il kiwi è dotato di una robusta buccia esterna e di un intenso colore della polpa, il colore della clorofilla, capace di proteggere l’ integrità della vitamina E: un frutto (circa 100 grammi) fornisce più di un quinto delle quantità giornaliera consigliata.
Il-kiwi-contro-arteriosclerosi-ottimo-per-le-donne-incinta-ricco-di-magnesio.jpg
Entrambe queste vitamine sono forti antiossidanti, che aiutano nella prevenzione dell’ arteriosclerosi. I kiwi poi sono anche una ricchissima fonte naturale di magnesio. L’ alimentazione occidentale è comunemente povera di magnesio e la carenza di questo sale minerale può causare disturbi al cuore, anomalie del tessuto muscolare cardiaco e aumento della pressione sanguigna.
Il kiwi, infine, è la scelta ottimale per la donna incinta perché contiene acido folico essenziale nella prevenzione di malformazioni neonatali, e per gli anziani perché attiva la sinergia di vari componenti di vitamine e sali minerali, ma, soprattutto, per lo sviluppo del potere antiossidante dato dai suoi flavonoidi.

Il kiwi svolge anche un’ azione dissetante, rinfrescante, diuretica e depurativa; grazie all’ elevato contenuto di vitamina C potenzia le difese immunitarie e protegge la parete vascolare. L’ inositolo gli conferisce proprietà lassative, e riduce l’ assorbimento del colesterolo.

Le calorie del kiwi variano a seconda della varietà, si va dalle 44 calore alle 60 in 100 gr di kiwi.

Dimagrisci con le vitamine

Per poter affrontare al massimo certi momenti della vita come la menopausa o una gravidanza (ma non solo) il nostro organismo necessita di incrementare la dose quotidiana di vitamine: conosciamole meglio e scopriremo che sono utili anche nel caso in cui si desideri dimagrire.

acido folico, dimagrire, dimagrire con le vitamine, perdere peso con le vitamine.
Anzitutto si dividono in due gruppi principali: le vitamine liposubili (A,D,E,K) che vengono immagazzinate dal nostro corpo per mesi, contenute nella parte grassa dei cibi e le vitamine idrosolubili (vitamine del gruppo B, vitamina C, acido folico, vitamine H, PP) che si sciolgono in acqua.

Le vitamine A, C ed E vengono chiamate anche “spazzini dell’organismo” e questo perché hanno un forte potere antiossidante ed aiutano quindi a tenere lontani i temuti radicali liberi. Quelle del gruppo A sono molto importanti anche per la salute degli occhi (ed in particolar modo della retina) e favoriscono la crescita; si possono trovare principalmente nelle uova e nelle verdure.

La vitamina C è contenuta principalmente negli agrumi e nei pomodori; come è noto potenza le difese immunitarie e svolge un’azione antitossica ed evita che il colesterolo vada a finire nei tessuti e nel sangue. Una sua carenza può causare diversi tipi di infezioni.

La vitamina E ha principalmente uno scopo antiossidante ed è contenuta nel fegato e nei cereali.

La vitamina D è invece indispensabile per la corretta crescita delle ossa e tiene lontano il rachitismo.
La vitamina E è contenuta soprattutto nelle verdure e se non assunta in dosi sufficienti può causare anemia.

La vitamina K contenuta soprattutto nei vegetali ha proprietà antiemorragiche.

Per mantenere in salute unghie e pelle è indispensabile la vitamina B2 che possiamo trovare nelle uova ma anche nei cerali integrali.

L’acido folico è importante soprattutto durante la gravidanza; assumerlo nelle dosi corrette consente un normale decorso della stessa. Ma una carenza di acido folico può causare anche malattie cardiovascolari. Si trova negli ortaggi, nei legumi, nel pesce, nel lievito di birra e nel fegato.

DURANTE LA MENOPAUSA

Le donne in questo periodo dovrebbero assumere vitamina A, D, B per contrastare gli effetti dell’invecchiamento.

VITAMINE PER DIMAGRIRE

Se volete perdere peso le vitamine che fanno al caso vostro sono la C, che ricordo essere contenuta principalmente in alimenti poco calorici e ricchi di fibre con un elevato potere saziante e depurativo ma anche la vitamina A che ha invece un effetto “anti-rilassamento” ed è quindi particolarmente indicata dopo una dieta per mantenere la pelle soda ed elastica.

Le vitamine del gruppo B mantengono il metabolismo attivo ed aiutano anche la tiroide a svolgere correttamente tutte le sue funzioni.

Bacino e gambe

La bellezza delle gambe dipende essenzialmente da tre fattori:Una corretta alimentazione, un esercizio fisico mirato costante e continuo, l’idratazione e la nutrizione della pelle.In alcuni casi tuttavia è necessaria un’attenzione ancora maggiore: varici, cellulite e smagliature rappresentano i maggiori problemi che purtroppo interessano proprio gli arti inferiori di molte donne.In questa sezione potrai approfondire ciascuno dei seguenti argomenti:esercizio 11) Sdraiarsi con le gambe unite e le braccia distese, larghe dal busto.2) Mantenere la schiena ben distesa sul pavimento.3) Allargare e flettere le ginocchia, unendo le piante dei piedi.4) Inspirare, mantenere le gambe unite e piegarle verso l’addome.5) Espirare, unendo le ginocchia e poggiare i piedi al suolo.6) Far scivolare i piedi fino a tornare nella posizione di partenza.– esercizio 21) Sdraiarsi con le gambe piegate e i piedi poggiati a terra; tenere le braccia ben larghe dal corpo.2) Far scendere lentamente le ginocchia fino a terra verso destra.3) Rilassarsi in questa posizione per qualche secondo.4) Tornare nella posizione iniziale e ripetere l’esercizio a sinistra.– esercizio 31) Sdraiarsi con le gambe unite e le braccia distese, molto larghe dal busto.2) Sollevare la gamba destra, mantenendola distesa.3) Far arrivare il piede destro a toccare la mano sinistra.4) Tornare nella posizione iniziale e fare l’esercizio con la gamba sinistra– esercizio-41) Sdraiarsi con le gambe distese e unite, le braccia allargate.2) Piegare le gambe verso sinistra, torcendo il bacino e nello stesso tempo girare la testa verso destra.3) Distendere le gambe verso sinistra.4) Riportare le gambe distese nella posizione iniziale.5) Ripetere il movimento delle gambe verso destra– esercizio-51) Sdraiarsi sul fianco destro con il braccio destro disteso sotto la testa, il braccio sinistro poggiato a terra e le gambe unite e distese.2) Piegare le gambe unite verso lo sterno.3) Distenderle leggermente sollevate.4) Piegarle di nuovo appoggiate a terra e distenderle di nuovo, sempre appoggiate a terra.5) Fare attenzione che durante l’esercizio i muscoli di schiena e addome lavorino correttamente.– esercizio-61) Sdraiarsi sul fianco destro con il braccio destro disteso sotto la testa, il braccio sinistro poggiato a terra; la gamba sinistra piegata e poggiata a terra.2) Distendere la gamba sinistra e portarla verso dietro.3) Mettere la gamba in asse con il corpo e alzarla.4) Riportare la gamba nella posizione di partenza e rilassarsi.5) Durante tutto l’esercizio la schiena non deve essere inarcata.6) Si può semplificare l’esercizio iniziando con entrambe le gambe distese, alzando lentamente la sinistra e riportandola in posizione iniziale.7) Ripetere sull’altro fianco.– esercizio-71) Sdraiarsi unendo le gambe e allargando le braccia.2) Far salire il piede destro fino all’altezza del ginocchio sinistro, muovendo la coscia destra verso l’esterno.3) Tornare nella posizione iniziale.4) Ripetere il movimento, facendo ruotare però la coscia destra verso l’interno e portando il piede destro verso l’esterno.5) Ripetere i due esercizi con la gamba sinistra– esercizio_81) Mettersi in ginocchio con le braccia alzate e la schiena dritta.2) Portando le braccia a sinistra, sedersi a destra dei piedi.3) Tornare in ginocchio e ripetere l’esercizio per l’altro lato.

Idratare e massaggiare il viso

pelle,pelle tendenzialmente secca, palpebra,attaccatura dei capelli,guance,zigomi,fredo,freddo, vento, sole, zigomi,principi attivi,crema specifica,idratanti, rivitalizzanti,elementi nutritivi, vitamine,  vegetali, pelle fresca e tonica, pelle sensibile, Per una pelle più bella e per ottenere dei buoni risultati, (che con un po’ di costanza si apprezzano giorno dopo giorno!) è indispensabile prima di tutto scegliere con cura il tipo di crema giusto!
Ricorda infatti di usare al mattino un tipo di crema idratante, mentre alla sera scegli prodotti nutrienti, che possano donare sollievo e morbidezza alla tua pelle!

La scelta dell’idratante giusto
1) Se hai la pelle normale e non particolarmente sensibile
scegli idratanti a base di principi umettanti (ad esempio: estratto di latte di cocco e glicerina), di grassi e principi che aiutano la pelle a trattenere l’acqua, indispensabile per mantenere la pelle fresca e tonica.

2) Se hai la pelle tendenzialmente secca
puoi usare idratanti dalla formula arricchita con principi nutrienti (ad esempio: oli vegetali, karité, latte di riso e ceramidi) per aumentare l’idratazione della pelle e tenerla sempre tonica ed elastica.

3) Se la tua pelle è molto stressata e secca
e subisce gli effetti degli agenti atmosferici (freddo, vento, sole …) ti consigliamo trattamenti più energizzanti dei normali idratanti.
In questo caso esistono creme idratanti a base di elementi nutritivi come vitamine, oligoelementi (ad esempio: ferro, rame, zinco, magnesio) efficacissime come tonici e rivitalizzanti.

L’importanza del massaggio del viso
Massaggiare la pelle del viso nel modo giusto aiuta il perfetto assorbimento della crema idratante o nutriente in modo che i principi attivi contenuti riescano ad agire al meglio!
La crema va applicata con un delicato massaggio, da effettuare con i polpastrelli, che vada a seguire la direzione dei muscoli: dall’interno verso l’esterno e dal basso verso l’alto.

Segui i nostri consigli!
• fronte: stendi la crema tra le sopracciglia e massaggia in direzione dell’attaccatura dei capelli.
• contorno occhi: massaggia molto delicatamente, utilizzando una crema specifica, sulla palpebra inferiore dall’angolo interno dell’occhio verso l’esterno, continuando il movimento sulla palpebra superiore verso l’angolo interno.
• guance: applica la crema sugli angoli della bocca e del labbro superiore, eseguendo il massaggio con movimenti circolari verso gli zigomi.
• mento: distendi la crema dal centro in direzione delle orecchie.
• collo: massaggia con movimenti circolari dall’alto verso il basso e dall’interno verso l’esterno.